La crescita del PIL dell’Italia nel 2017

In questi giorni si fa un gran parlare nei notiziari della crescita del PIL dell’Italia prevista per il 2017.

Contro ogni più rosea aspettativa, salvo eventi negativi improvvisi, il nostro Paese crescerà di un + 1,4%.

Questo dato ha sorpreso sia il governo che gli osservatori internazionali.

Che sorprenda questi ultimi non ce ne deve importare nulla.

Mentre il fatto che i nostri governanti per due anni consecutivi, visto che anche lo scorso anno avevano sottostimato la crescita del Paese, abbiano sbagliato le previsioni ci deve far preoccupare un poco poiché vuol dire che non sanno quali delle tante misure prese nel corso degli ultimi anni stanno portando beneficio all’Italia.

Ciò detto, non essendo questo un blog dedicato alla politica economica italiana mi faceva piacere farti notare la risposta di Confindustria a questo dato positivo.

Secondo il suo centro studi solo il 20% delle imprese italiane sta sentendo gli effetti di questa ripresa.

Questo dato è in linea con quanto dice la legge di Pareto, scoperta nel 1897 dall’economista e sociologo italiano Vilfredo Pareto, che dice che l’80% dei risultati è frutto del 20% degli sforzi fatti.

Quindi perché stupirsi?

I dati offerti da Confindustria se letti con attenzione ci dicono, semplicemente, che negli anni della “crisi” vi sono state aziende che hanno capito che quella che si stava vivendo, come da tempo vado dicendo, non era una crisi, bensì un cambiamento epocale e permanente che avrebbe trasformato il modo di fare impresa e business per sempre.

Quindi, queste imprese si sono attrezzate e hanno cavalcato l’onda del cambiamento senza troppi piagnistei.

Ora, questo 20% di aziende sta raccogliendo i frutti degli investimenti fatti dando un enorme contributo al PIL italiano.

CONCLUSIONE

Da quanto detto sopra si evince che abbiamo una classe dirigente che subisce gli eventi e non li determina, fatta eccezione per un 20% lungimirante.

Se anche tu, mio caro lettore, vuoi migliorare la tua condizione economica, allora sappi che dovrai investire il tuo tempo e il tuo denaro nel migliorare le tue competenze.

Le prime che ti consiglio di implementare sono il marketing e la vendita.

Infatti, sapersi promuovere posizionandosi in modo differente dalla concorrenza e, successivamente, sapersi vendere sono il segreto per far prosperare i propri affari.

Dopodiché tieni sotto costante controllo il tuo fatturato e concentra le tue energie su quel 20% di clienti che ti garantisce l’80% delle tue entrate.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...