FarOVale

Oggi, miei cari lettori, vi propongo l’intervista ai blogger che animano il blog FarOVale. Tre donne ed un uomo dall’identità misteriosa che dai primi di luglio 2012 ci raccontano le loro vite, i loro amori ed i loro viaggi. Questo blog è glamour come la serie Sex and the City e divertente come quella di Friends. Se vi capita visitatelo poiché merita il vostro tempo. Non ve ne pentirete. 

Di quante persone è composto il team di FarOVale?

Ro: Per ora hanno scritto sul blog solo quattro persone, ma mi piace considerare che la nostra sia una comunità, più che un gruppo chiuso.

Bachelorette: Siamo quattro, o almeno mi pare.

Vale: Per ora quattro.

Fa: Quanto sono fortunato a condividere un blog con tre splendide donne?

Qual è la vostra età?

Ro: Ho la stessa età dei nostri lettori, su per giù. Sono più giovane di te, dai.

Bachelorette: Non si chiede l’età ad una signora!

Vale: Più di 30 meno di 40.

Fa: Pochi mesi prima che io nascessi l’esercito vietnamita entrava in Cambogia e metteva fine al regime di Pol Pot e dei Khmer Rossi.

Quali studi avete alle spalle e che professione svolgete?

Ro: Asilo e un po’ di elementari dalle suore, poi qualche scuola statale, maturità classica dai preti e poi economia all’università.

Bachelorette: Io ho studiato tedesco in Germania. Al momento lavoro come artista.

Vale: Liceo classico poi università. Il mio lavoro rientra nell’ambito sociosanitario.

Fa: Ho una formazione prettamente umanistica. Dal liceo all’università sono stato discretamente circondato da donne. Inutilmente. Mi occupo di crescita personale, mettiamola così.

Trovo le vostre foto bellissime perché aumentano l’alone di mistero che vi circonda. Ma una domanda sorge spontanea: quelli ritratti siete proprio voi?

Ro: No, non sono io nella foto del mio profilo, però mi assomiglia molto. Un giorno ero dal parrucchiere e avevo un Vogue sotto il naso. La modella mi era piaciuta particolarmente e le ho scattato una foto. Ho un vestito simile e, talvolta, la stessa espressione.

Bachelorette: E’ un pezzo che dico che vorrei esserci anche io sull’immagine della testata, ma gli altri mi hanno detto che dovrei intanto fornire una foto che ben si accosti alle altre. Così in definitiva per il momento ci sono e non ci sono.

Vale: Non sono io quella della foto, ho preferito non essere riconoscibile, anche per il lavoro che svolgo.

Fa: Quello sono proprio io. Ma abbiamo un bravo grafico. Anzi, una.

Come è nata l’idea di un blog collettivo?

Ro: Un giorno io e Fa eravamo seduti sotto un pino del giardino di una villa a Frascati. Ascoltavamo una canzone dal mio telefonino. Era forse primo pomeriggio e parlavamo di cose da fare insieme, facevamo una lista di cose che ci piacciono e che avremmo dovuto fare. Avevamo appena conosciuto un ragazzo appassionato di geopolitica che diceva di aver aperto un blog l’anno prima e ci stava anche facendo i soldi. Ci siamo detti che potevamo aprire anche noi un blog, ché di soldi c’era bisogno. Qualche giorno dopo ho dato un’occhiata al blog del tipo: era graficamente scadente e più che di geopolitica scriveva di calcio in Cina. Ne ho parlato anche con Vale e lei ha subito detto che le interessava. Così è nato FarOVale.

Bachelorette: Non ne ho la più pallida idea. Un giorno ho detto che mi piaceva scrivere un po’ e me l’hanno fatto fare, con la promessa di non dire troppe cazzate.

Vale: Me ne ha parlato Ro, molto probabilmente davanti ad un bicchiere di vino. E le proposte fatte in certi momenti non si possono rifiutare!

Fa: Quoto la versione di Ro. Giuro che non me ne ricordavo. Manco fossero passati trent’anni.

Abitate tutti nel medesimo luogo?

Ro: Press’a poco. Mi piacerebbe molto abitare tutti insieme, ma per il momento non ci sono i presupposti.

Bachelorette: Io sono quella che è più lontana. Tipo che gli altri praticamente non li vedo mai.

Vale: Abitiamo vicini, anche se io lavoro in città diverse quindi non riusciamo a vederci molto spesso, non quanto vorrei, per lo meno.

Fa: Confermo le versioni delle tre donne.

Col vostro blog cosa volete raccontare?

Ro: Come dice il sottotitolo “Hearts on Earth” , a me piace raccontare di storie di vita, di cuori. Mi piace quando qualcuno racconta a me delle storie, mi incanto. Nel blog scrivo di cose che mi piacciono, di musica che ascolto, di libri che mi appassionano, di incontri che mi fanno riflettere o posti che visito. Con gli altri avevamo detto che c’era bisogno di un po’ di classe intorno a noi, un po’ di cura, di bellezza, di attenzione alle persone e al mondo e magari arte, fosse anche solo culinaria: questa penso sia la linea di fondo del blog FarOVale.

