Carmen Andreea Silter: Marketing Specialist

Oggi, mio caro lettore, ti voglio presentare attraverso questa mia intervista Carmen Andreea Silter, una giovane esperta di marketing, come recita la sua headline su LinkedIn.

Una ragazza in gamba che ho conosciuto su Facebook grazie al gruppo Career Accelerator, un’iniziativa di Luca Mastella e Dario Vignali.

Buona lettura!

* * *

Quali sono le tue origini?

Sono nata in una piccola città in Romania.

Quanti anni hai e dove abiti?

Ho 29 anni e abito in Italia, a Roma, più precisamente.

Hai fatto tutte le scuole in Italia?

Ho iniziato il mio percorso di studi in Romania. Poi ho continuato in Italia.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Sin da piccola ho avuto la passione per i numeri e per l’economia.

Dopo le scuole medie ho scelto un collegio con indirizzo economico (Finanza e Contabilità), in Romania, ma dopo il secondo anno mi sono trasferita in Italia e ho proseguito, dalla terza superiore in un istituto tecnico conseguendo il diploma di tecnico della gestione aziendale/informatico nel sud dell’Italia, in Calabria, per la precisione.

Non mi è bastato.

Quindi, la voglia di continuare e scoprire nuove realtà mi ha portata a Roma dove mi sono laureata in Economia, Finanza e Diritto per la Gestione dell’impresa alla Sapienza.

Infine, ho arricchito il mio percorso universitario grazie a una borsa di studio che mi ha permesso di andare negli Stati Uniti e conseguire il master in International Marketing Management presso la Saint Joseph University (PA).

Quali difficoltà hai incontrato nel tuo percorso di studi?

All’inizio, cioè alle superiori, la più grande difficoltà è stata la lingua, perché appena trasferita non sapevo neanche una parola di italiano, tanto meno le regole della grammatica, ma è stata una bella sfida.

Sfida che oggi, a distanza di più di 10 anni mi permette di parlare l’italiano a livello quasi nativo.

Un’altra difficoltà è stata la mia voglia di essere sempre tra i primi. Per questa ragione venivo definita la secchiona della classe, i professori mi stimavano e la cosa non andava a genio ai miei compagni.

Quali sono state le tue esperienze lavorative prima di quella attuale e cosa ti hanno insegnato?

La mia prima esperienza lavorativa, in assoluto, è stata come badante, mia madre lavorava di giorno e io la sera.

Sono sempre stata testarda e indipendente.

Ho continuato come cameriera in uno dei bar del paese anche se non avevo la minima esperienza.

Dopo i 3 mesi estivi mi hanno proposto di lavorare part-time con loro e cosi ho imparato il mestiere di barista.

La mattina andavo a scuola, il pomeriggio al lavoro e la sera studiavo.

Il mio obiettivo era quello di salire a Roma per andare a studiare alla Sapienza.

Da quelle esperienze in Calabria ho imparato a gestire il mio tempo, i miei impegni, a settare le priorità e, cosa più importante, a divertirmi lavorando.

Arrivata a Roma, da sola e senza neanche un’idea di come muovermi è iniziata un’altra sfida.

Ho iniziato l’università e, dopo qualche mese, ho iniziato a lavorare come cameriera in un albergo di lusso tramite un’agenzia interinale.

L’agenzia stessa, avendo più appalti mi proponeva diversi lavori sia come cameriera che come barista.

Ho fatto doppi turni, corse da un lavoro all’altro e, nel frattempo, continuavo anche con i miei studi.

A distanza di quasi un anno dall’inizio della mia collaborazione con l’agenzia sono cresciuta e sono diventata responsabile dei punti vendita nelle varie strutture.

Gestivo il personale, gli statini e il carico/scarico della merce.

Nello stesso periodo ho iniziato la mia esperienza in AIESEC, un’associazione non profit gestita interamente da studenti, associazione dove ho avuto una crescita non indifferente.

Sono entrata come semplice membro, successivamente, mi sono candidata per la posizione di team leader per arrivare, poi, alla carica più alta, ovvero quella di Vicepresidente dell’area Outgoing Exchange & International Relations.

Dopo AIESEC ho lavorato come impiegata contabile, bartender, promoter e altri lavoretti simili.

Dopo il master, in contemporanea, con tutti i lavori sopra indicati ho fatto uno stage in sales & marketing che mi ha fatto innamorare ancora di più di questo mondo e mi ha fatto capire che sono sulla strada giusta.

Tutte le esperienze mi hanno insegnato quanto è importante l’impegno, il rapporto con le persone, con il tuo team, la dedizione, l’ascolto, differenziare la vita privata da quella professionale e quanto è importante reagire quando ci sono delle difficoltà.

Qual è il tuo lavoro attuale e cosa ti piace di più di ciò che stai facendo?

Attualmente, ricopro il ruolo di Marketing Assistant preso la New Life Srl.

Quello che più mi piace del mio attuale lavoro è il fatto che non è mai monotono.

Sto a contatto con le persone, gestisco i fornitori, le pagine social dell’azienda, organizziamo e gestiamo eventi di grande portata.

Quindi ho modo di avere una visione dell’azienda a 360°.

In più gestisco anche il bar interno e il personale.

La mia squadra mi dà una carica indescrivibile.

Quali difficoltà hai incontrato o stai incontrando nel mondo del lavoro?

Non credo di aver riscontrato troppe difficoltà, se non la discriminazione in alcuni casi, ma non ci do troppo peso.

Una grossa difficoltà, sicuramente, la sto trovando nel trovare un nuovo impiego in un’altra città.

Quali progetti hai per il futuro?

Per il futuro mi vorrei trasferire a Milano e trovare un’azienda con la quale possa andare in sintonia, crescere e fare carriera al suo interno.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Annunci

Safaa Mataich: Biologa Evoluzionista

Oggi, mio caro lettore, ti voglio presentare attraverso questa mia intervista Safaa Mataich, biologa evoluzionista impegnata nel lavoro sociale, come recita la sua headline su LinkedIn.

Una ragazza in gamba che ho conosciuto su Facebook grazie al gruppo Career Accelerator, un’iniziativa di Luca Mastella e Dario Vignali.

Buona lettura!

* * *

Quali sono le tue origini?

Le mie origini sono marocchine: il paese in cui sono nata e al quale, in qualche misura, appartengo.

Soprattutto, sento mia la storia antica del Marocco.

Quanti anni hai e dove abiti?

Ho 27 anni, compiuti il 4 Novembre 2018. Al momento abito a Firenze.

Hai fatto tutte le scuole in Italia?

Ho cominciato l’asilo a 2 anni in un istituto gestito dalle suore, a Firenze.

Dopo ho sempre frequentato scuole pubbliche, fino alla Laurea Magistrale per la quale mi sono trasferita a Bologna.

L’unica esperienza di studio “all’estero”, è quella che ho fatto in Marocco, dove ho frequentato solo il secondo semestre della terza elementare e dove ho dovuto studiare in arabo e francese in una situazione a me totalmente estranea.

Fortunatamente, mia madre mi aveva insegnato a leggere e scrivere l’arabo già dai miei primi anni.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Da piccola avevo il sogno di diventare una scienziata, e appena ho sentito parlare di Mendel e DNA alle medie, ho deciso che quello sarebbe stato il mio destino.

Mi sono, quindi, iscritta a un Istituto Tecnico ad indirizzo Biologico-Sanitario per continuare con la facoltà di Scienze Biologiche.

Ho, poi, ottenuto la laurea magistrale in Biodiversità ed Evoluzione, con una tesi in Antropologia Molecolare (che utilizza il DNA antico, appartenuto ai nostri antenati, per ricostruire la storia evolutiva e migratoria della specie umana, n.d.r.)

Quali difficoltà hai incontrato nel tuo percorso di studi?

Non sono mai riuscita ad adattarmi alla scuola nel suo atteggiamento giudicante e molto frustrante della individualità degli studenti.

Ho ottenuto i miei diplomi con molta fatica, vinta solo dalla profonda passione che ho per le materie studiate.

Quali sono state le tue esperienze lavorative prima di quella attuale e cosa ti hanno insegnato?

Ho sempre fatto un po’ di tutto per guadagnare qualcosina: dalla venditrice di gioielli e profumi alla fiera dell’artigianato, alla badante, alla mediatrice e insegnate.

Tutte esperienze che mi hanno fatto capire il valore dei soldi e quanto sono da rispettare le persone che fanno i lavori più “umili” e faticosi.

Qual è il tuo lavoro attuale e cosa ti piace di più di ciò che stai facendo?

Attualmente, collaboro con l’Associazione Nosotras: un’associazione di donne provenienti da 70 paesi diversi, che si impegnano su diversi fronti per la dignità delle persone.

Il lavoro sociale è, effettivamente, lontano dalla mia formazione accademica, ma sono entrata in questa associazione all’età di 16 anni per un progetto sull’identità delle seconde generazioni.

Da quel momento ne faccio parte e continuo ad imparare da ogni esperienza e formazione connessa.

Quali difficoltà hai incontrato o stai incontrando nel mondo del lavoro?

Le difficoltà sono state, principalmente, quelle del comprendere cosa volevo fare nella vita: sapevo solo di non voler fare un lavoro monotono e ripetitivo.

Non ho trovato l’orientamento di cui avevo bisogno.

Quali progetti hai per il futuro?

Per il futuro mi impegnerò a creare una sintesi delle mie due passioni: il lavoro nel sociale e la mia conoscenza scientifica.

La via più adatta è quella delle Ong, in cui è necessario avere un buon livello di sensibilità ed empatia da associare a delle ottime competenze tecniche.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Caterina Vidulli: CMI

Caterina Vidulli

Caterina Vidulli – Fondatrice CMI

Oggi, mio caro lettore, ti farò conoscere una donna molto in gamba, Caterina Vidulli di CMI, startupper seriale e agente 007 del web.

Di lei stai sicuro che sentirai presto parlare. Magari, per una exit milionaria.

Buona lettura!

* * *

Quanti anni hai e dove vivi?

