Stefano Bersanetti: Pensieri strani…eri

Oggi, mio caro lettore, ti presento attraverso la mia intervista Stefano Bersanetti, autore del blog Pensieri strani…eri, che, oltre ad essere una ricca miniera di informazioni per tutti coloro che stanno meditando di lasciare l’Italia, è un luogo dove il lettore viene educato all’amore verso le diverse culture e da cui si possono estrapolare degli utili insegnamenti da calare nella nostra realtà italiana.

Buona lettura!

Quanti anni hai?

38 anni.

Qual è stato il tuo percorso scolastico?

Dopo il diploma di Maturità Classica, mi sono iscritto al Politecnico di Torino, facoltà di Ingegneria Chimica.

Quali sono state le tue esperienze lavorative e quali paesi ti hanno portato a visitare?

La prima parte della mia esperienza professionale è stata legata al mondo Operations, in particolare Industrializzazione e Produzione. Sono cresciuto nel duro mondo dell’Automotive, vera palestra di formazione.

Dopo un passaggio nel mondo del fashion e del lusso in un’azienda orafa di Torino, sono passato nella mia attuale azienda, Carel Industries Spa, leader nel settore della regolazione dei sistemi di condizionamento e refrigerazione, per la quale lavoro da quasi dieci anni.

Dopo i primi tre anni come responsabile dello stabilimento italiano, ho trascorso i successivi tre anni in Cina, come responsabile Operations del Plant (stabilimento locale, n.d.r.). Di ritorno dall’esperienza nella Terra di Mezzo, per poco più di un anno ho ricoperto il ruolo di Responsabile Logistico Corporate, con la possibilità di viaggiare tra gli altri plant e filiali del gruppo (Francia, Inghilterra, Spagna, Germania, Stati Uniti, per citarne alcune).

Dove vivi e lavori, ora?

Attualmente, sono il Chief Executive Officer di un laboratorio specializzato in test e misure elettriche in provincia di Padova, città nella quale risiedo.

Come influisce sulla tua visione dell’Italia e del mondo la tua esperienza da Expat?

Fare un’esperienza da Expat (colui che risiede all’estero per lavoro o per studio, n.d.r.) dovrebbe diventare una milestone della vita di tutti i giovani italiani.

Abbiamo ancora una cultura troppo provinciale, che ci porta a non chiederci cosa ci possa essere al di là della porta di casa.

Andare all’estero permette di vivere la relatività: in prima analisi si capisce bene cosa significhi essere stranieri in terra d’altri, basti pensare alla necessità di farsi comprendere; poi, ci si trova costretti a confrontarsi con usi e costumi diversi, tradizioni che si scontrano con il nostro modo di pensare.

E, nonostante, ci si chieda “ma perché fanno queste cose?”, non è giusto cercare di darsi delle risposte: occorre solo accettare ed adattarsi.

Un esempio? Per i cinesi, utilizzare il fazzoletto di stoffa per soffiarsi il naso è maleducato e schifoso, perché lo si ripone sporco all’interno della tasca.

Quando e perché hai aperto il tuo blog?

Il mio blog è nato poco più di tre anni fa. Mi piaceva l’idea di condividere riflessioni e considerazioni che maturavano dalla mia esperienza di Expat.

Non avevo l’obiettivo di raccontare gli episodi che ci capitavano tutti i giorni (di blog così e anche molto divertenti ce ne sono tantissimi), ma di estrapolare da essi insegnamenti o possibilità di confronto con la nostra realtà italiana.

Quali sono le finalità del tuo blog?

Pensieri strani…eri era nato, come dicevo prima, con l’obiettivo di mettere a confronto due modi di vivere, due mondi.

Oggi, ovviamente, il focus del blog è parzialmente cambiato. Mi piace condividere aspetti legati alla società e alla cultura: ogni persona è un “animale” sociale, che deve convivere con il resto del mondo, accettandone le peculiarità, non additandole semplicemente come differenze.

E poi, la cultura, per sua natura richiede un continuo scambio e confronto.

Come nasce l’idea della tua rubrica “Si viene e si va”?

Un giorno mi sono chiesto: quanti amici o conoscenti o semplici lettori stanno meditando di scappare dall’Italia, ma non sanno bene cosa fare e dove andare?

Io mi ritengo un former expat fortunatissimo: la mia azienda mi ha supportato in tutto e per tutto, dalle pratiche per il visto, alla ricerca dell’alloggio, all’ottenimento della patente.

Chi, invece, deve partire munito solo di valigia e speranza ha necessità di sapere cosa lo aspetti all’estero: fornire esperienze di Expat è il modo migliore per percepire la viva quotidianità.

In che modo individui le persone da intervistare nella rubrica “Si viene e si va”?

Nella prima stagione, ho cercato di toccare tutti i punti del globo, quindi c’è stato un primo aspetto prettamente geografico.

Il secondo è stato di natura professionale, cioè ho cercato di mostrare di che cosa si occupano gli italiani all’estero e devo dire che ho scoperto davvero una grande varietà di occupazioni.

La seconda stagione, che è in fase di preparazione, sarà un po’ diversa: ma non anticipo nulla, vi lascio la sorpresa!

Cosa vuol dire: “Laowai”?

Laowai è il termine cinese per indicare lo straniero. È un po’ paragonabile al nostro extracomunitario. Con la stessa accezione vagamente negativa.

Che cos’è per te la diversità?

La diversità è una ricchezza grandissima. Se non ci fosse diversità di vedute, di gusti, di colori, di piaceri, se tutte le persone amassero le stesse cose, ci troveremmo di fronte ad una realtà stile Blade Runner.

Eppure proprio in quel film gli stessi androidi dimostrano quanto sia necessario provare delle emozioni.

Confrontarsi con culture, tradizioni, cibi diversi è linfa per il nostro cervello, perché ha la possibilità di avere input variegati e quindi affinare le proprie scelte.

Chi la pensa diversamente da me o chi ha una vita diversa dalla mia, è il benvenuto nel mio blog, perché mi fa conoscere un altro punto di vista.

Come sei entrato a far parte del progetto #adotta1blogger e cosa ne pensi?

Ho conosciuto il progetto frequentando alcuni blog che riportavano il logo, così mi sono interessato e alla fine mi sono proposto.

Credo sia molto interessante, soprattutto per un blogger dilettante come me. Ci si confronta con blogger professionisti o, comunque, con uno stuolo di lettori molto più corposo del mio, per cui si può solo imparare.

Spero di riuscire a portare un po’ del mio pensiero (tempo permettendo!) e, soprattutto, spero che qualcuno cominci a partecipare attivamente alle mie discussioni. Quello per me sarebbe il più grande risultato. Preferisco avere qualche lettore in meno, ma attivo: questo significherebbe per me aver smosso un po’ la voglia di discutere. E di pensare.

Advertisements

16 pensieri su “Stefano Bersanetti: Pensieri strani…eri

  1. Pingback: Stefano Bersanetti. Un anno dopo | Federico Chigbuh Gasparini

  2. Ho scoperto anche io da poco il blog di Stefano e l’ho trovato interessantissimo…sarà perché mi offre spunti significativi in un momento particolare della mia vita in cui sto cercando di effettuare cambiamenti radicali… Un saluto a te e a Stefano…

  3. Pingback: Dall’altra parte del microfono | Pensieri strani…eri

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...