Bachelorette: Tu hai presente quando ti succede qualcosa di pazzesco e devi dirlo a tutti per renderlo ancora più vivo come se prolungassi quegli istanti per renderli eterni? Ecco. Quelle storie dove sei senza fiato come dopo una corsa veloce? Il batticuore, hai presente? I pianti dalle risate oppure quell’affossamento che ti senti come se il materasso ti abbia risucchiato? Una roba del genere… quando mi succede, per lo meno.

Vale: Per me è soprattutto un piacere, un’evasione dalla realtà quotidiana, un modo per conoscere il mondo dei blog e le persone che li scrivono. Purtroppo, non riesco ad essere presente quanto vorrei, spesso il lavoro mi lascia sfinita.

Fa: Cosa voglio raccontare? Non lo so. Io scrivo quello che mi passa per la testa ed è piuttosto personale, devo dire. Racconto i miei stati d’animo, racconto i miei pensieri. Mi piace scatenare il dibattito, quando ci riesco. Mi piace prendere un tema e affrontarlo anche controcorrente per vedere la reazione di chi ci legge. La più grande soddisfazione è il dibattito che si scatena nei commenti dei post.

Quali social network usate per promuovervi in Rete? Siete soddisfatti dei risultati ottenuti?

Ro: Esiste una pagina su Tumblr, una su Bloglovin’ e da un paio di settimane abbiamo una pagina Facebook, ed è come se su ogni piattaforma i lettori fossero altri rispetto al blog, con caratteristiche molto diverse tra loro. I blogger con cui interagiamo maggiormente sono quelli di WordPress. Spesso mi stupiscono per avere cultura, profondità di sentimenti, attenzioni ed intelligenza. Personalmente sono molto contenta di questo gruppo di persone, perché non è tanto il numero di chi ci segue che mi importa, ma lo scambio di opinioni che ho con loro. Abbiamo chiuso il profilo di Ask.fm perché non abbiamo il tempo di stare dietro a tutto e preferiamo la concentrazione alla dispersione.

Bachelorette: Sinceramente io mi limito a scrivere ogni tanto e a leggere i blog che mi piacciono. Ogni tanto mando qualche foto, ma ogni tanto.

Vale: Ne so molto poco di questa parte, è soprattutto Ro che se ne occupa. Io, come Bachelorette, mi limito a leggere.

Fa: Confermo ogni parola. 

I vostri post sono molto intensi e coinvolgenti tanto che sono numerosi i blogger che vi seguono. Vi aspettavate tutto questo successo?

Ro: Mi sembra un numero in linea con altri blog dello stesso genere. In realtà, nei primi sei mesi credo che abbiano letto il blog al massimo venti persone e lo scorso agosto avevamo anche chiuso il blog perché eravamo in vacanza. Oggi il numero di persone che leggono e commentano i post è maggiore e questo mi piace molto perché lo scambio di opinioni diventa più articolato e interessante.

Bachelorette: Non è male, ma ci vorrebbero più miliardari single sotto i quaranta!

Vale: È sicuramente piacevole! Credo che il fatto di essere persone diverse con stili personali possa essere l’elemento distintivo e ricercato rispetto ad altri blog.

Fa: C’è ancora molta strada da fare. Ma pensavo ci saremmo fermati molto prima.

Come è il rapporto con gli altri blogger?

Ro: Mi pare buono. A parte un tipo che si faceva di Remeron nessuno ci ha preso a brutte parole sul nostro blog.

Bachelorette: Non ho mai conosciuto di persona dei blogger, ma non mi dispiacerebbe partecipare ad un raduno una volta.

Vale: Ho conosciuto qualche selezionatissimo lettore ed è stata una esperienza piacevole trasformatasi in amicizia a distanza. Fa: Il rapporto è buono al punto che mi preoccupo se non vedo comparire un “Like” o un commento di alcuni di loro per qualche tempo. “Che gli sia successo qualcosa?”. Giuro che vorrei conoscerli, alcuni.

Come questo blog ha cambiato le vostre vite?

Ro: Il blog non ha cambiato la mia vita. Semmai la mia vita continua a far cambiare il blog…

Bachelorette: Confermo. Nessun cambiamento significativo per ora.

Vale: Non direi che abbia cambiato la mia vita, anche perché lo “vivo” meno degli altri. Sicuramente è stata un’esperienza che mi ha arricchito umanamente, ed alla fine credo sia questo quello che conta.

Fa: Ti racconterei di come io abbia dovuto affidarmi ad un professionista per gestire gli introiti del blog, se solo fosse successo.

Advertisements

7 pensieri su “FarOVale

  1. Pingback: L'intervista (un promemoria) - FarOVale

  2. Pingback: L’intervista (un promemoria) | FarOVale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...