Ho 30 anni e vivo a Trieste. Ho provato a vivere senza il mare, ma non ci sono ancora riuscita.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Se riguardo indietro, il mio percorso è stato sempre segnato dalla ricerca dell’innovazione.

Alle medie ho scelto la sezione sperimentale informatica e ho partecipato al gruppo responsabile del sito web della scuola.

C’era ancora Microsoft Front Page, sembra preistoria ripensandoci adesso.

Poi alle superiori ho scelto il Liceo Scientifico con specializzazione PNI, Piano Nazionale Informatica.

Avevamo due ore alla settimana di programmazione e in particolare usavamo Pascal, un linguaggio di programmazione molto semplice che però ti insegna a ragionare in “programmese”.

Quando ho scelto l’università ti confido che avevo diversi dubbi: amavo sia le materie scientifiche che quelle umanistiche.

Alla fine la scelta è ricaduta su Ingegneria Gestionale perché era proprio una commistione di tutto ciò: dagli esami più tecnici di informatica, macchine, elettronica, etc. che seguivo con chi studiava le altre ingegnerie, a esami di marketing, strategia ed economia aziendale.

Rifarei ancora mille volte la stessa scelta! Importante anche l’anno all’estero, con il programma Erasmus.

Sono stata in Irlanda, a Cork, e oltre a conoscere un metodo didattico totalmente diverso, ho conosciuto un mondo in cui l’idea di diventare imprenditori era promossa molto di più rispetto che in Italia.

Quali esperienze lavorative hanno preceduto quella attuale e cosa ti hanno insegnato?

La mia prima esperienza non è stata propriamente “convenzionale”.

Verso la fine dell’università con un team di altre due persone ho iniziato a lavorare a un progetto di startup.

Non è questa la sede ideale per raccontarti esattamente il progetto: ti dirò solo che il nostro obiettivo era quello di aiutare le piccole aziende a cogliere l’opportunità non sfruttata di interagire di più con i propri clienti grazie al web.

Era il 2012 e il mondo delle startup, soprattutto in Italia, era ancora agli albori: non se ne parlava per nulla.

Così quando abbiamo deciso di lanciarci in questa impresa, per me è stato come scoprire un nuovo mondo.

Lavorando alla ricerca di mercato per la startup e per capire come raccogliere i fondi, ho scoperto che esisteva un mondo in crescita di bandi di finanziamento, programmi per startup offerti da aziende chiamate “acceleratori” o ancora più stranamente “incubatori” (il correttore automatico ancora non conosce questo termine) che dovrebbero aiutarti a diventare una vera azienda.

Così abbiamo inviato la presentazione – in gergo il “Pitch” – della nostra startup a diversi incubatori e siamo stati selezionati sia da Area Science Park di Trieste prima, sia da H-Farm di Treviso poi.

In H-Farm ci siamo proprio trasferiti, chiamati sia per frequentare il loro programma di accelerazione (H-Camp), sia per applicare la nostra soluzione a un loro progetto nascente, di cui ci hanno dato piena responsabilità.

In pratica H-Farm è stato il nostro primo cliente!

Siamo rimasti in H-Farm due anni e mezzo, durante i quali ho anche lavorato part-time per la loro divisione che si occupa di consulenza di marketing e digital transformation per le aziende.

Cosa mi ha insegnato? Beh, vivere e lavorare in H-Farm mi ha aperto gli occhi verso un mondo di innovazione e tecnologia.

Ho sempre amato l’innovazione, però esserci immersa e, soprattutto, capire che poteva diventare il mio lavoro mi ha cambiato le prospettive.

Poter confrontarmi con altri team di startupper provenienti da tutta Italia e da tutto il mondo, incontrare personalità come il designer della Nike e lavorare operativamente per aziende multinazionali ha dato un’accelerata incredibile alla mia formazione.

Come sei arrivata a partecipare al BattleHack Prize 2015, che risultato hai ottenuto e che cosa ti ha lasciato questa esperienza?

La risposta è semplice: mi ci sono trovata immersa.

H-Farm organizza continuamente eventi, in particolare “hackaton”, maratone tecnologiche in cui team di ragazzi con competenze differenti (programmazione, design, marketing e strategia) lavorano per 24h per trovare soluzioni pratiche a dei problemi dati nella consegna.

Ormai eravamo dei veterani degli H-Ack, gli hackaton organizzati da H-Farm: nel 2015 avevo partecipato già a 5 di questi eventi, vincendo due edizioni e ottenendo menzioni speciali nelle altre.

Così quando ci hanno annunciato che un hackaton sarebbe stato organizzato da PayPal, come non esserci?

Non ti nascondo che nel caso del Battlehack all’inizio avevo aspettative molto basse: si trattava di un hackaton più tecnico del solito, dove oltre all’idea e alla sostenibilità economica del progetto, contava moltissimo il fatto che si ottenesse un prototipo funzionante.

In più, c’era una concorrenza feroce.

Il Battlehack era organizzato su 14 tappe in 14 nazioni del mondo: i vincitori di queste tappe “locali” si sarebbero poi scontrati a San Jose, poco lontano San Francisco, nel quartier generale di PayPal per contendersi 100mila dollari.

Pensa che si sono presentati team provenienti dalla Germania e dalla Spagna, che non avendo vinto nel loro Paese, volevano riprovarci da noi!

Il mio team si è formato quasi per caso, come succede agli hackaton.

Due programmatori, uno hardware e uno software, e una designer.

Abbiamo vinto la tappa di H-Farm con un progetto “esplosivo” e poi ci siamo scontrati con gli altri finalisti a San Jose, ideando un altro progetto totalmente da zero in 24 ore.

Non ti racconto l’emozione che abbiamo vissuto nel momento in cui abbiamo saputo di essere stati proclamati vincitori. Qualcosa di indescrivibile!

1st Place Winners

And the winner is…

Questa esperienza mi ha fatto capire che noi italiani abbiamo una marcia in più.

Per tante cose ci sentiamo indietro rispetto agli States o altri Paesi, ma non è così: non abbiamo nulla da invidiare, anzi.

Mi ha, poi, fatto capire l’importanza della diversità: il nostro team era eterogeneo, due maschi e due femmine, mentre tutti gli altri team erano composti solo da uomini; inoltre, nella nostra squadra eravamo tutti con background diversi, mentre nelle altre squadre i membri avevano tutti competenze tecniche.

Vincere il premio mi ha quindi fornito un piccolo capitale che mi ha permesso di decidere di lasciare il part-time con H-Farm per dedicarmi al 100% alla crescita della mia azienda, che stava prendendo un’altra forma.

Come nasce Shamat?

Nel 2015, infatti, la mia startup era pian piano evoluta (o come si dice in gergo, aveva fatto “pivot”).

Nel mio percorso di studio del mondo online avevo scoperto quanto i cosiddetti “Big Data” del web fossero importanti e, soprattutto, quanto studiarli costituisse un’opportunità per le aziende.

Esistono migliaia di software che permettono di tuffarsi letteralmente tra questi dati, estrarli e poi analizzarli per tradurli in informazioni di valore per prendere decisioni di business e marketing.

Ho studiato, testato e catalogato più di mille software dedicati al marketing, selezionandone una trentina utili, quotidianamente, per le indagini di mercato.

Molti di questi software li ho visti nascere ed evolvere: solo qualche anno fa i software di “social listening”, che intercettano le conversazioni sui social media, non esistevano o erano agli albori; oggi si può tracciare quasi tutto.

E così la prima idea è stata quella di creare un’applicazione online, a cui avevamo dato il nome di Shamat (da “shah mat” scacco matto in persiano, ndr), che permettesse di raccogliere tutti questi dati da una ventina di software diversi, mettendoli già in correlazione tra loro e risparmiando moltissima fatica e lavoro.

Abbiamo sviluppato un algoritmo che partendo da tutti questi dati grezzi calcolava degli indici riassuntivi, gli “Shamat Score”, che potessero dare alle aziende un’indicazione sintetica della propria performance, reputazione e visibilità online.

Il progetto è piaciuto così tanto che siamo entranti nello Startup Program di SAP Germania e ci hanno invitato nel loro stand alla fiera della tecnologia CEBIT di Hannover, come una tra le 5 startup selezionate.

Siamo, poi, entrati in un processo di finanziamento e ci hanno proposto dei progetti pilota.

Ma, nel frattempo, il progetto è evoluto in un nuovo concept, ovvero CMI.

Quando e come nasce CMI?

Il brand Central Marketing Intelligence, in breve CMI – letto all’inglese “si-em-ai”, come FBI, CSI, CIA etc. – è nato come evoluzione di Shamat.

Mentre stavamo lavorando al software, diverse aziende ci hanno contattato per poter avere delle indagini di mercato ad hoc.

Abbiamo, quindi, iniziato a lavorare per loro, scoprendo cosa gli servisse di più e dando il via a un vero e proprio servizio di indagini di mercato dal web.

Ci sentivamo dei detective: da qui l’idea di CMI, agenzia di 007 del web al servizio delle aziende.

CMI

CMI gli 007 del web

Qual è il core business di CMI?

CMI indaga online per aiutare chi prende decisioni in azienda a farlo con più probabilità di successo e con meno incertezza.

In pratica aiutiamo i manager e gli imprenditori a dormire sonni più tranquilli, perché ogni scelta è stata fatta con tutte le informazioni a disposizione e non seguendo solo l’istinto, che spesso porta a salti nel vuoto.

Il nostro approccio non è quello delle indagini di mercato tradizionali, ovvero interviste telefoniche, sondaggi, focus group, etc.

Noi non facciamo domande a un panel di persone.

Al contrario, intercettiamo e ascoltiamo i dati già presenti online che gli utenti ci forniscono spontaneamente.

Ricerche su Google, visite ai siti web propri e dei concorrenti, conversazioni sui social network, recensioni, condivisioni di articoli: sono tutte fonti di dati preziosissime per capire cosa interessa al proprio target, quali sono i trend di mercato, cosa sta facendo la concorrenza e così via.

Che ruolo ricopri all’interno di CMI e da quanti membri è composto il Team?

