Sergio Albertini: content writer freelance

Oggi, mio caro lettore, attraverso la mia intervista ti presenterò Sergio Albertini, persona dotata di grande umanità e talento per la scrittura, professione: content writer freelance.

Buona lettura!

* * *

Ciao Federico,

permettimi di ringraziarti per questa opportunità. Mi fa piacere che tu abbia pensato a me. È una grande soddisfazione.

Quanti anni hai e dove abiti?

Ormai, sono un diversamente giovane. Ho 40 anni e vivo in un piccolo paese in provincia di Verona.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Il mio percorso di studi non è stato proprio lineare. Sono riuscito a perdere un anno e a vincere due borse di studio nei due anni successivi.

Mi piacerebbe tornare indietro nel tempo, con la voglia, la costanza e le idee che ho oggi, ma la scienza ancora non offre questa possibilità.

Sono un disegnatore meccanico che ama la lettura e la scrittura.

Oggi mi è sempre più chiaro perché la professoressa d’italiano insisteva nel chiedermi: “Si può sapere cosa ci fai qua?”.

Terminati gli studi superiori non sono andato all’università. Ho preferito entrare nel mondo del lavoro e mi sono formato sul campo. Erano “altri tempi”, oggi non avrei dubbi.

Quali esperienze lavorative hanno preceduto quella attuale e cosa ti hanno insegnato?

Io credo che tutte le esperienze lavorative siano state utili, nel bene e nel male, perché hanno contribuito alla mia formazione professionale.

Ho iniziato come commesso in un videonoleggio. Ero un appassionato di cinema e ritrovarmi circondato da film in VHS era il coronamento di un sogno.

Dopo poco tempo sono diventato responsabile del negozio e, poi, di un punto vendita più grande.

Ricordo questa esperienza con molto affetto, perché mi ha permesso di apprendere e sviluppare competenze organizzative, di gestione del personale e delle relazioni con i clienti.

È stato un grande balzo evolutivo, per il ragazzo timido che ero.

Poi ho annusato la crisi che stava avanzando in quel settore e ho deciso che era giunto il momento di una nuova sfida.

Così ho ricominciato da zero come impiegato commerciale nell’azienda che mi ha poi accompagnato per quasi 17 anni.

In questi anni ho imparato a gestire tutti i flussi lavorativi di una media impresa, dal primo contatto con il cliente, alla spedizione dell’ordine, dalla gestione dei fornitori fino a quella dei partner della logistica.

Mi sentivo a casa, vivevo in azienda 10-11 ore al giorno. In pratica, ero sempre attivo, sette giorni su sette.

Creavo contatti con nuovi clienti, sviluppavo iniziative per migliorare l’organizzazione e gestione dei flussi di lavoro e cercavo di spingere l’azienda verso progetti legati al web.

È stata un’esperienza formativa completa e impegnativa, ma la rifarei, perché ha contribuito a creare il professionista che sono oggi.

Per quale motivo hai lasciato il tuo ultimo lavoro?

Il lavoro assorbiva molto del mio tempo, ma mi piaceva, devo essere onesto.

Nel 2012 sono diventato papà di un bambino meraviglioso. Avevo quasi 35 anni, un posto di lavoro sicuro e ben remunerato, tutto sembrava perfetto.

Ma appena pensi di essere arrivato, di avere delle certezze per il tuo futuro, la vita ti dimostra che devi essere sempre pronto a tutto.

Purtroppo, mio figlio ha avuto un infarto cerebrale che ha spazzato via, in pochi minuti, una parte estesa dell’emisfero cerebrale sinistro.

La situazione non mi è stata chiara fin da subito, credevo di poter affrontare tutto e continuare a fare quello che stavo facendo, ma mi sbagliavo.

Mio figlio aveva e ha bisogno di terapie continue che richiedono un impegno costante e quotidiano.

Le mie priorità sono cambiate in modo inaspettato, non potevo più permettermi di essere asservito al mio lavoro e non potevo più sopportare le restrizioni alle quali mi obbligava.

Il dolore, la difficoltà di comprendere e far comprendere le incognite legate al futuro di mio figlio, le difficoltà per organizzare le visite in altre città, tutto alimentava uno stato emotivo sempre più complesso e ingestibile.

Quando mi sono reso conto che stavo perdendo il lume della ragione ho iniziato a pensare a delle alternative.

