Antonio Luciano: Blogger-Copywriter

Antonio Luciano

Antonio Luciano

Oggi, mio caro lettore, ti presento Antonio Luciano, blogger-copywriter di talento, dalla personalità poliedrica.

Il suo blog è ricco di contenuti interessanti e mi ha colpito sia per le interviste che ha fatto a diversi professionisti del web che per le risorse che mette a disposizione gratuitamente per tutti coloro che vogliono diventare blogger.

Buona lettura!

* * *

Quanti anni hai e dove vivi?

Vivo a Prato e ho 39 anni all’anagrafe, ma all’incirca 9 anni quando di tratta di fare content marketing.

Ho appena finito la pubertà a livello di intelligenza emotiva e credo di averne circa un centinaio o, perlomeno, sono quelli che sento quando cedo il passo alla misantropia.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Ho fatto il collegio, ehm liceo classico, per poi diplomarmi alle magistrali, dopodiché sono finito a fare Scienze della Formazione, ma volevo fare Psicologia.

Si dice che i formatori siano un po’ coglioni e un po’ preti ma, fortunatamente, non sono religioso e poi faccio il blogger-copywriter.

Come ti formi attualmente?

Prediligo la formazione online sia per ragioni di tempo che logistiche, in Toscana, dalle mie parti, non sono mai stato appagato da nessun corso in aula, perciò sotto questo aspetto sono un immigrato digitale.

Ma la mia passione sono i manuali di letteratura con cui soddisfo parte della mia curiosità e del mio essere affetto da manie ossessivo compulsive. Cosicché fin quando non ho capito barra tradotto ciascun passaggio mi ci friggo il cervello. Insomma, è una roba parossistica da fuori di testa.

Quali sono state le tue esperienze lavorative antecedenti a quella attuale?

Barista, cameriere, facchino, pulizie e traslochi, meccanico, commesso, formatore, fattorino, cuoco, parrucchiere, personal trainer, bagnino.

Qual è la tua attività attuale?

Blogger-copywriter ma non so quale venga prima, temo per giunta che l’una soffra rispetto all’altra di un complesso d’inferiorità accompagnato spesso da strane crisi d’identità.

Tuttavia mi sento di impersonare un gioco di ruolo più che una figura professionale e sembra persino divertente, almeno per il momento. Ma fondamentalmente sono una persona seria e uno specialista ancor più solido.

Come si svolge una tua giornata lavorativa tipo?

Wow! Premesso che non sono un mattiniero poiché soffro di pressione bassa e il cervello proprio non funge a quelle ore proibitive, per intenderci, per me le 8 corrispondono all’alba.

Prediligo, quindi, le lunghe ore notturne per lavorare.

Una mia giornata di lavoro finisce mediamente alle 23.30, ma non è raro che m’imbatta in puntate che si protraggono fino alle 4 del mattino.

Apro le danze alle 10.30 del mattino e lavoro non stop fino a notte fonda.

Diciamo che parto adagio al mattino per finire versione rock and roll a notte fonda.

Ho una lista di cose da fare e se non la chiudo non stacco, non esiste. Al limite posso avvantaggiarmi su quella del giorno dopo.

Se ho impegni imprevisti lavoro sempre preventivamente per non andare mai in debito né sotto. Meglio fare una cosa, oggi e adesso, in più che una domani in meno.

Una sorta di: “Chi vuol esser lieto e tranquillo negli impegni di lavoro sia, del doman non v’è certezza”, questo è il mio motto.

L’attesa nei tempi di lavoro non aumenta la stima né incrementa il desiderio. La parola ritardo non è certo femmina.

A mio avviso, invece, riduce le chance lavorative e l’autorevolezza.

Inoltre, ritengo la prontezza un motivo di plauso, professionalità e rispetto nei confronti della committenza.

Infine, è un vantaggio concorrenziale sui competitor.

Poi, de gustibus non disputandum est ci mancherebbe.

Sei freelancer o dipendente?

Freelancer ma non mi dispiace neanche l’altra modalità lavorativa.

Quando hai aperto il tuo blog?

Circa 5 anni fa.

Perché hai scelto la piattaforma Blogger invece di WordPress?