Caterina Vidulli

Caterina Vidulli – Agente 007 in azione

Sono Presidente del CdA della società che possiede il brand CMI (la ragione sociale è Arcadya Srl) e in più ho il ruolo di Agente 007, cioè sono un operativo che svolge le indagini sul campo.

Il mio socio, Giovanni Zanier, è l’Agente M.

Nel team ci sono anche laureati e laureandi in economia e statistica.

Abbiamo diversi collaboratori esterni per ciò che riguarda sviluppo informatico, analisi di Big Data con metodi di intelligenza artificiale, assistenza legale in caso di diffamazione, creazione di siti web e supporto nel marketing.

Perché la Business Intelligence è così importante per avere successo negli affari?

La risposta è semplice.

Giocheresti mai una partita a poker bendato, senza poter vedere né le tue carte, né quelle sul tavolo, né la faccia del tuo avversario?

Immagino di no, perché sarebbe un suicidio.

Come potresti decidere quanto puntare e quali carte cambiare?

Ecco, con la Business Intelligence:

  • Puoi scoprire le carte che hai in mano – ovvero tradurre i risultati che stai ottenendo in dati chiari e utili, scoprire cosa pensano di te i tuoi clienti e qual è la tua reputazione.
  • Puoi vedere più chiaramente le carte sul tavolo, ovvero capire la situazione attorno a te, come cambiano i trend e gli interessi dei potenziali clienti.
  • Puoi, perfino, sbirciare – in modo del tutto legale – le carte dei tuoi concorrenti, scoprendo come si stanno muovendo online (e non solo), come riescono a raggiungere i clienti e quali risultati stanno ottenendo.
Market Intelligence

Market Intelligence

Perché una startup dovrebbe sfruttare i servizi di CMI?

Abbiamo lavorato con diverse startup in questi anni e per esperienza posso dirti che possiamo aiutarle in due modi.

  • Primo, nel definire il proprio business model.

Quando stavo lavorando alla mia prima startup, la difficoltà più grande era quella di comprendere il bisogno dei clienti e di come creare la cosiddetta “value propositon”, capire cioè come si può offrire ai clienti un valore superiore a ciò che già il mercato gli sta offrendo.

Se non conosci cosa pensano i tuoi potenziali clienti, i loro problemi e la concorrenza attuale, farlo è letteralmente impossibile.

  • Secondo, alle startup per chiedere fondi serve un business plan.

Devono dimostrare agli investitori che il mercato nel quale vogliono entrare è profittevole e che sono in grado di aggredirlo nel modo giusto.

Integrate nel business plan, le nostre indagini servono proprio a far capire agli investitori la solidità del proprio mercato e che le proprie scelte sono frutto di decisioni informate.

Perché un’azienda dovrebbe sfruttare i servizi di CMI?

Come ti dicevo poc’anzi, per vedere più chiaramente la situazione prima di prendere una decisione che impatta sul suo business.

Ad esempio, quando deve lanciare un nuovo prodotto o migliorare quelli che già vende.

Quando vuole rilanciare la propria strategia di marketing, lanciando nuove campagne o ristrutturando il proprio sito web (o creandone uno da zero).

O più in generale, ci chiamano anche quando vogliono, semplicemente, comprendere meglio le opportunità attorno a loro, per capire come muoversi e su cosa concentrare le proprie attenzioni (e il proprio budget).

Ad oggi, che risultati ha ottenuto CMI?

Per me, il risultato principale è essere riusciti a lavorare per grandi multinazionali, come ad esempio il gruppo Fater per il loro brand Pampers, la Tucano International e agenzie di consulenza di calibro internazionale, che ci hanno contattato tramite il sito web o per passaparola grazie a referenze molto positive sul nostro lavoro.

Ma non solo: considero risultati di cui vado fiera anche anche aver aiutato delle startup a ottenere finanziamenti e aver dato nuovi spunti utili ad alcune PMI italiane.

Come vedi CMI nei prossimi 3 anni?

Siamo ambiziosi: vogliamo diventare lo standard per le analisi di mercato.

La nostra mission è quella di evitare (o almeno ridurre significativamente) la necessità di dover disturbare con le interviste telefoniche i consumatori a orari improbabili.

Quali progetti hai per il futuro?

Il mio obiettivo è stato sin dall’inizio quello di aiutare le aziende a cogliere l’opportunità del web per avere più successo e questo non cambierà.

Al momento sono convinta che le indagini di CMI siano il modo migliore per aiutarle a prendere scelte più consapevoli e a sfruttare informazioni che si lasciano scappare quasi del tutto.

Questo oggi. In futuro… chissà?

Se l’intelligenza artificiale prenderà così tanto piede da riuscire a rendere questi dati già disponibili e le nostre indagini non più necessarie, passeremo allo step successivo!

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Marco Piccioni: Marco Piccioni Consulting srl

Oggi, mio caro lettore, ti presento attraverso la mia intervista Marco Piccioni, un consulente che ho conosciuto di recente su LinkedIn, dopo che ha catturato la mia attenzione coi suoi contenuti.

Buona lettura!

*  *  *

Quanti anni hai e dove abiti?

Ho 44 anni.

E sono nato e vivo a Roma.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Ho una laurea in Sociologia.

Qual è la tua attuale professione?

Sono il titolare di una società di consulenza specializzata in direzione aziendale: la Marco Piccioni Consulting srl.

Quali esperienze lavorative hanno preceduto quella attuale e che cosa ti hanno insegnato?

Per pochi mesi, subito dopo la laurea, ho lavorato in una società di consulenza che mi ha insegnato cosa non si deve fare per gestire al meglio i clienti.

Qual è l’attività principale della Marco Piccioni Consulting srl?

Gli ambiti di intervento sono:

·         sicurezza del lavoro (decreto 81/08) con nomina RSPP;

·         medicina del lavoro con nomina del medico competente;

·         visite mediche periodiche al personale;

·         corsi di formazione per il personale;

·         certificazioni di qualità ISO 9000 e certificazioni ambientali ISO 14000;

·         attestazioni SOA;

·         consulenza PRIVACY GDPR con nomina DPO.

In sintesi: ogni tipo di problematica che può avere un’azienda.

Ci piace essere lì per dare una mano.

Quanti collaboratori ha la Marco Piccioni Consulting srl?

Il gruppo di lavoro è mutevole.

C’è un parte stabile da anni e altri che ruotano. Alcuni lavorano solo con noi e altri sono collaboratori occasionali.

Quindi se non sbaglio direi 15/20 professionisti stabili. Tutti con p.iva.

La tua società opera solo a livello locale oppure anche a livello nazionale?

Lavoriamo in tutta Italia. Alcuni nostri clienti sono filiali italiane di gruppi internazionali.

Ovviamente, la gran parte di essi ha la sede e opera a Roma.

Quali strategie di marketing utilizza la Marco Piccioni Consulting srl per attirare nuovi clienti?

Un mix di interventi.

In questo momento sto tentando di acquisire maggiore visibilità attraverso la presenza sui social: LinkedIn e il canale YouTube Marco Piccioni Consulting srl.

Quale strategia, invece, utilizza la Marco Piccioni Consulting srl per fidelizzare i suoi clienti?

Nessuna strategia in particolare. Lavoriamo al meglio cercando di offrire ai nostri clienti sempre qualcosa in più rispetto quello che si aspettano.

In genere è il cliente stesso che richiede nuovi servizi, nuove consulenze.

Che ruolo occupa Internet nella strategia di marketing della Marco Piccioni Consulting srl?

Centrale, determinante, esclusivo.

Poi, c’è il passaparola dei nostri clienti.

Quando hai lanciato tuo canale YouTube quale obiettivo ti sei prefissato?

Inizialmente, si trattava genericamente di una indistinta necessità di recuperare terreno in termini di visibilità per la Marco Piccioni Consulting srl.

Da qualche settimana è subentrata anche la semplice voglia di riuscire a farcela. Una sorta di sfida con me stesso. Il tutto, però, divertendomi.

In che modo pensi di far crescere gli iscritti al tuo canale YouTube?

Ancora non ho una strategia chiara in mente.

Se hai qualche consiglio da darmi, lo ascolto volentieri.

Oltre a YouTube, la tua strategia di personal branding prevede l’utilizzo di altri canali social?

Sì! Uso Linkedin.

Mi trovo bene su questo social network, poiché puoi affrontare tematiche di vario tipo confrontandoti con persone interessanti e – per lo più – intelligenti.

Cosa consiglieresti a una persona che si vuole mettere in proprio?

Volontà, ambizione e fantasia.

Se, però, hai un capitale inziale da investire la fantasia può anche non servire.

Qui dovrei darti una risposta articolata che richiederebbe, però, troppo spazio.

Magari, potremmo parlarne in un’altra occasione.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

In ambito professionale te lo dico, seriamente, non ho mai detto né pensato vorrei arrivare “a questo punto”.

Dopo quel punto, se fai un passo puoi andare ancora più avanti.

Per questo il mio unico obiettivo può essere… il massimo che si riesce a fare.

In ogni caso per darti un’idea, un ordine di grandezza di cosa considero il vero successo – ripeto – solo sul piano professionale: è possedere minimo una squadra di calcio, andare a lavoro in elicottero e nello studio avere appeso un Caravaggio.

L’idea più o meno è questa e – mio malgrado – la strada da percorrere è ancora un bel po’ lunga.

L’intervista è finita, ma voglio aggiungere una cosa, la più importante: qui si è parlato di lavoro, di ambizione, aspetti centrali e determinanti, che però non sono nulla se non condivisi con gli affetti.

Sono gli affetti che riempono di significato tutto ciò che facciamo.

Ciao e grazie,

Marco

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

 

Umberto Zanesco: Startup Business Lab

Oggi, mio caro lettore, ti presento Umberto Zanesco, giovane project manager dal radioso futuro, che ho conosciuto grazie a LinkedIn.

Di lui mi hanno colpito la sua energia, la sua gran voglia di fare e il suo spirito imprenditoriale.

Se vuoi vederlo all’opera, ti consiglio di visitare il suo blog Startup Business Lab.

Se, invece, vuoi conoscerlo meglio, non ti resta che proseguire nella lettura di questo post e ti assicuro che ne vale la pena.