Avevo bisogno di poter gestire il tempo in modo più elastico, di ricominciare a vivere e di essere più presente nella vita di mio figlio.

Ecco perché ho deciso di iniziare una nuova avventura professionale, come freelancer.

Quale professione svolgi attualmente?

Attualmente svolgo l’attività di content writer, scrivo contenuti per agenzie, aziende e liberi professionisti.

Inoltre, mi occupo di organizzare piccoli eventi di formazione offline, lavoro a un progetto di e-learning e collaboro a un progetto per l’educazione digitale.

Di recente, ho iniziato a parlare della mia esperienza personale, perché vorrei poterla trasformare in un messaggio utile: qualsiasi cosa dolorosa possa accaderci, è il seme amaro di un fiore che possiamo far sbocciare, se crediamo in noi stessi e non ci arrendiamo.

Credo che la scrittura sia una tecnologia liquida capace di adattarsi a ogni contenitore.

Così ho trasformato la passione per la scrittura in un lavoro.

Il tempo mi dirà se il mio azzardo sarà premiato, al momento non mi posso lamentare.

Da quanto tempo hai iniziato e che risultati hai ottenuto fino ad oggi?

Ho iniziato full time da poco meno di un anno e devo dire che sono molto soddisfatto.

Quello che è accaduto a mio figlio ha sconvolto il mio mondo e mi ha offerto una visione del futuro completamente diversa.

Mi sono messo in gioco a 40 anni e i riscontri positivi non mancano, ma credo sia presto per poterti dire – questo è il frutto dei miei sforzi.

Che cos’è il progetto “Digital Tutoring”?

Si tratta di un progetto che nasce dalla consapevolezza delle difficoltà che le persone incontrano, per informarsi e formarsi online.

Il mio blog è nato anche per questo: condividere contenuti utili per trasmettere le conoscenze che io stesso acquisisco.

Se ci hai fatto caso, molti dei miei post sono abbastanza lunghi e forniscono link di approfondimento a fonti più autorevoli.

Cerco di offrire un punto di partenza e un percorso informativo/formativo in cui io mi sono già inoltrato.

Il mio è un concetto di Digital Peer Tutoring: poiché credo che il miglior modo per apprendere sia farlo con l’intenzione di spiegarlo e che il miglior modo di riuscirci sia narrando le nostre esperienze personali.

Per questo motivo mi piace l’idea di fondare il mio blogging sul rapporto tra pari per permettere alle persone di inserirsi al meglio nei meccanismi del web.

Desidero fornire informazioni per risolvere i dubbi e i problemi che le persone incontrano, supportandoli nelle difficoltà di ordine organizzativo e didattico.

Miro a sostenere le persone per potenziarne le conoscenze e gli atteggiamenti, che consentano loro di compiere delle scelte responsabili e consapevoli.

L’idea è di mostrare un percorso che si prefigge di ampliare il ventaglio di azioni di cui una persona può disporre: progettando sinergie tra chi cerca formazione e chi fornisce strumenti di apprendimento.

Quindi una prospettiva progettuale, che si trasforma in una visione integrata e partecipata, mirata a far accrescere i risultati e il benessere di tutti.

Come ti formi per rimanere costantemente aggiornato sui cambiamenti del web?

Leggo e studio tutti i giorni.

Ho una lista di link, selezionati nel tempo, per poter essere sempre aggiornato sulle novità di settore.

Sono un appassionato della calda e profumata carta, quindi ho una libreria che mantengo fornita e aggiornata.

Ho frequentato, frequento e lo farò con continuità, corsi online e offline per proseguire il mio percorso di apprendimento.

Il concetto di apprendimento continuo è una forma mentis che apprezzo molto, non riuscirei più a farne a meno.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Desidero vivere realizzando contenuti per il web, con lo scopo di aiutare le aziende e i professionisti a raggiungere i loro obiettivi.

Essere partner di un team che mira al raggiungimento di un obiettivo è entusiasmante, ma allo stesso tempo voglio e devo potermi muovere in libertà; questa è l’unica prerogativa dalla quale non posso esimermi.

Voglio portare avanti il concetto di formazione e vorrei poterla offrire a tutti coloro che, per diversi motivi, hanno bisogno di apprendere le dinamiche del web e sviluppare un progetto di business online.

Ho anche altre idee per la testa, ma facciamo un passo alla volta, vediamo cosa accade.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito, se hai un progetto da lanciare o un business da rilanciare poiché in sofferenza, a richiedere la mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.