Desideravo avere una piattaforma integrata e sincronizzata di applicazioni direttamente in Google – e per me dove c’è Google c’è casa – senza dovermi loggare tutte le volte per accedere alle applicazioni e per cui la facilità di utilizzo a fronte della potenza delle prestazioni mi consentissero di giocarmela alla pari con i plugin di WordPress.

Inoltre, riscontrai sin da subito che in fatto di indicizzazione e altri fattori Blogger non era certo figlio di un dio minore rispetto a WordPress e che poteva essere egualmente professionale.

Tuttavia, credo che anche su quest’ultima osservazione dovrebbero essere interrogati gli altri e il fatidico mercato del lavoro ammesso che esso esista e non sia solo un’invenzione del sistema. Infine, Google mi dava più sicurezze di WordPress e sinceramente me le dà ancora.

Tant’è che in barba a chi diceva il contrario, il blog è rimasto mio lì dov’è, nessuno me lo ha sottratto e in 5 anni mai avuta una spesa né un problema grave o un imprevisto.

Inoltre, ti dirò di più sono recentemente passato al protocollo di connessione protetta HTTPS facendo tutto da solo senza grossi patemi e sbattimenti nonostante continui a vedere almeno per il momento pochi utenti WordPress che hanno intrapreso e portato a termine questo passaggio delicato.

Infine, volevo metterci le mani da solo e visto che all’epoca in fatto di web design ero a zero decisi di iniziare dalla piattaforma CMS più accessibile che mi desse la possibilità di apprendere senza spendere.

Secondo me questo è un punto decisamente a suo favore per chi intende come me lavorare sul personal branding sin nei minimi particolari per non finire per essere l’ennesimo uno, nessuno e centomila che ha un template troppo in uso, diffuso e quindi riconoscibile.

Ci tengo a precisare che sono comunque un appassionato di WordPress piattaforma software di “personal publishing” e content management system (CMS) sensazionale e meraviglioso che uso quotidianamente e con cui mi trovo alla grande.

Che ruolo riveste il blog nella tua strategia di acquisizione clienti?

Non esclusivo, anche se sarei curioso di rivolgere questa domanda proprio a loro, ai clienti. Spesso, persino, gli specialisti di settore sono restii a documentarsi, sfido gli altri target.

Tuttavia la mia strategia, al momento, prevede di scrivere sul mio blog solo per il piacere di farlo e per portare avanti i miei progetti di ricerca mentre scrivo per convertire e aumentare l’audience per altri blog e progetti multi-autore.

Scrivo molto e, spesso, confesso di avvertire come un senso di svuotamento per cui curare anche il mio blog ha richiesto una forte riduzione della frequenza di pubblicazione e dei ritmi di scrittura, ma lo amo molto e non potrei mai lasciarlo morire. Dopotutto, è il mio bonsai.

Sento che, oramai, è cresciuto e necessita di meno attenzioni ma continuo a dedicargli amorevoli cure, dopotutto è il mio portfolio online.

E il mio prodotto sono i contenuti e i servizi-format e le modalità testuali che offro. L’offerta formativa, poi, è la mia forma di digital marketing silente, un agente silenzioso ma dannatamente efficace.

Quali altri canali usi per acquisire clienti?

Punto e investo molto sulla content curation e a scrivere per quanti più blog possibili.

Requisiti richiesti e irrinunciabili:

  1. che io compaia come autore nella firma e non come ghostwriter;

  2. che siano progetti costruttivi sul breve e lungo termine e bada bene non ho menzionato il denaro!

Quali sono le differenze principali tra e-learning e web learning?

Premetto: lungi da me avere pretese accademiche e che per fare un lavoro completo sarebbe necessario partire da un’analisi della linea diacronica e sincronica di questi settori per cui mi limiterò a far emergere le differenze ponendoli a contrasto.

Cosicché mentre a definire l’e-learning ci pensa già e, oltretutto autorevolmente, Wikipedia, le Scienze della Formazione non offrono una disamina sul web learning.

Tra queste due branche dell’instructional design esistono differenze ma anche tante analogie.

Entrambe partono dall’assunto che sia necessaria una connessione Internet per poter fruire dei contenuti formativi.

Banalmente, per web learning s’intende l’erogazione e la fruizione di formazione attraverso il web.