* * *

Quanti anni hai e dove vivi?

Ho 28 anni e vivo a Poole, Dorset, UK.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Liceo scientifico e, subito dopo, laurea magistrale in Economia e Commercio a Napoli.

Qual è il tuo lavoro attuale?

Dopo un periodo da freelancer come business developer e project manager, c’è stato un gap di qualche mese nella mia vita lavorativa, in cui ho cominciato a scrivere e a progettare il mio prossimo business.

Nel frattempo, il 19 novembre inizierò come project manager presso FDM Group nel centro di Londra.

Quali esperienze lavorative hai avuto prima dell’attuale?

Ho iniziato come rappresentate di ricambi industriali.

Successivamente, ho fatto il business developer per un’azienda che produceva videogiochi per tablet e smartphone, ARS Digitalia.

Quindi ho gestito, per pochissimo tempo, insieme a due soci una società sportiva che aveva preso in gestione un campo di calcetto, Sietten FC.

Dopodiché per 2 anni ho avuto la mia attività, la ZaMarini, che era così suddivisa: un chiosco di bibite (nella fattispecie, un carretto) e un ristorante italiano in una food court a Perth CBD, Western Australia.

Infine, una volta giunto a Londra ho lavorato per 1 anno e pochi mesi come croupier in un casinò online, Extreme Live Gaming.

Nel frattempo, mi sono preparato per 8 mesi al concorso per segretario di legazione sostenuto a Roma e fallito miseramente.

Sono arrivato 300esimo su 3.000 partecipanti, con 39 risposte esatte su 60.

Pensa che i primi 200 che sono passati alla fase successiva avevano totalizzato 40 risposte esatte.

Poi sono tornato in Italia per godermi 10 mesi di paternità, durante i quali ho continuato a scrivere, ricercare, progettare e, occasionalmente, a lavorare da freelancer come project manager.

Che cosa ti hanno insegnato le tue esperienze lavorative precedenti?

Una marea di cose.

Elencherò le più importanti:

  • tecniche di business developing;

  • come si avvia e si gestisce un’attività;

  • customer service e orientamento ai bisogni del cliente;

  • organizzazione personale e del team di progetto.

Cosa ti ha spinto ad andare in Australia e qual è stato il tuo primo lavoro laggiù?

A Napoli avevo un lavoro a tempo indeterminato come rappresentate per l’azienda di ricambi industriali, DMC.

Mia moglie lavorava come infermiera in una clinica privata.

Stavamo pensando di mettere su famiglia ma prima di farlo volevamo fare un’esperienza all’estero.

Non semplicemente un viaggio di piacere, proprio vivere all’estero per un periodo di almeno 3 mesi.

Dopodiché, sarei tornato a gestire la società sportiva Sietten FC e a fare il business developer per ARS Digitalia, ma avrei lasciato comunque il mio lavoro alla DMC.

Le cose, poi, sono precipitate.

Mia moglie si è rotta la caviglia in palestra ed è stata licenziata nel giro di 3 settimane.

Quindi era completamente a terra e provava, in quel momento, un odio profondo verso l’Italia.

Io ero pressato sempre di più dalla DMC, che veniva schiacciata dalla concorrenza ogni giorno di più, e i soci non riuscivano a trovare una soluzione ai problemi dell’azienda, scaricando la pressione sui dipendenti, che avevano l’unica colpa di “ricevere uno stipendio”.

Inoltre c’era il problema ambientale.

A Napoli non si respira. L’aria è inquinata e devi stare attento a quello che mangi perché c’è la terra dei fuochi.

Infine, stavano morendo amici e parenti di tumore: mio padre, mio zio, mia cugina, un amico di neanche 30 anni. Quasi uno ogni 2 anni.

Quindi siamo andati in Australia con l’intento di rimanerci.

Alla fine ho aperto la ZaMarini e ci siamo rimasti 2 anni.

Come nasce ZaMarini?

ZaMarini nasce da ricerca e analisi di mercato, niente di più.

Io non ho mai cucinato in vita mia e mi sono sempre fatto sbucciare la frutta da mia mamma, prima, e da mia moglie, poi.

Quindi non avevo nessuna esperienza nel campo della ristorazione, ma proprio niente.

Ho visto che a Perth la domanda nel settore food era crescente e il mercato, pure.

Per cui l’attività era potenzialmente profittevole.

L’alternativa era un investimento nel fintech o in miniere d‘oro o nel fashion, ma non avevo soldi e le ho scartate a prescindere.

A quel punto mi sono rimboccato le maniche, ho costruito il mio “carretto”, ho lasciato il lavoretto che avevo trovato, nel frattempo, per mantenermi lì e sono partito all’avventura.

Il primo problema che ho incontrato è stato quello burocratico: a Perth non si può vendere tramite un carretto al di fuori di festival ed eventi.

Come al solito però, fatta la legge, trovato l’inganno.

Infatti, ho scoperto il modo di lavorare come chiosco itinerante 7 giorni su 7 per 12/24 ore, legalmente.

Ero l’unico in tutta Perth ed ero nel secondo posto migliore di tutta la città: sulla via tra la stazione centrale dei treni e gli uffici, la biblioteca e l’università.

Inizialmente, doveva essere solo una breve esperienza, quindi non solo ci ho speso il minimo indispensabile (in termini economici), ma ho anche scelto il nome senza un riferimento particolare al mercato.

Za sono le prime due lettere del mio cognome e Marini è il cognome di mia moglie che non lavorava materialmente nella ZaMarini, ma ha un cognome che mi piace tantissimo e fa molto “italiano”.

La parte più difficile è stata imparare a sbucciare la frutta in fretta, fare le granite con le ricette giuste e mantenere gli standard di servizio alti (pulizia, design, odore, eliminare gli insetti, etc.).

Insomma, la parte operativa.

Il marketing, poi, è stato un qualcosa che mi ha tenuto sveglio la notte.

Come potevo fidelizzare la mia clientela, che divideva le sue preferenze tra me (spremute e frullati di frutta) e il caffè?

Una battaglia inaspettata che stavo pensando di vincere offrendo frullati alla caffeina.  😀

Ma, poi, non ho avuto il tempo per implementare la cosa.

Come si è conclusa la tua avventura imprenditoriale in Australia?

Per vendere il carretto era il periodo peggiore.

Nel picco dell’estate mi avevano fatto un’offerta dove avrei realizzato un guadagno netto del 400% che, purtroppo, ho rifiutato poiché pensavo di rimanere in Australia.

Ma in inverno non c’era nessuno disposto ad acquistarlo e, quindi, ho regalato il carretto alla mia ex chef (a cui siamo ancora molto affezionati poiché rappresenta la nostra famiglia australiana) e venduto il ristorante ad un pakistano.

Sarebbe stata una exit niente male, se non si fosse messo in mezzo il centre management del centro commerciale in cui era locato il ristorante.

L’acquirente era disposto ad acquistare la mia attività, compreso brand name, menu e ricette, insomma tutta la corporate identity, ad un bellissimo prezzo, circa 5 volte più di quanto avevo speso per allestirlo completamente.

Il management si è opposto dicendo che dovevano approvare loro la new entry, indipendentemente, dal mantenimento di nome e ricette.

A quel punto la situazione era la seguente: se il mio acquirente avesse acquistato ed il management del centro commerciale avesse posto il veto sull’operazione, il mio compratore si sarebbe ritrovato fregato.

Ho dovuto mediare, cioè “pagare qualcuno”, e ridurre il prezzo di vendita per riuscire a strappare un accordo.

Alla fine me ne sono uscito guadagnando “solo” il doppio di quanto ci avevo speso, ma non ho venduto il brand name ZaMarini a cui ero particolarmente affezionato e che è rimasto registrato a mio nome fino all’anno scorso.

Come mai sei tornato in Europa?

Essenzialmente per problemi di visto.

In Australia, per rimanere c’erano 3 vie:

  1. Sponsorizzazione da parte dello Stato, se rientri nelle figure richieste.

  2. Sponsorizzazione da parte di un datore di lavoro.

  3. Devi essere tu il datore di lavoro di te stesso.

Io ho scelto la terza via.

Ma a un certo punto, a causa di un governo xenofobo, hanno cambiato la legge riguardante il mio percorso: un datore di lavoro non poteva più sponsorizzare né se stesso, né il precedente proprietario di quella stessa attività.

Mi sono trovato fregato, ho dovuto impacchettare tutto e vendere nel giro di 6 mesi.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Al momento mi sto costruendo una carriera da project manager.

Un po’ perché è una cosa che so fare e per cui sento di essere portato, un po’ per rispondere alle esigenze di sicurezza di mia moglie e mia figlia.

Essenzialmente, il discorso affrontato in famiglia è stato: “Ok, apri una tua nuova attività. E se va male? Hai una figlia, ora, a cui pensare”.

Per cui ho deciso di costruire il mio piano “B” di creazione di una carriera a cui potrò sempre tornare nel caso in cui le cose, come imprenditore, andassero male.

Contemporaneamente, sto continuando a progettare, ricercare, imparare, senza sosta.

Ho, già, un’idea imprenditoriale in mente che coltiverò per i prossimi 2 anni.

Quindi, al termine di questo periodo potrò decidere se restare dipendente o tornare a fare l’imprenditore.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Luca Leandro. Un anno dopo

Luca Leandro

Luca Leandro – Fondatore di LucaLeandro.com blog sulla crescita personale

Oggi, mio caro lettore, ti propongo una nuova intervista a Luca Leandro che avevo già intervistato circa un anno fa (leggi qui).

In dodici mesi la sua presenza online è cambiata radicalmente e un po’ anche la sua vita.

Se vuoi scoprire come, continua a leggere questo post.

Buona lettura!

* * *

Circa un anno fa mi hai rilasciato la tua prima intervista, caro Luca. Com’è cambiata la tua vita da allora?

Beh, intanto sono felicemente diventato papà bis.

Direi l’evento “dominante” dell‘anno, sia per l’impatto che ha sulla mia vita di oggi e di domani, sia perché veder nascere un figlio, stringerlo tra le braccia, e accompagnarlo in ogni singolo, piccolo passo di crescita è per me una gioia davvero incredibile.

Poi, tantissime altre cose:

  • ho iniziato il percorso per diventare AD [Amministratore Delegato, ndr] dell’azienda per cui lavoro;

  • ho definito e iniziato a implementare una nuova strategia per il mio blog;

  • ho cambiato routine mattutina e serale, la qual cosa ha apportato importanti benefici al mio livello energetico ed emotivo;

  • ho iniziato a bere acqua alcalina, cosa che mi sta dando ottime soddisfazioni;

  • ho letto e studiato una trentina di libri, di cui almeno 10 davvero affascinanti.

In perfetta continuità con i quattro-cinque anni precedenti, anche gli ultimi 12 mesi sono stati davvero densi di novità, ricchi di piacevoli soddisfazioni e con tanta tanta voglia di seminare ancora per un futuro sempre migliore.

Come mai hai deciso di trasformare il tuo blog HomoIntrapendente.it in LucaLeandro.com?

Sostanzialmente per un unico motivo: ho approfondito l’ambito della crescita personale fino al punto in cui inizio ad avere le mie idee, le mie teorie, i miei punti di vista sulle soluzioni che funzionano e quelle che, invece, sono talmente generiche o superficiali che lasciano il tempo che trovano.

HomoIntraprendente.it è nato come un contenitore di soluzioni utili per uscire dal circolo di una vita demotivante e apatica.

LucaLeandro.com è il mio punto di vista su come si può vivere una vita libera, motivante, davvero felice e appagante.

Include tecniche e strategie, ma anche mie personali intuizioni.

E la mia idea, per logica e per branding, è quella di Luca Leandro, non quella di un generico sito di crescita personale.

È, ormai, un annetto che ho in canna questo cambio, l’ho annusato e studiato a lungo, fino a sentirlo del tutto mio.

E dopo tutta una serie di profonde riflessioni, ho capito che desideravo davvero spendermi in prima persona, e diffondere il “mio” metodo per vivere bene, non tutte le tecniche del mondo.

Che cosa hai salvato del vecchio progetto?

Tutti gli articoli scritti fin ora e le centinaia di iscritti alla newsletter.

Il resto è tutto nuovo: piattaforma web, stile comunicativo, logica di branding e così via.

Come hai giustificato questo cambio agli occhi della community che ti seguiva?

Mah, chi mi segue davvero non ha avuto bisogno di spiegazioni…

Già con gli ultimi articoli di HomoIntraprendente.it, che sono stati i più apprezzati di sempre, era chiaro che la mia “deriva” fosse verso un maggior contatto diretto con la vita reale e concreta del lettore: meno teorie sterili, più vissuto emotivo concreto e tangibile.

Ora, che il passaggio è stato fatto è in corso una prima scrematura di chi non è interessato a questa nuova forma di comunicare la crescita personale (ho avuto una 50ina di “esodati” dalla newsletter), ma al contempo ho avuto numerosi complimenti e un engagement più alto da parte di chi mi segue da sempre.

E questo, per me, è solo un dato positivo.

Quali sono i tuoi nuovi obiettivi?

La mia missione è quella di aumentare il livello di consapevolezza delle persone su come funziona la nostra psiche e su come la si possa gestire per migliorare radicalmente la qualità della propria vita.

Operativamente, il primo obiettivo è quello di acquisire competenze e impostare una organizzazione personale per creare tutti i contenuti che mi servono.

In particolare, partirò presto con dei video, ma mi mancano ancora delle competenze, quindi è su questo che sto lavorando.

Inoltre la quantità di contenuti che intendo produrre certamente richiederà una nuova organizzazione del lavoro.

Il secondo obiettivo sarà quello di allargare la base utenti iscritti alla newsletter e in qualche modo seguaci o follower fino ad alcune migliaia di persone.

Obiettivo seguente: il mio primo libro 🙂

Quale strategia di marketing stai utilizzando per promuovere il tuo nuovo blog e che risultati hai ottenuto fino ad ora?

Sono appena partito.

Per ora, sto mettendo le toppe a tutti i piccoli problemini tecnici che emergono solo quando ti butti nella mischia.

Tuttavia, il primo passo della mia strategia è già compiuto: avere un’idea chiara di come voglio posizionarmi, dello stile comunicativo che intendo adottare, degli utenti a cui mi voglio rivolgere, e così via.

Queste sono le fondamenta su cui si baserà il mio progetto.

Poi, operativamente dividerò i miei contenuti su tre livelli:

  1. Video “facili”, da postare sui social, con l’obiettivo di “agganciare” le persone che non sanno quanto la crescita personale potrebbe fargli bene.

  2. Post settimanali, così come oggi, per nutrire la comunità che sono felice di presiedere.

  3. Video “full”, per un futuro canale Youtube. Saranno di fatto gli argomenti dei post, replicati in video.

Per promuovere il blog utilizzerò i video “facili”, sponsorizzandoli sui social.

Obiettivo: portare le persone a iscriversi alla newsletter, che di fatto per i primi 30 giorni sarà un funnel.

Hai intenzione di creare degli infoprodotti?

Senza dubbio.

Prima di tutto perché sento, spesso, che alcuni temi che tratto “risuonano” dentro alcune persone specifiche, ma il post per loro non è sufficiente.

Quindi ci vuole uno strumento per andare maggiormente in profondità, accompagnando la persona in un vero e proprio percorso.

Poi perché, indipendentemente, dalle svariate centinaia di ore che ho dedicato a questo progetto, onestamente fino ad oggi ho anche speso migliaia di euro, e per renderlo sostenibile, devo necessariamente avere dei ricavi.

Sul formato degli infoprodotti lascio ancora un po’ di suspance 🙂

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Questo. Punto!

Per anni mi sono dedicato a tante cose contemporaneamente. Ora, è chiaro che ciò che desidero è crescere su questa strada.

E poi, per servire bene i miei utenti, ci vuole tempo e focalizzazione.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Antonio Luciano. Un anno dopo

Antonio Luciano

Antonio Luciano

Oggi, mio caro lettore, ti propongo una nuova intervista ad Antonio Luciano, copyblogger, che avevo già intervistato in una precedente occasione più di un anno fa (leggi qui).

Buona lettura!

* * *

È passato poco più di un anno dalla nostra prima intervista. Com’è cambiata la tua vita lavorativa?

È cambiato tutto, sono cambiato io, è cambiato il mio modo di fare comunicazione, l’approccio al web, la presenza online – business.

Sono uno specialista diverso, adesso, in grado di camminare con le proprie gambe – perché la spina dorsale l’avevo già – autonomo e richiesto, il che non guasta mai.

Quindi credo anche originale, se non unico.

In questo periodo mi sono concentrato sul cambiare la comunicazione. Rendermi indipendente.

Sentivo di aver assimilato tutto quello che occorreva per lavorare in totale autonomia e disporre delle competenze, l’autorevolezza  e l’esperienza necessaria per fare il grande passo e l’ho fatto.

Molti pensano sempre in termini diversi, spesso solo economici, dal maturare la giusta expertise e ragionare in progressivi gradi di crescita prima di assurgere a un presunto ruolo professionale o, se lo fanno, si sente così poco a riguardo tra gli specialisti web.

Dopo 7 anni online, nel mio caso, si è trattato di unire i puntini e cambiare pelle. In altre parole, rinascere.

Ovvio, come tutte le volte che vi è una rinascita a essa segue sempre una morte, ma preferisco tralasciare e guardare avanti, quasi nulla indietro.

Ora, sono come la mia attività online appare, un copyblogger punto di riferimento per coloro che intendono approcciarsi al content marketing efficace con il loro blog e sfruttare così le incredibili opportunità che il copy-blogging offre.

Quando e come nasce il tuo podcast?

Nasce da un’attenta valutazione della affordance che questo media offre a un copyblogger che fa  formazione/comunicazione online e si avvale di un blog come strumento per erogare contenuti nel web.

Difatti il podcast è un media democratico, economico, ubiquitario e più caldo rispetto alla scrittura, pur trattandosi sempre di comunicazione a distanza.

Perciò da comunicatore come potevo dire no a così tanti vantaggi e a zero criticità?

Inoltre, può essere asincrono ma anche sincrono, a tutto vantaggio delle interviste. Un format che ho sviluppato al punto tale da sentire la necessità di evolvere in qualcos’altro.

Ritengo che in questo senso i podcast abbiano il potenziale intrinseco di avvicinare ulteriormente, accorciare le distanze, fare una sorta di personal branding migliore, essere più diretti, arrivare ai lettori quanto prima a ragione di un carico cognitivo richiesto per essere fruiti assai meno probante rispetto al testo e al video.

D’altronde l’oralità ci appartiene, è nel nostro DNA.

Perciò ho pensato che il passaggio da lettore ad ascoltatore fosse quanto ci fosse di più immediato nella comunicazione.

Una transizione indolore, quasi naturale, meno problematica sicuramente, che richiama in causa una mente già strutturata, reattiva e predisposta a funzionare rispetto a come non abbia già dovuto fare con i media sopra citati. 

Per ultimo, ma non meno importante, s’incontra con la mia passione adolescenziale per la radio, meglio di così…

Quali risultati ti ha portato il tuo podcast?

Autorevolezza, piano editoriale rimpolpato, una seconda giovinezza creativa, un media che aggiunto alla scrittura porta a un miglioramento della comunicazione.

Sentire la propria voce può fare solo bene a un copyblogger, troppo abituato a cantarsela e suonarsela da solo.

D’altronde scrivere, come la lettura, è un atto solitario e alienante, mentre l’ascolto apre a nuovi scenari del copy-blogging, collaborazioni, progetti, contenuti.

Perciò fare podcasting va oltre il mero testo e offre tutta una serie di novità produttive, meno schematiche, più spontanee che esulano da quelle prettamente strutturate della scrittura.

Anche la rifioritura della vena creativa assume la sua importanza nella valutazione dei risultati, e sotto questo punto di vista si sa che il piano editoriale di un copyblogger piange sempre.

Come si inserisce il tuo podcast nella tua strategia di Lead Generation?