Già da un’analisi più approfondita cambiano le modalità attraverso cui è possibile farlo in quanto l’offerta formativa si allarga inglobando al suo interno forme di apprendimento più libere che possono avere luogo e origine dagli ambiti online più disparati come i blog, gli ebook, i podcast, i video e tutti i formati che il web mette a disposizione per fare formazione.

Ambedue consistono nello svolgere dei percorsi formativi, tuttavia il web learning consente un processo formativo permanente e continuo non vincolato a un percorso prestabilito, condizionato e articolato in fase di design come l’e-learning. Esso può essere nomadico, rizomatico (ricerca formativa che procede per multipli, senza punti di entrata o uscita ben definiti, n.d.r.) e verificarsi in assenza di propedeuticità.

Per contro, invece, l’e-learning prevede l’uso di piattaforme che consentono al formatore-instructional designer di monitorare/controllare i discenti in formazione calibrando così interventi e azioni sul processo formativo sia in itinere che a posteriori per agevolare l’apprendimento e, infine, a corso concluso di misurarne la qualità.

Ancora, il web learning prende le mosse dall’auto-responsabilizzazione del soggetto in formazione.

Cosa inammissibile secondo i puristi i quali sostengono che in assenza di monitoraggio non si possa stabilire se vi sia stato o meno apprendimento.

Ma se faccio riferimento a soggetti per lo più interessati, salvo prodotti formativi totalmente inaffidabili, quando si pratica web learning sfido il perseguire a perdere tempo, cosicché automaticamente saremo portati a trovare fonti sempre più esaustive e affidabili per il bene della nostra formazione.

Perciò punto molto sul web learning per l’educazione degli adulti e la formazione permanente/continua alias life long learning. Credo che si tenda troppo a sottovalutare la nostra capacità di essere diventati ciò che siamo adesso attraverso l’auto-valutazione dei contenuti formali – non formali ed informali e di fatto minimizziamo questa nostra abilità innata che è avvenuta per lo più in assenza di misurazione da parte di formatori e instructional designer esperti.

Salvo che non si tratti di professioni ad alto tasso di responsabilità ritengo ci si possa affidare all’autoformazione con una certa tranquillità e approccio liberale. Non entro né sviscero volontariamente la spinosa questione delle certificazioni.

Concludo più semplicemente dicendo che entrambi possono finire i percorsi formativi con degli attestati più o meno riconosciuti.

Idem per il tutoraggio, servizio di affiancamento che offrono tutti e due.

In sostanza si può dire che il web learning rappresenti l’evoluzione dell’e-learning, ove il suo punto di forza e distintivo è quello di aver fatto uscire la formazione da un ambiente prettamente fatto di specialisti per offrire la possibilità a ciascun autore-specialista per mezzo dell’uso dei moderni web-media di divenire a sua volta un formatore afferente a un particolare ambito di trattazione alias nicchia online – come fai tu e faccio io, per esempio – di essere autorevole e di decidere di erogare formazione.

Ci dà la possibilità vicendevolmente di formarci da altri specialisti e di poter scegliere, a nostra discrezione, i prodotti/servizi e le modalità formative migliori per farlo.

Insomma, la formazione si è emancipata divenendo così non più appannaggio dei soli esperti di settore e si è mostrata alcune volte anche più valida e migliore.

Quali progetti hai per il futuro?

Crescere come copywriter e creare così contenuti magnetici che vendono, tanto convincenti da risultare quasi appiccicosi.

Darmi al podcasting formato su cui punto per fare formazione da più di 4 anni fa quando questo era misconosciuto e di cui già ne capivo l’importanza in tempi non sospetti a causa delle reminiscenze universitarie.

Poi, vorrei scrivere un libro sul blog come strumento per fare formazione e su un altro paio di ideuzze che ho maturato in merito a taluni format-modalità formative da inserire all’interno di un calendario editoriale per risultare così curato e gestito come si deve.

Approfondire le mie conoscenze in ambito web design e aprire un’agenzia di copywiriting.

Ancora, fare tanta formazione, crescere e… volli, volli sempre, e fortissimamente volli sempre migliorarmi!

Grazie, Federico, è stato un piacere risponderti.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Annunci

2 pensieri su “Antonio Luciano: Blogger-Copywriter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...