Il podcasting rientra in un piano strategico più ampio che riguarda la mia attività-presenza online.

Una strategia nella strategia che se ha anticipato le altre è solo per ragioni organizzative.

Ho in mente di catturare lead con la formazione che svolgerò presto nella mia Copy-Academy.

I podcast,al momento, sono solo a uno stato embrionale, mi sono dato del tempo per imparare a farli bene e in modo professionale.

Dopodiché è la scelta della piattaforma a fare la differenza, YouTube compreso, perlomeno nel mio caso.

Adesso, punto molto sul blog e a portarci quanti più utenti possibile con i contenuti che realizzo.

Ad interiorizzare piuttosto che portare all’esterno, agire ad intra anziché ad extra come facevo in passato.

Diciamo che ho fatto reverse strategy.

Quindi sono passato a pubblicarli su Linkedin, luogo di “caccia” in cui attrarre le buyer personas a cui mi rivolgo principalmente ovvero specialisti, freelancer, PMI e aziende che vogliono fare content marketing efficace.

I podcastal momento, sul mio blog assolvono a tre funzioni:

  1. Approfondire l’articolo che ho scritto su cui sono embeddati per articolare ulteriormente il contenuto.

  2. Rendere il testo che ho scritto una traccia audio. Quindi fare un podcast uguale con l’obiettivo di facilitare e rendere più agevole la fruizione del contenuto a chi non ha il tempo di leggere o magari vuole ascoltarlo mentre si occupa di fare altro.

  3. Fare interviste.

Per adesso non è previsto un piano editoriale a sé stante di podcasting ma arriverà, eccome se arriverà. 😉

Tutto ciò per fortuna sta avvenendo in modo del tutto naturale senza particolari forzature e con ottimi riscontri/risultati tant’è che i lead si avvicinano spontanei.

Devo dire che sono molto soddisfatto.

Quali strumenti usi per registrare le tue interviste?

So che questa è una risposta che interessa tutti coloro intendono cimentarsi con il fare podcasting. L’ho fatta anch’io, a suo tempo, agli esperti prima di intraprendere questa strada.

Esistono tanti strumenti. Tutti validissimi.

Ma io utilizzo Zencast.com che ha il non trascurabile vantaggio di costringere a usare Skype o Google Hangouts per fare le interviste con tutti i rischi annessi e connessi, perdita di linea, calo della banda, brusca precipitazione della qualità, etc.

In pratica risolve tutte quelle spiacevoli situazioni che ti portano a pregare e a incrociare le dita, per i più scaramantici, tutte le volte che inizi un’intervista ma non sai che risultato finale otterrai con il pericolo di dover rifare tutto daccapo e bruciare la traccia audio già fatta con la simpatia garantita di chi hai coinvolto nel ruolo dell’intervistato.

Giusto per tranquillizzare gli animi e i portafogli la versione FREE prevede un piano con 8 ore di registrazione gratis al mese, poter invitare fino a due ospiti con un link per registrare l’intervista, formato MP3 di alta qualità.

Figo e conveniente, no?

Come nasce una tua intervista e che processo usi per realizzarla?

Come ho già detto, dopo averne fatte circa 50 scritte, ho sentito il desiderio di cambiare, ma anche di evolvere questo format così prezioso per il copy-blogging.

Il processo di realizzazione inizia da un’attenta attività di studio e analisi della presenza online dell’intervistato.

Poi, mi concentro sugli aspetti peculiari allo scopo di enfatizzare l’unicità dello specialista in questione.

L’intervista non dev’essere solo un’occasione di indagine approfondita altrimenti diventa un contenuto piatto, un interrogatorio modello Gestapo.

Può fare anche dell’ottimo content marketing, oltre che una velata forma di pseudo personal branding con tenui tinte autoreferenziali.

Sta al talento dell’intervistatore, alla sua perspicacia e passione per il lavoro che svolge riuscirci.

Ecco, perché è meglio puntare sempre e solo su interessi comuni o perlomeno che si intersecano e trasversali ma sempre piuttosto vicini.

Seppur dona una luce diversa, una prospettiva di indagine differente deve rimanere fedele all’identità dell’intervistato che ne esce valorizzato e divertire i lettori ma soprattutto chi è vittima di una serie di domande a raffica.

Ma ha anche l’incombente compito di catturare e destare interesse in entrambe le parti altrimenti è istigazione allo svenimento. 😀

Gioco molto su questo aspetto, mi piace pensare di vedere aspetti degli specialisti che altri non vedono, attraverso un punto di osservazione diverso per dare una differente chiave di lettura del loro ruolo professionale/presenza online e fare una sottaciuta ma neanche così poco esplicita forma di digital marketing.

Infine, interseco tutto questo tessuto fatto di emozioni, competenze, contenuti, astrazioni con l’argomento portante dell’intervista nel mio caso il copy-blogging, e poi evvai di mix.

Non bisogna allontanarsi mai da quest’ultimo è il collante per mantenere vigile l’attenzione e coinvolgere nella lettura affinché venga consumata per intero, insomma sia valsa la pena farla.

Un’intervista che presenta l’intervistato, lo valorizza, in termini più veniali lo vende bene, dovrebbe essere appiccicosa ai backlink, lo scopo sarebbe questo, ma credo rimanga incompiuto, quasi sprecato, temo.

Ma, soprattutto, cerco di divertirmi e trasmettere questo.

Infondere positività costruttiva, creare questo genere di attivazione nei lettori e devo ammettere mio malgrado che con il testo è molto faticoso e non facile da raggiungere come risultato, anche per questa ragione ho deciso di passare ai podcast con un sogno nel mirino: fare una Copy-Radio a tutti gli effetti un giorno, chissà…

Fai una pre-intervista propedeutica all’intervista vera e propria?

Invio le domande, semplicemente. Gli specialisti con cui entro in contatto orbitano quasi tutti nella blogosfera da tempo o mi conoscono.

Comunque, oramai, è facile farsi un’idea assai rapidamente su di me e di cosa mi occupo da una rapida ricerca online, forse era più difficile a primordi.

Sin dagli albori ho sempre inviato email di richiesta per le interviste piuttosto articolate e complete a livello descrittivo dove inserivo il link alla pagina-categoria Interviste di quelle svolte sul mio blog per far capire subito di cosa si trattasse ed è stato di aiuto, un metodo efficace, non ho mai ricevuto un rifiuto, almeno per adesso. 🙂

Come scegli i tuoi ospiti?

Questa domanda mi riporta indietro nel tempo.

Ho iniziato a fare interviste nel gennaio del 2016 ed è cambiato molto da allora.

Tuttavia sono sempre rimasto fedele allo scegliere gli specialisti in base alla loro scelta di usare il blog come strumento di lavoro nel web, pensando sempre poco al personal branding e molto alla mia missione, cioè diffondere il ‘messaggio’ che celebra ed elegge il blog a migliore strumento per fare formazione-comunicazione online.

Quindi dare a questo potente mezzo il giusto status culturale facendo riferimento al settore disciplinare delle Scienze della Formazione.

Nel tempo, poi, ho affinato l’indagine che si è allontanata sempre più dalla formazione e si è polarizzata sulla comunicazione, avvicinandosi nella fattispecie al copywriting e al blogging parimenti al mio processo di trasformazione da formatore a copywriter-blogger freelance.

Seppur, pensandoci bene, trattasi di un trucco speculare alla cultura che non contempla ancora un approccio multidisciplinare, quello di far differenziazioni di settore piuttosto che al web, oramai, sempre più luogo di sintesi dei saperi tant’è che entrambi i settori disciplinari si sono fusi assieme da tempo – vedi www.copyblogger.com, il noto sito americano – proprio a ragione dei rispettivi interessi e necessità.

Come fai la post-produzione?

Per chi è alle prime armi suggerisco questo post che ho scritto su come fare il primo Podcast e superare gli ostacoli e le criticità che si incontrano inizialmente e rischiano di farci demordere.

Onde evitare ripetizioni per rispondere mi ricollego alla domanda numero 4: “Quali strumenti usi per registrare le tue interviste?”

Uso Audacity il noto software audio open-source per montare, tagliare e cucire le tracce audio e Zencast per le interviste, entrambi user friendly, il primo gratuito il secondo quasi ma comunque a prova di specialista.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Lucia Imperi: Wedding Planner

Oggi, mio caro lettore, ti presenterò, attraverso questa mia intervista, Lucia Imperi, wedding planner, che sta inseguendo con grande tenacia il suo sogno di affermarsi in questa professione, combattendo contro tutto e contro tutti.

Buona lettura!

* * *

Quanti anni hai e dove vivi?

Mi chiamo Lucia, ho 38 anni e vivo a Roma dal 2002.

Però, sono originaria di un paesino dell’alta Sabina, Montorio Romano.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Ho conseguito la maturità scientifica nel 1999.

Successivamente, ho optato per un percorso accademico breve, scegliendo una facoltà universitaria triennale: Tecniche di Neurofisiopatologia.

Dopo aver praticato questa professione per qualche anno, ho sentito la necessità di arricchire la mia conoscenza nell’ambito sanitario e acquisire capacità rivolte maggiormente verso il paziente che verso l’analisi tecnica, quindi mi sono iscritta alla facoltà di Scienze Infermieristiche.

Percorso che ho interrotto a tre esami dalla seconda triennale, dato che ho percepito la realtà ospedaliera non affine alle mie aspettative professionali.

Intorno ai 32 anni, grazie a un evento personale particolarmente importante, il mio matrimonio, ho compreso che la mia strada professionale era legata all’organizzazione di eventi e matrimoni.

Il mondo del wedding mi aveva sempre attirato ma lo avevo messo nel dimenticatoio per motivi familiari.

Quali sono state le tue esperienze lavorative e cosa hai imparato da esse?

La mia prima esperienza lavorativa è stata in qualità di tecnico di neurofisiopatologia.

Ho lavorato nella realtà pediatrica per 9 anni.

Dai bambini ho imparato che la malattia non è il malato e che in qualsiasi settore professionale si ha a che fare con persone ed è necessario rapportarsi con ognuna di esse mantenendo il miglior sorriso, affinché colgano in te la massima disponibilità, primo fattore fondamentale per instaurare fiducia.

Sempre da loro ho imparato che, malgrado la vita ogni giorno possa metterci di fronte problematiche complesse e apparentemente insormontabili, la leggerezza e la limpidezza d’animo sono il miglior modo di affrontare le difficoltà.

I bambini non sanno cosa voglia dire la parola fallimento, dunque non se ne preocccupano e proseguono impavidi per la loro strada.

La suddetta esperienza lavorativa mi ha regalato il dono dell’empatia come arma potente contro l’indifferenza che vedo in giro, sempre più prepotente.

Come mai hai deciso di diventare wedding planner?

Ho deciso di diventare wedding planner nel momento in cui, dopo avere organizzato le mie nozze ed essermi sposata, mi sono accorta che avevo commesso tanti di quegli errori da non poter permettere che altri futuri sposi ne commettessero altrettanti.

A tal proposito ho deciso di inserire un piccolo blog sul mio sito: theloveplanner.it, sul quale scrivo degli articoli in cui racconto da sposa pentita di non aver ingaggiato un wedding planner, le noie e i problemi che ho affrontato sia durante l’organizzazione del mio matrimonio che durante il giorno del matrimonio e do consigli su come evitarli.

Che percorso hai seguito per diventare wedding planner?

Il primo passo verso la professione di wedding planner è stato quello di capire quale fosse effettivamente il ruolo di questa figura professionale nell’organizzazione di un matrimonio.

Sembra scontato saperlo perché i format televisivi ci hanno propinato per anni una visione distorta dell’organizzatore, ma un wedding planner difficilmente [mai!] si occupa di allestimenti, fiori, bomboniere o mise en place.

Dopodiché mi sono messa alla ricerca di corsi che fornissero l’approccio più valido alla professione e ne ho frequentati diversi.

Poiché un wedding planner è, innanzitutto, un imprenditore, ho cercato di acquisire delle conoscenze base sull’imprenditoria, su come avviare una startup, su come promuoversi e fare del buon marketing attraverso le giuste strategie.

Infine, ho partecipato a corsi di natura più “pratica“ per acquisire competenze e poterle sfruttare sia con i clienti che con i miei fornitori/collaboratori (Flower Design, Mise en Place, Visual Merchandising, Packaging ecc.) al fine di propormi a ognuno con professionalità, competenza e usando le terminologie adatte.

Quali sono le principali competenze che deve avere un wedding planner?

Un wedding planner deve avere ben chiare le proprie capacità e competenze.

Si deve aggiornare continuamente e deve fissare, sempre, degli obiettivi precisi da raggiungere.

Inoltre, ha bisogno di possedere abilità di natura manageriale, in quanto dovrà gestire un team di persone, tra collaboratori/dipendenti e fornitori.

Altro tassello fondamentale sono le competenze di natura imprenditoriale, poiché un wedding planner è di fatto un imprenditore che a fine anno deve far quadrare i conti.

Infine, deve avvicinarsi quanto più possibile alle competenze dei professionisti con i quali collabora affinché possa comprendere e relazionarsi con ognuno di essi in base alla loro professione.

Inoltre, deve avere charme perché è necessario che sia una persona empatica, che trasmetta sicurezza, tranquillità ma pur sempre con l’autorevolezza che impone il suo ruolo.

Quest’ultima caratteristica è fondamentale sia con i clienti che con i collaboratori/fornitori.

Come si svolge una giornata tipo di una wedding planner?

Non esiste un programma di lavoro standard.

Ogni wedding planner ha un metodo proprio sia nei giorni che precedono l’evento, sia in tutto il periodo dei preparativi.

Per quel che mi riguarda:

  • curo la pianificazione in maniera dettagliata;

  • instauro un rapporto di fiducia con i fornitori e con i clienti;

  • sto attenta che la gestione sia eseguita maniacalmente, inconvenienti a parte;

  • qualche giorno prima dell’evento, o il giorno prima direttamente, sostengo un breefing con fornitori e staff per ricordare e sottolineare tutti i dettagli. Si riguarda insieme la scaletta affinché tutti lavorino in sincronia. A questo punto si è pronti ad andare in scena.

Come sono le giornate di una wedding planner nei giorni che precedono il matirmonio?

Le giornate che precedono l’evento sono sempre cariche di aspettative ed emozioni.

Quando s’incontra la coppia, generalmente, la sposa è agitata ed è questo il momento in cui la fiducia instaurata svolge un ruolo fondamentale: usando il proprio charme e gli strumenti giusti si riesce a tranquillizzarla.

Si portano a termine le ultime prove, si definiscono e si sistemano i dettagli finali, e si è pronti.

Come si svolge la giornata di una wedding planner il giorno della celebrazione del matrimonio dei suoi clienti?

Il giorno del matrimonio per il wedding planner è scandito da timing, programmi precisi e orari da seguire in maniera assai poco flessibile.

Io amo definirlo il giorno degli incastri.

Dal momento che il wedding planner è il regista dell’evento, se ogni comparsa avrà fatto correttamente la propria parte, l’opera finale non potrà che essere perfetta.

Qual è la più grande soddisfazione che ti ha dato questa professione fino ad oggi?

La più grande soddisfazione è l’abbraccio degli sposi a fine evento.

Di solito mi sussurrano: “Senza di te non sarebbe stato così…un sogno!“.

Realizzare un sogno nel giorno più bello della vita di una coppia è una delle cose più soddisfacenti che si possano fare.

Non è così scontato vivere un sogno il giorno delle proprie nozze. Per me non fu così.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Per quel che riguarda i miei progetti ne ho uno in fase di studio, molto vicino alla realizzazione, che riguarda le unioni civili.

Se, invece, parliamo di obiettivi futuri, mi piacerebbe occuparmi, un giorno, di destination wedding con l’India.

Adoro la simbologia che fa parte delle tradizioni indiane, i colori accesi degli abiti che indossano per le nozze e i profumi della loro terra.

Ho cominciato ad allacciare i primi contatti per creare delle fondamenta.

Vediamo cosa mi riserverà il futuro.

Di sicuro, io mi sto impegnando affinché sia il più prospero e roseo possibile!

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Marcello Ricci: Professione Burattinaio

Oggi, mio caro lettore, ti presento Marcello Ricci, commerciante ambulante con la passione per i burattini, che sta cercando di trasformare nella sua attività principale.

Buona lettura!

* * *

Quanti anni hai e dove abiti?

Ho 46 anni vivo a Milano ma sono nato in provincia di Bergamo.

Qual è stato il tuo percorso scolastico?

Ho un diploma in ragioneria e con grande rammarico non ho mai finito la facoltà di Pedagogia.

Qual è la tua attività lavorativa principale?

Gestisco un’attività ambulante insieme a due dei miei tre fratelli ma il mio apporto è pressoché un part time agevolato.

Come nasce la tua passione per i burattini?

In realtà il primo spettacolo lo vidi al mio paese nella bassa bergamasca in una sera di primavera verso la fine degli anni ‘70 e ne rimasi colpito, provai un senso di piacevole malinconia.

Un burattinaio girovago montava il teatrino all’interno di un piccolo tendone di un circo. Era un mondo e un modo di fruire gli spettacoli che stava scomparendo.

La televisione era un baluardo in tutti salotti d’Italia e io ero molto affascinato dai cartoni animati giapponesi, il mio preferito era Goldrake.

Ma dovetti aspettare venticinque anni per intuire che quella poteva essere la mia strada.

Hai frequentato qualche scuola teatrale per acquisire le tue competenze?

Per quanto riguarda i burattini in Italia, uno dei paesi al mondo con maggiore tradizione, non abbiamo ancora una scuola o addirittura un’università dove imparare il mestiere che una volta veniva tramandato di padre in figlio e ognuno si arrangia formandosi come può.

Per me sono stati fondamentali alcuni incontri che il comune di Silvano d’Orba, in provincia di Alessandria, promosse per anni invitando operatori del teatro di figura a presentare il proprio lavoro e donando il loro know how culturale e artistico a giovani aspiranti burattinai, educatori, animatori insegnanti.

Tonino Murru della compagnia Is Maschereddas di Cagliari durante un seminario di una settimana sulle colline di Cesena è il burattinaio che mi ha insegnato l’ABC dell’animazione dei burattini.

Continui a formarti?

Sono un prode sostenitore della formazione continua ma ora più che seguire corsi preferisco tentare di mettere in pratica le molte nozioni apprese.

Il mio percorso è stato ed è tuttora variegato.

Mi sono formato coma attore, mimo, clown, giocoliere, mago per bambini attraverso scuole, corsi, workshop più o meno lunghi, ma elencarli tutti sarebbe tedioso e questo insieme al mio lavoro di ambulante mi succhia energie.

Comunque, andare a vedere spettacoli, film, mostre, respirare bellezza, in genere è un modo per alimentare l’anima nutrire la creatività ed è da considerarsi formazione.

Come e quando hai iniziato a fare il burattinaio?

Da piccolo avrei voluto fare il liceo artistico ma per comodità scelsi un’altra strada.

Per anni ho lavorato solo come venditore ambulante continuando a dare sporadici esami in facoltà.

Alla morte di mio padre attore dialettale di talento decisi di iscrivermi, a Milano, a una scuola biennale di avviamento alla recitazione.

Finii, quasi senza accorgermi, col diventare membro di una nuova compagnia di teatro semiprofessionistica.

Una sera prima di una replica dell’Amleto ebbi il terrore di entrare in scena.

Era il segnale che non ero fatto per quel tipo di teatro di prosa per me troppo impegnativo e emotivamente dispendioso ma la voglia di fare, di creare e di non buttare gli anni dedicati da allievo al teatro con uno slancio resiliente mi condussero all’ormai defunta Civica Scuola d’Animazione Psicopedagogica di Milano.

Lì incontrai Damiano Giambelli, un burattinaio musicista, storico collaboratore della compagnia americana Bred and Puppet da cui appresi le tecniche per costruire pupazzi e burattini.

Successivamente, con due amici della scuola, Alessandro Guglielmi e Mario Smedile, fondammo una compagnia I ladri di cartapesta.

Mettemmo in piedi un paio di animazioni e uno spettacolo, ma il nostro sogno si frantumò quasi subito ed ognuno prese la propria strada.

Che cos’è che ti piace di più della tua attività di burattinaio?

Mi piace la dimensione artigianale in cui un artista deve sapere fare un po’ di tutto e non è sicuramente il mio caso visto che non ho una grande manualità e mi faccio spesso aiutare.

Ma molti burattinai sono scultori, sarti, elettricisti, falegnami, attori, promotori dei loro spettacoli.

Mi piace la ritualità del montare il teatrino.

Mi piace raggiungere piccoli borghi sperduti dove il nostro arrivo è ancora un evento condiviso dalla comunità e pieno di aspettative.

Mi piace, nelle sere d’estate, vedere i bambini che timidamente si avvicinano incuriositi o si siedono, in attesa, molte ore prima dello spettacolo in metafisiche piazze che sarebbero piaciute a De Chirico e mi piace sapere che il mio e il nostro è un mestiere antico e prima di noi molti colleghi nei secoli hanno battuto le stesse strade con mezzi diversi: a piedi a dorso di un mulo o con un vecchio furgone scassato.

Lavori da solo o collabori con altri artisti?

Lavoro, prevalentemente, da solo ma è più divertente e produttivo farlo insieme ad altri.

Un paio di spettacoli di burattini li ho scritti e animati con mio cugino Daniele Cenzon che è un artista poliedrico.

Un altro con Paolo Sette valente burattinaio e marionettista della compagnia Eugenio Monti Colla.

Fai solo spettacoli con i burattini o anche spettacoli di altri tipi?

Faccio anche:

  • spettacoli di clown e mimo;

  • narrazioni per grandi e bambini;

  • animazioni e intrattenimento magico.

Le sceneggiature delle storie che porti sul palcoscenico sono di tua produzione?

Per quanto riguarda i burattini il mio repertorio attuale è limitato a 3 spettacoli.

La sceneggiatura la scrivo o da solo o con amici, ma prediligo scrivere storie semplici dato che mi rivolgo quasi esclusivamente ad un pubblico di bambini.

Comunque, uno spettacolo è nato da un lavoro d’improvvisazione in strada, un altro riscrivendo la fiaba di Cappuccetto Rosso e l’ultimo è un omaggio ad antichi canovacci di burattini tradizionali.

Crei tu i tuoi burattini?

Alcuni, soprattutto, i primi li ho costruiti io.

Per altri mi avvalgo di strepitose collaborazioni: mio zio Giuseppe Cenzon, pittore astrattista, ha costruito per i miei spettacoli pupazzi giganti, semplici marionette e burattini in cartapesta; lo stesso dicasi per il già citato Paolo Sette anche se i suoi burattini sono scolpiti dal legno di cirmolo.

Come hai fatto a trovare i primi clienti?

I primi contatti li ho avuti montando il teatrino in fiere e mercatini.

Successivamente, il passaparola mi ha portato un po’ ovunque: scuole, festival, rassegne di teatro di strada, teatri, oratori, strade, piazze, sagre, feste patronali, biblioteche, spiagge, ospizi, eventi aziendali, feste di compleanno, matrimoni, librerie.

Quali strategie adotti per trovare nuovi ingaggi?

Negli ultimi tempi collaboro con delle agenzie di animazione che fanno il lavoro promozionale e distributivo.

Come sfrutti Internet e i social network per promuovere la tua attività?

Male e poco mi limito a postare su Facebook foto di spettacoli e animazioni, ma sto lavorando a un nuovo sito internet con molti contenuti video e fotografici.

Quali sono i tuoi progetti futuri?

Sicuramente terminare degli spettacoli che ho scritto ma non ho mai messo in scena, uno su tutti uno spettacolo di burattini per adulti.

Anche se il sogno più grande è vivere su un camper e girare l’Italia e l’Europa facendo spettacoli in strada e vivendo di quello.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Daniele Cenzon: Metascultore

Oggi, mio caro lettore, attraverso questa mia intervista ti presento Daniele Cenzon, talentuoso artista arilicense.

Buona lettura!

* * *

Quanti anni hai e dove vivi?

Ho 45 anni, vivo a Peschiera del Garda, e sono uno scorpione.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Il mio percorso di studi sembra una gara di motocross.

Dopo la formazione superiore al liceo scientifico, ho frequentato per tre anni la facoltà di Medicina tra Parma e Padova ma al primo approccio con la pratica in laboratorio, chiara in me è stata la sensazione che non era la strada da percorrere.

Ho frequentato per tre anni e concluso un corso di Interior Design ai piedi del Duomo di Milano e, successivamente, mi sono iscritto all’Università IUAV, portando a termine il percorso universitario.

A Venezia, ho conseguito la laurea in PTUA, Pianificazione Territoriale Urbana e Ambientale, superando anche l’esame di stato.

Come nasce la tua passione per l’arte?

L’idea che, come un solco ha segnato la mia forma mentis, è stata instillata in me, in maniera, inconscia all’età di 4 anni quando, senza saper ancora scrivere, sbirciavo mio padre con la testa leggermente piegata dipingere in cantina sotto il peso di un soffitto ingombrante.

Per me fu un’immensa scoperta, una rivoluzione e, capii in quell’istante che mio padre possedeva il dono del gesto creativo.

Era nata in me la consapevolezza dell’esistenza dell’essere semidio.

Così me lo raffiguravo e così sarei voluto diventare.

Ricordo ancora l’attimo preciso, di fronte a una tavolozza di compensato sopra la quale avevo dipinto un’automobile.

Comunicavo con me stesso: “Tu avrai il dono di trasformare i tubetti di colore in quadri”.

Naturalmente la consapevolezza che quella si potesse definire arte mi raggiunse molto più tardi.

Che cos’è per te l’arte?

L’arte è indefinibile. Ha i contorni sfocati di un giorno afoso quando tutto intorno è lento.

Perché l’arte è già stata tutto e il contrario di tutto.

A casa, salvate nel mio computer ho ripreso delle linee dritte: per strada, in musei, metropolitane e le ho intitolate “La retta via 1,2,3…”, anche questa è arte.

Saper dare nuovi significati è, dunque, arricchire di valore pedagogico un oggetto, elevando il suo status e portandolo a concorrere al miglioramento dell’intorno.

Arte è squarciarsi il petto e mostrare il proprio Io.

Walt Whitman in “Foglie d’erba” scrisse: “Chi tocca questo libro tocca la mia anima”.

In questo momento la mia bimba di un anno ha in mano un microfono e scimmiotta i cantanti.

Lei non lo sa, ma ha messo in moto una geografia di luoghi/suoni e relazioni irripetibile.

Questa è arte.

L’arte è quello che non sussurreresti nemmeno al tuo analista.

L’arte concepisce l’errore come forza vitale è generatrice.

Da dove trai ispirazione?

Per la maggior parte di noi l’acquisizione di dati e informazioni ha un primo impatto visivo.

È preponderante in me questo aspetto.

Dunque, ora dico un’ovvietà, tutto nasce dall’osservazione dell’intorno.

L’ispirazione è tutto il mio vissuto, comunque non strettamente visivo.

Che tipo di materiali utilizzi per creare le tue opere e perché hai scelto proprio questi?

Ho eseguito, in passato, delle opere pittoriche ma ora sono arrivato a una manifestazione del mio essere attraverso delle opere in terza dimensione pensate oltre 10 anni fa.

Uso un estruso di polietilene che, comunemente, viene utilizzato come materiale isolante.

Lo lavoro con strumenti suggeriti a seconda della necessità della rappresentazione e del risultato finale.

Come nasce una tua opera?

Come dicevo, una volta lavorato il fondo incollo dei soggetti, perlopiù giocattoli, che nella loro interazione creano delle situazioni, delle sinergie.

Mi piace molto l’idea di ridare il valore dell’unicità a un prodotto seriale pensato per le masse.

In questo modo mi ricollego al primordiale embrione che l’ha generato e così è un po’ come chiudere il cerchio della vita.

Le mie opere le definisco: “Minimondi”.

Ti definiresti uno scultore?

Non nel termine classico, preferisco usare il termine metascultore.

L’indefinito ha una sensualità amplificata perché lascia larghi margini all’immaginazione.

Hai un gallerista di riferimento?

Più che un gallerista è un guru: “l’estremista” per la profonda consapevolezza del sé Moreno Danzi che mi ha fatto esporre con grande successo nella sua galleria a San Giorgio Ingannapoltron (VR): la [G] Love Bank.

Come siete entrati in contatto?

Ci siamo conosciuti al mercato di Verona.

Era un sabato, appena mi è stato presentato ho intuito che in lui c’era qualcosa di grandioso.

Una grandezza misurabile e palpabile solo interfacciandosi con lui.

Hai già partecipato a delle mostre?

A diverse mostre collettive, sempre organizzate da Moreno Danzi.

Tre edizioni di “Bosco divino” e una di “In riva all’arte”, dove ho sempre presentato delle opere visive.

Quali risultati hai ottenuto fino ad ora?

Volevo arrivare, prima dei 50 anni, a fare una personale e così è stato.

Tutto quello che viene adesso è come la sorpresa dentro l’ovetto Kinder.

Come sfrutti Internet e i social network per promuoverti?

Mi sento un pachiderma, attento più a non distruggere i cristalli che ho attorno che a promuovere le mie opere.

Ma certo è d’obbligo il confronto con i social.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?

Potermi confrontare ancora con il pubblico è una scarica d’adrenalina che cerco.

L’esperienza che ho avuto, mi ha collegato a pensieri liberi e sciolti di bambini e altri più consolidati di persone adulte abituate a pensare.

Naturalmente le impressioni dei primi sono state, alternativamente, fiori sul podio o coltellate nel cuore.

Meglio uno schiaffo da un saggio che un bacio da uno stolto.

Nel mio mondo i bambini hanno una saggezza intrinseca senza costrutti mentali, dove il contraddittorio è parte fondamentale per una crescita continua.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico