Streak – Il CRM per Gmail

Oggi, mio caro lettore, ti parlerò di Streak, il CRM per Gmail.

Se, per caso, utilizzi per lavoro il servizio di posta elettronica di Google questo è lo strumento ideale per gestire il flusso di email che scambi con clienti, colleghi, collaboratori, partner e fornitori.

Questa estensione di Chrome è il classico servizio freemium.

Infatti, a un piano base gratuito denominato “Personal”, si affiancano due piani a pagamento: “Professional” ed “Enterprise”.

Il bello di Streak è che permette di ricostruire tutto lo scambio di messaggi intercorso tra te e il tuo interlocutore senza dover perdere tempo nell’andare a ricercare ciò che t’interessa in un mare magnum di email.

Inoltre, grazie al suo sistema di tracciamento potrai vedere se e quando una mail da te inviata è stata aperta e anche con quale dispositivo è stata letta.

Il sistema di tracciamento

Nelle versioni a pagamento vi è, tra le altre cose, la possibilità di calendarizzare meeting e task salvandoli direttamente su Google Calendar, tenere traccia delle telefonate e delle note prese durante gli incontri di lavoro avvenuti di persona col contatto, stabilire delle deadline o affidare compiti a colleghi e collaboratori.

In questo modo si può facilmente avere il pieno controllo delle comunicazioni che avvengono tra tutte le parti in gioco, consultare le note relative a ogni singolo meeting, sapere chi deve occuparsi di un determinato task e per quando tale compito dovrà essere portato a termine al fine di completare il progetto che si sta seguendo.

Inoltre, una volta finito il tutto si avrà uno storico del lavoro svolto.

Ciò detto, una delle funzioni, a mio avviso, più interessanti tra quelle messe a disposizione e che è presente anche nella versione gratuita, è quella che permette l’invio di una mail a un gruppo di contatti avendo la possibilità di personalizzare alcuni campi del testo del messaggio come, ad esempio, quelli di nome e cognome.

Mass Mail/Mail Merge

Mass Mail/Mail Merge

Un ulteriore vantaggio di questa soluzione consiste nel fatto di poter gestire la relazione coi propri contatti da un unico luogo, cioè senza dover ogni volta passare da un CRM esterno a Gmail, il che comporta un grosso risparmio di tempo e una bella comodità.

A questo si deve aggiungere una comoda app per Android e IOS che consente di avere sempre a portata di mano questo CRM.

COME FUNZIONA STREAK

Una volta che si è caricata su Chrome l’estensione di Streak bisognerà entrare dentro al proprio account di Gmail e attivarla.

Fatto ciò, si dovrà creare la propria pipeline (gasdotto/conduttura, n.d.r.), cioè il percorso lungo il quale dovrà procedere la “Box” (una scatola virtuale dove sono contenuti lo scambio di messaggi, i task e le annotazioni relative a ogni singolo contatto, n.d.r.).

Nel farlo potrai avvalerti dei modelli già predisposti oppure utilizzare l’opzione “Blank” che ti permette di customizzare la pipeline per renderla più adeguata alle tue esigenze.

Pipeline

Un esempio di pipeline

Subito dopo che avrai effettuato la tua scelta ti verrà chiesto se vuoi tenerla privata o condividerla con i membri del tuo gruppo di lavoro.

Dopo aver effettuato quest’ultimo passaggio il CRM è pienamente operativo.

A questo punto, ti consiglio di studiare bene a tavolino la procedura che vuoi monitorare con Streak per capire da quanti step è composta.

Ciò faciliterà la denominazione delle varie fasi che la compongono.

Una volta che avrai concluso la fase di denominazione di ogni singolo passaggio da cui è composto il tuo processo interno ti basterà cliccare sull’icona di Streak che appare accanto a ogni email dentro alla tua Inbox, dare un nome al nuovo “Box” e, successivamente, scegliere la pipeline in cui inserirlo.

Dopo che il “Box” è stato inserito nel percorso da te selezionato ti basterà spuntare la casella di check accanto alla sua etichetta per spostarlo nella fase della procedura in cui si trova, in quel momento, il contatto con cui ti stai relazionando.

Tutto è molto facile e intuitivo ma, comunque, il sito web dell’azienda ha un blog ricco di suggerimenti su come sfruttare al meglio questo CRM.

CONCLUSIONI

Streak, il CRM per Gmail, è uno strumento che devi assolutamente utilizzare se usi per lavoro il servizio di posta elettronica di Google.

Infatti, ti permette di:

  • tenere sotto controllo il flusso di comunicazioni con clienti, collaboratori, partner e fornitori;
  • tracciare le mail e vedere se sono state aperte;
  • inviare una mail a un gruppo di contatti personalizzando alcuni campi all’interno del corpo del messaggio che verrà inviato come, ad esempio, quelli di nome e cognome.

Già nella versione gratuita di base, questo prodotto freemium, grazie alle diverse funzioni che ti mette a disposizione, ti consente di gestire in modo ordinato ed efficiente lo scambio di comunicazioni che normalmente avvengono tra te e tutte le parti coinvolte nella realizzazione di un progetto.

Tutto ciò si traduce in un grosso risparmio di tempo e in una grande comodità.

In più grazie all’immancabile app potrai avere sempre con te questo utile strumento.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Annunci

[Lettura Consigliata]: Zero Concorrenti

Oggi, mio caro lettore, ti parlerò di un libro che ogni imprenditore e libero professionista dovrebbe studiare.

Il testo di cui parlo è Zero Concorrenti di Marco De Veglia, il più grande esperto italiano di brand positioning, l’uomo che ha contribuito, con le sue competenze, a portare al successo diversi imprenditori.

Un nome fra tutti: Alfio Bardolla.

Sua, ad esempio, l’idea del maglione arancione che ha reso estremamente riconoscibile quest’ultimo.

Buona lettura!

* * *

ZERO CONCORRENTI

Questo libro è suddiviso in sei capitoli ed è un manuale pratico rivolto alla media, piccola e micro impresa italiana.

Infatti, il suo autore dopo aver appreso il brand positioning direttamente da coloro che hanno gettato le fondamenta di questa disciplina, Al Ries e Jack Trout (in fondo al testo trovi un’intervista fatta a quest’ultimo da Marco De Veglia in vista della pubblicazione di Zero Concorrenti, n.d.r.) e averlo applicato in vari contesti per oltre venticinque anni, negli ultimi quattro si è dedicato, esclusivamente, ai piccoli imprenditori italiani.

Questo vuol dire che quello che apprenderai studiando questo libro è calibrato per il nostro contesto socio-economico dove il 95% delle imprese sono medie, piccole o micro.

Anche gli interessanti casi di studio analizzati nell’ultimo capitolo sono tutti tratti dal nostro attuale contesto e ti permetteranno di capire i giusti passi per applicare il brand positioning alla tua attività.

Ma andiamo con ordine.

Come dicevo poc’anzi il libro è suddiviso in sei capitoli.

I primi quattro sono dedicati a spiegare che cos’è il brand positioning.

Il primo capitolo ti dà le basi del brand positioning e spiega perché è così importante per il business.

Il secondo è dedicato al rapporto tra il brand positioning e il marketing.

Il terzo mette a confronto il brand positioning e il personal branding.

Il quarto mostra come un uso corretto di questo strumento permette alla piccola media impresa italiana di azzerare la concorrenza e di assumere la leadership di mercato.

Il quinto insegna come applicare al proprio contesto la “Brand Positioning Formula”. È un capitolo molto pratico che spiega in modo semplice la sequenza di azioni che si devono mettere in opera per realizzare il proprio brand positioning.

Il sesto, come ho già detto, è dedicato ai casi di studio.

Qui ti consiglio di soffermare la tua attenzione sulle “case history” di: SilenzioCasa, Atum, Fidagel e Camperis.

A questo punto, mio caro lettore, ti chiederai: “Ma che cos’è il brand positioning e perché è così importante che io lo applichi al mio business?”

Il brand positioning è la strategia che porta alla creazione di quel messaggio che differenzia il proprio prodotto da quello dei concorrenti posizionandolo nella mente del potenziale cliente come la prima scelta per una determinata categoria di prodotto.

La nostra mente è limitata, odia la confusione e non vuole cambiare idea.

Ecco, perché è indispensabile applicare le strategie che si trovano in questo libro alla propria attività se si vuole far emergere il proprio brand dal mare magnum delle informazioni pubblicitarie che la bombardano ogni giorno cercando di catturare la sua attenzione.

La formula ideata da Marco De Veglia si basa su quattro step.

  1. Analisi del contesto competitivo

  2. Idea differenziante

  3. Validazione dell’idea differenziante

  4. Creazione del brand positioning statement

L’autore non solo insegna come realizzare quanto sopra, ma fa vedere come ha applicato su un suo cliente la sua “Brand Positioning Formula”.

Questo passaggio è molto utile per fissare nella mente del lettore le varie azioni che dovrà compiere.

CONCLUSIONI

Zero Concorrenti di Marco De Veglia è un testo che non può mancare nella libreria di un imprenditore, un consulente o un libero professionista.

Il marketing è una guerra per conquistare le menti dei consumatori che basa il suo successo non sulla realtà dei fatti, ma sulle percezioni dei consumatori.

Emblematica, a questo riguardo, la vicenda delle due birre brasiliane Antarctica e Brahma riportata a pag. 95 del libro che dimostra come un’ottimo brand positioning statement basato sull’idea differenziante de “il numero uno” possa ribaltare una data situazione.

Nel volume l’autore, oltre a identificare i tre tipi di idee differenzianti alla base di un brand positioning vincente, spiega quali idee non sono per nulla differenzianti come, ad esempio, l’idea del prezzo basso (una iattura che molto spesso è l’anticamera del fallimento poiché erode i margini delle aziende, n.d.r.) oppure quella della qualità del prodotto.

Infatti, in quest’ultimo caso se non sei un profondo conoscitore del prodotto che vai ad acquistare, come fai a determinarne la qualità?

Ciò detto, se dopo aver letto questa mia breve recensione, mio caro lettore, non sei ancora convinto riguardo all’importanza di acquistare e studiare questo libro, ti lascio meditare su quest’ultima affermazione: in Italia poche imprese conoscono e applicano correttamente il brand positioning, quindi se tu farai tue queste conoscenze e le applicherai correttamente, sbaraglierai facilmente tutti i tuoi concorrenti.

Da ultimo, voglio ricordarti che a supporto del libro vi è un sito dedicato e un gruppo su Facebook dove imprenditori, consulenti e liberi professionisti s’incontrano ogni giorno per discutere dell’argomento e approfondire la materia sotto la vigile e partecipe direzione di Marco De Veglia.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

[Lettura Consigliata]: Il Libretto Giallo del Sì!

Oggi, mio caro lettore, ti parlerò di un altro dei libri che fanno parte della mia “speciale” libreria personale, cioè quella composta dai testi che rileggo ogni anno per motivarmi nella mia scalata al successo.

Si tratta de Il Libretto Giallo del Sì! di Jeffrey Gitomer, venditore, scrittore di successo, creativo, coach, consulente e trainer internazionale.

L’autore è un esperto di comunicazione persuasiva che ha scritto più di 15 volumi dedicati alla gestione delle vendite e ha avuto clienti del calibro di: BMW, Coca Cola, A. C. Nielsen, Financial Time e Hyatt Hotels.

Oggetto del testo è l’atteggiamento mentale, cioè il dialogo interiore che ognuno di noi ha quotidianamente con se stesso, che deve essere adottato da chi vuole avere successo e realizzarsi nella vita.

Gitomer definisce questo tipo di atteggiamento: l’atteggiamento Sì!

L’ATTEGGIAMENTO MENTALE

Inutile farsi illusioni! Se si vuole vincere nella vita, bisogna assumere un atteggiamento mentale ultrapossibilista.

Tutto il resto sono chiacchiere da bar.

Se ti piangi addosso, non otterrai mai niente.

O meglio, forse, otterrai la compassione e la comprensione delle persone che ti stanno vicino.

Ma con queste non andrai mai molto lontano.

Ci sono persone che amano crogiolarsi nel piagnisteo e nel “Non è colpa mia…”, perché così si deresponsabilizzano.

Hanno sempre “Saturno contro”, dicono.

E grazie a ciò possono rimanere nella loro “Comfort Zone”.

Ecco, se rientri in questa categoria, ma vuoi riuscire a sottrarti al tuo personale “Triangolo delle Bermuda della sfiga” questo libro fa per te.

Poiché ti aiuterà a riprogrammare il tuo modo di pensare.

Ovviamente, come dice lo stesso autore questa trasformazione richiederà del tempo.

Quanto?

Beh, questo dipenderà da te.

Più ti impegnerai e prima otterrai l’atteggiamento Sì!

Questo è il premio che si raggiunge alla fine del percorso indicato da Gitomer. Un atteggiamento ultrapossibilista che ti fa scorgere le opportunità anche nei momenti più bui della vita.

E l’autore, come dice nel libro, ne ha avuti diversi.

Ricordati sempre che l’atteggiamento positivo è alla base di ogni impresa di successo sia sul lavoro che nel privato.

Esso viene da dentro e non dipende da ciò che ti capita intorno.

Di conseguenza, nella vita l’atteggiamento giusto è tutto.

Gitomer nel libro delinea un metodo che dovrà essere applicato ogni giorno perché ci vuole molta costanza per invertire la rotta e mutare l’atteggiamento che si è costruito lungo il corso della propria esistenza.

Quindi, non basta leggere o studiare questo libro per ottenere l’atteggiamento Sì!

Ma c’è bisogno di fare delle azioni concrete che col tempo porteranno al risultato sperato.

Questa è una caratteristica insita in tutti i libri che si occupano di sviluppo personale.

Se non agisci, non ottieni.

E ciò vuol dire mettere in atto gli insegnamenti tratti da questi manuali con costanza.

Se a un certo punto del cammino, non vedendo i risultati sperati, smetterai di applicarti allora non raggiungerai il tuo obiettivo.

Come nell’attività sportiva l’allenamento vero inizia nel preciso istante in cui vorresti gettare la spugna, così è anche nel percorso di crescita personale.

LE COSE DA EVITARE

Per conquistare un atteggiamento Sì! ci sono alcune cose da evitare come la peste, ad esempio:

  1. Le persone lamentose.

  2. I notiziari e i giornali. Sono un concentrato di negatività e pessimismo. Ricerca solo le notizie economiche che possono esserti utili nello sviluppo del tuo business.

  3. I film violenti o con storie tristi.

Queste e altre situazioni negative, infatti, inibiscono la creatività.

Mi spiego meglio.

Sicuramente, ti sarà capitato di litigare con una persona e di non averle dato le risposte che si meritava.

Risposte che ti sono venute in mente solamente una volta finito il litigio.

Questo semplice esempio ti dimostra chiaramente come la negatività blocca la creatività, che riprende ad agire una volta che è ritornata una situazione di calma emotiva.

LA REALIZZAZIONE

L’atteggiamento Sì!, così come l’atteggiamento positivo, è alla base della realizzazione dell’individuo.

Ciò non vuol dire avere successo.

Ci sono moltissime persone di successo, infelici poiché non sono realizzate.

“La realizzazione è uno stato di grande felicità interiore combinata con l’amore per ciò che fai e l’orgoglio della riuscita: lo splendore interiore della fiducia in se stessi che crea un’aura esterna di pace e serenità”, scrive Gitomer.

CONCLUSIONE

Il Libretto Giallo del Sì! è un libro motivazionale di circa 200 pagine di facile lettura. Gitomer ha uno stile scorrevole e ironico che facilita l’acquisizione delle nozioni che vuole trasmettere al lettore.

I suoi insegnamenti sono “terra a terra” ed è per questo che molti non riescono ad applicarli.

Io ci sono riuscito e ne ho ottenuto un indubbio beneficio.

Spero che ci riuscirai anche tu.

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

[Lettura Consigliata]: Il Venditore Meraviglioso

Oggi, mio caro lettore, ti parlerò di un altro dei libri che, nella mia biblioteca personale, fa parte di quella Top 10 che rileggo ogni anno per trarre insegnamenti e motivazioni al fine di battere i risultati ottenuti l’anno precedente.

Il libro in questione è: Il Venditore Meraviglioso di Frank Bettger.

In Italia questo testo è stato pubblicato per la prima volta da Longanesi nel lontano 1954.

Ma il suo contenuto è valido ancora oggi nell’era di Internet, delle imprese digitali e del Liquid Business.

A PROPOSITO DELL’AUTORE

Frank Bettger (1888-1981) nacque a Filadelfia e dopo una breve carriera come giocatore di baseball divenne un venditore di polizze assicurative.

Dopo un inizio difficile riuscì a standardizzare un metodo di vendita che lo condusse in breve tempo alla ricchezza.

Infine, grazie all’incontro con il grande Dale Carnegie scrisse il suo primo libro in cui spiegava come era riuscito a passare da venditore che a stento riusciva a mantenersi a venditore di successo.

Il Venditore Meraviglioso nel corso degli anni ha venduto milioni di copie proiettando il suo autore nell’empireo degli scrittori dei manuali di auto-aiuto e facendone uno dei punti di riferimento per tutti i venditori del mondo.

IL LIBRO

Questo manuale è di facile lettura e ricco di preziosi consigli che applicati con costanza possono trasformare il peggior venditore del mondo in un uomo ricco e soddisfatto di sé.

Io stesso sto applicando gli insegnamenti di Frank Bettger e sto ottenendo degli ottimi risultati.

Composto da 35 capitoli il libro inizia indicando la caratteristica che ogni venditore di successo deve possedere: l’entusiasmo.

Infatti, senza di esso nessuna impresa nella vita risulterà vincente.

Nei capitoli successivi si affronta in profondità il metodo di vendita seguito dall’autore. Si parte con l’organizzazione dell’agenda settimanale passando per il modo giusto di presentarsi da un cliente per arrivare alla tecnica migliore con cui affrontare le sue obiezioni.

Tale tecnica si basa su una semplice parola magica: “Perché?”.

Infatti, questo avverbio interrogativo se utilizzato abilmente costringe colui che pone delle obiezioni a rispondersi da solo mettendo in luce la loro fragilità o la loro inconsistenza.

Nei casi più difficili, però, bisognerà utilizzare anche la seguente domanda: “Oltre a ciò, qual è il vero motivo?”.

Come è scritto nel libro, a volte, dietro a un’obiezione apparentemente sensata si nasconde il vero motivo del rifiuto e una volta che lo si è scoperto sarà più facile trovare una proposta che possa allettare il nostro interlocutore.

Tanti sono i piccoli trucchi del mestiere che apprenderai leggendo questo testo.

Alcune volte, però, vi troverai anche la conferma di qualche strategia che già utilizzi con successo.

Come ho detto in precedenza le tecniche qui illustrate si possono applicare pure a un business online in quanto le fasi della vendita sono le medesime:

  1. Attenzione: sia in Internet che nel mondo reale se vuoi concludere un affare devi catturare l’attenzione del tuo interlocutore;

  2. Interesse: dopodiché devi sempre suscitare l’interesse del tuo potenziale cliente per la tua offerta;

  3. Desiderio: successivamente, devi innescare nel potenziale cliente il desiderio per il tuo prodotto o servizio;

  4. Conclusione: a questo punto, se hai fatto tutto bene, concludere la vendita sarà un gioco da ragazzi.

CONCLUSIONI

Il Venditore Meraviglioso di Frank Bettger è un’ottima lettura, nonostante siano passati molti anni dalla sua prima edizione, poiché spiega passo dopo passo quello che un venditore deve fare per avere successo nella sua attività.

Ti consiglio vivamente di studiare con attenzione ogni capitolo di questo libro perché in ognuno di essi trovi degli utili insegnamenti facilmente applicabili da tutti.

Infine, sofferma la tua attenzione sul capitolo trentaquattro dove l’autore svela come l’input del cambiamento avvenuto nella sua vita sia avvenuto grazie alla lettura dell’autobiografia di Benjamin Franklin da cui apprese una strategia in 13 punti che lui adattò al suo percorso professionale ricavandone grandi benefici.

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

[Lettura Consigliata]: Mira alla Luna

Oggi, mio caro lettore, ti parlerò di un libro che ho letto di recente:

MIRA ALLA LUNA

Se sbagli, atterrerai tra le stelle

Questo testo scritto da Giovanni Zanier, imprenditore di successo nel settore dell’Elettronica Industriale, è indirizzato ai terzisti di questa industria.

A questo punto, ti chiederai, visto che non faccio parte della categoria suddetta, perché ho letto questo libro e perché lo consiglio a tutti coloro che vogliono raggiungere il successo con la propria attività.

Devi sapere che, nel corso degli anni, mi sono creato una vasta libreria personale in cui spicca una Top 10 di libri che ogni anno rileggo per accrescere le mie motivazioni a scalare l’impervia montagna del successo.

Ebbene, questo libro dal titolo così poetico, che mi è stato regalato a Natale, è entrato di diritto nella mia speciale classifica e si è conquistato un posto tra Pensa in grande e manda tutti al diavolo scritto da Donald Trump e Bill Zanker e Il venditore meraviglioso di Frank Bettger, che sono tra le mie letture preferite.

By the way, se non li hai mai letti, ti consiglio di farlo. Ti dirò di più studiali bene e applica quello che impari da queste letture nella tua vita quotidiana.

Se farai ciò con costanza, creando delle vere e proprie abitudini, nel giro di qualche mese vedrai la tua vita cambiare in meglio.

Tornando a Mira alla Luna sappi che vi sono due possibili chiavi di lettura a cui si deve fare attenzione.

La prima chiave è quella di più facile comprensione poiché si basa sull’analisi letterale del testo.

Si parte dalla storia della vita dell’autore la cui giovinezza non è stata per niente facile ma che ne ha forgiato la determinazione, caratteristica essenziale se si vuole avere successo nel mondo degli affari e del lavoro, fino ad arrivare all’introduzione di un metodo di lavoro che, se seguito passo dopo passo, porterà il terzista del settore dell’Elettronica Industriale a liberarsi dalle catene che gli sono imposte dai suoi clienti.

Nel mezzo Giovanni ci spiega cosa sta accadendo nel mondo e perché quella che la propaganda, diffusa dai giornali e dalle televisioni attraverso i telegiornali e i talk show, chiama La Grande Crisi in realtà è una rivoluzione che modifica alle radici il modo di produrre e vendere beni e servizi: La Terza Rivoluzione Industriale.

Questo vuol dire che chi non si adeguerà al cambiamento farà la fame oppure sopravviverà dando fondo alle ricchezze che ha accumulato nel tempo.

Coloro che, invece, abbandoneranno le posizioni conservatrici e la loro comfort zone avranno la possibilità di accumulare ricchezze e fare delle carriere lavorative fantastiche.

Ah! Come dice sempre Giovanni quando lo intervistano in TV in qualità di opinionista: “Non pensare che la politica verrà in tuo soccorso, perché è troppo impegnata a salvare se stessa”.

Ergo, non attenderti che appaia un Deus ex machina all’orizzonte che ti porterà il lavoro dei tuoi sogni o farà ripartire il fatturato della tua attività come per magia.

Toglitelo dalla testa questo Happy End. Piuttosto rimboccati le maniche, studia tanto in modo da acquisire le competenze richieste, attualmente, dal mercato e poi mettile in pratica o in vendita.

Nell’era della formazione permanente solo coloro che si muoveranno in questa direzione avranno successo in Italia e nel mondo. Sappilo.

Tutti gli altri staranno seduti al bar o su una panchina ai giardinetti a lamentarsi dei ladri che stanno al governo del Paese, degli extracomunitari che rubano loro il lavoro, dell’Euro, della cattiva Europa a guida tedesca, della globalizzazione, etc., senza capire che fino a quando non assumeranno su di sé la responsabilità della loro vita non otterranno nulla.

E ti assicuro che i soldi veri, quelli pesanti, in Italia, in modo onesto, li puoi fare.

Soprattutto, oggi, grazie alle informazioni che si possono recuperare, anche gratuitamente, con l’aiuto di Internet.

Certo è, che se utilizzi il tuo smartphone per vedere video divertenti su YouTube, giocare ai videogiochi e altre perdite di tempo di questo genere continuerai a vivere la tua vita di sempre.

Fatti tuoi!

Ma poi non andare in giro a scassare le orecchie delle persone con la tua negatività e le tue lamentele.

Ricordati che non hai il diritto di usare il cervello degli altri come cestino per i rifiuti riempendolo coi tuoi pensieri negativi e il tuo sterile pettegolezzo.

Tornando al libro, la seconda chiave di lettura di Mira alla Luna è basata sull’analisi strutturale del testo.

Infatti, se lo si guarda con attenzione in controluce si vedrà come esso sia stato costruito seguendo le più moderne strategie di marketing.

Se studierai con attenzione ogni passaggio, potrai anche tu sfruttare la stessa struttura per promuovere la tua attività oppure per cercare lavoro.

Ovviamente, dovrai adattare il modello al tuo caso particolare ma una volta realizzato il tutto ti stupirai dei grandi risultati che otterrai.

Prima di salutarti, però, ti devo svelare un segreto.

Giovanni Zanier è mio amico da oltre vent’anni e, quindi, ti posso garantire che la storia della sua vita, raccontata nel libro, è vera poiché ne abbiamo percorso un tratto assieme.

E se lui lavorando onestamente, in Italia, è riuscito a raggiungere i risultati straordinari di cui parla nel testo, ce la potrai fare anche tu.

Fidati!

Basta solo che ti impegni e credi in te stesso. Le capacità ce le hai poiché come tutti sei dotato di un cervello, cioè il computer più potente dell’universo.

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

___________

P.S: Mira alla Luna lo puoi acquistare su Amazon.

Il Marketing Pandemico

Poco più di un anno è passato da quando il Prof. Paolo Orlandi, docente di Marketing Pandemico alla prestigiosa L.A.B.A. di Rimini e io abbiamo pubblicato il nostro primo ebook I Principi di Italian Business Design.

Quel primo frutto delle nostre fatiche ci ha dato delle belle soddisfazioni. Per questo motivo abbiamo deciso di scrivere un nuovo ebook per approfondire il tema del Marketing Pandemico.

Questa volta abbiamo scritto un vero e proprio manuale frutto dei nostri studi e delle nostre esperienze al fianco di imprenditori e liberi professionisti dal titolo: Il Marketing Pandemico.

Lo scopo di questo testo è quello di fornire un agile strumento per aprire il proprio mercato a tutti coloro che hanno un’attività imprenditoriale o vogliono aprirne una.

Oltre alla teoria nell’ebook ci sono degli utili esercizi che abbiamo inserito per favorire lo sviluppo di un nuovo modello di pensiero adatto ai tempi odierni.

Infatti, il più delle volte chi gestisce un’attività, specie se da molti anni, applica degli schemi di pensiero non più attuali giustificandosi con la consueta frase: “Si è sempre fatto così. Non c’è bisogno di cambiare”.

Il problema è che il mondo sta cambiando a una velocità impressionante e quello che oggi è nuovo, domani non lo sarà più.

Quindi il rimanere legati a modelli di business validi nel passato, adesso, non ha più senso poiché equivale a fare dei giganteschi passi indietro.

Essere conservatori in questo periodo storico vuol dire portarsi la Crisi in casa e languire in attesa dell’inevitabile fine.

Ora, mio caro lettore, se segui il mio blog da diverso tempo avrai capito che non credo nella Crisi così come ci viene descritta dalle TV e dai giornali.

Il mio pensiero a riguardo è molto chiaro. Stiamo vivendo un passaggio epocale la Terza Rivoluzione Industriale.

Coloro che non si sono adeguati al cambiamento effettivamente stanno male, vedono il loro reddito diminuire e il loro stile di vita peggiorare.

Sono come i maniscalchi o gli allevatori di cavalli che avendo visto comparire le prime automobili hanno pensato a una moda passeggera per ricchi eccentrici e quindi non si sono premurati di cambiare il loro modello di business decretando così la loro fine.

La realtà di oggi non è diversa. Ci sono attività anche in settori cosiddetti maturi che crescono con percentuali a doppia cifra, alcune persino a tripla cifra.

Tutte le altre sono morte o stanno morendo trascinando a fondo con sé pure i loro collaboratori. Questo è il vero dramma sociale.

Nel libro, a tal proposito, parliamo di Miopia di Marketing.

Una classe dirigente miope sta affondando il Paese poiché si ostina ad arroccarsi su posizioni retrograde.

A tutto questo il Prof. Paolo Orlandi e io con questo eBook abbiamo voluto dare la nostra soluzione. Una delle tante possibili per risollevare le sorti della nostra amata Italia e certo non l’unica.

Buona lettura e buon business!

Come Individuare Il Tuo Cliente Ideale Attraverso Un Sondaggio

Oggi, mio caro lettore, ti parlerò di come individuare il tuo cliente ideale attaverso un sondaggio.

Se come la maggior parte delle persone hai aperto la tua attività o la stai per aprire (in quest’ultimo caso fermati e leggi attentamente questo post, n.d.r.) seguendo la via classica, probabilmente hai buttato via tempo e denaro o lo stai per fare.

Seguire la via classica vuol dire fare quello che già migliaia di persone in Italia hanno fatto prima di te.

Le stesse persone che, ora, si lamentano della “Crisi”.

Ma quale “Crisi”!

Solo i “paleolitici” ne risentono. Chi applica la nuova via cresce a doppia cifra qualsiasi sia il suo settore.

Ad esempio il mio amico Giovanni, in soli 3 mesi, sfruttando le tecniche di web marketing in modo sapiente ha fatturato € 150.000,00 in un settore maturo ed altamente competitivo come quello dell’elettronica industriale.

L’ho sentito 5 giorni fa, incuriosito dal fatto che non vedevo più né i suoi post su Pulse (la piattaforma di blogging interna a LinkedIn, n.d.r.) né la sua pubblicità su Facebook, per chiedergli cosa stesse succedendo alla sua attività e lui serafico mi ha risposto che ha dovuto bloccare tutta la sua attività promozionale su Internet poiché non sapeva più come gestire il continuo afflusso di clienti.

Il mio amico Giovanni è uno scafato. Non lascia nulla al caso. Oltre ad essere un esperto nel suo settore e un gran lavoratore, negli ultimi 3 anni si è impegnato a studiare a fondo le tecniche di web marketing andando direttamente alla fonte, cioé acquistando infoprodotti americani e partecipando ad incontri con Al Ries e Jay Abraham che sono alcune tra le menti più brillanti del mondo del business.

Ecco, Giovanni è uno di quei pochi in Italia che pagherei anche € 100.000,00 per accedere alle sue tecniche di web marketing e di vendita.

Perché so che la cifra mi ritornerebbe moltiplicata per 10.

Lo so poiché tutti i consigli che mi ha dato li ho applicati ed ho ottenuto risultati straordinari.

La cosa bella di Giovanni è che è partito da “zero” e lavorando onestamente ha creato un business a 7 cifre che gli permette un alto tenore di vita.

Inoltre, è una persona che pensa in grande e sa che “il Business non dorme mai”. Infatti, è sempre impegnato in qualche nuovo progetto che trasforma in poco tempo in un successo.

Ed anche quando fallisce impara qualche cosa di nuovo e sviluppa nuovi contatti.

Se lo frequenti senti fiumi di adrenalina scorrere nelle tue vene e se applichi qualche suo consiglio in poco tempo vedi i risultati, come ti ho già detto poc’anzi.

Tra i vari consigli che mi ha dato c’è quello di trovare il proprio mercato attraverso un sondaggio e poi costruire il prodotto intorno alle informazioni che si raccolgono dai propri potenziali clienti.

Ancora meglio è la soluzione che prevede di costruire il prodotto o il servizio dopo averlo già venduto. La classica prevendita dei biglietti di un concerto o di un evento sportivo come la finale di Champions League ne è un chiaro esempio.

Come ti ho accennato poc’anzi mentre la via classica prevede l’apertura dell’attività e, successivamente, la ricerca dei clienti attraverso la pubblicità, che deve creare nelle persone un bisogno, (mi raccomando per promuoverti non utilizzare i volantini poiché l’unico bisogno che susciteresti in questo caso è quello di trovare un cestino per la carta, n. d. r.), la nuova via inverte il processo.

La nuova via parte dalla comprensione dei problemi, dei desideri e dei bisogni dei potenziali clienti per poi creare il prodotto o il servizio da vendergli.

Ma come si può capire ciò che vogliono le persone?

La risposta è molto semplice: chiedendoglielo.

Come?

Con un sondaggio.

IL SONDAGGIO

Per essere efficace deve individuare:

  • un segmento socio-demografico preciso;

  • un problema che assilla il segmento togliendogli il sonno;

  • la cifra che il potenziale cliente sarebbe disposto a pagare per eliminare il problema che lo assilla;

  • i canali distributivi preferiti dal potenziale cliente per ricevere la soluzione al problema.

Vuoi un esempio pratico di un sondaggio creato sulla base di questi principi?

Sì!

Be’ allora vai qui e testa quello che, assieme ad alcuni colleghi, ho creato per la creazione ed il lancio sul mercato di un nuovo servizio di consulenza.

LE DOMANDE

Come avrai notato, se hai risposto al mio sondaggio e se lo hai fatto ti ringrazio di cuore, le domande sono sia aperte che chiuse.

Le prime servono a far focalizzare l’intervistato sul suo problema. Più scrive più avrò informazioni utili per la creazione del prodotto o del servizio.

Inoltre, questo è un criterio molto utile nella selezione delle risposte da analizzare.

Infatti, se ottieni migliaia di risposte non avrai certo il tempo di leggerle tutte, quindi dovrai scegliere quelle più lunghe poiché sono quelle delle persone che sentono più forte il problema.

Questo è il tuo target ideale. Qui le statistiche ci dicono che si hanno i tassi di conversione da potenziale cliente a cliente più alti.

Se hai risposto al mio questionario (se non lo hai ancora fatto: fallo subito! Così carpirai uno dei miei segreti [vai qui], n.d.r.), avrai notato come esso spinge l’intervistato a prendere consapevolezza di sé.

La qual cosa è molto importante poiché solo chi è consapevole della sua situazione può prendere la decisione di uscire dalla propria “comfort zone”.

Il numero delle domande varia a seconda del tipo di progetto che vuoi andare a sviluppare. Più sono, più chiara sarà l’immagine che avrai del tuo potenziale cliente.

Però, ricordati che per invogliare le persone a rispondere a delle lunghe interviste bisogna prevedere un premio, una gratificazione che le spinga ad agire.

ALTRE CARATTERISTICHE

Il questionario deve rimanere online almeno 60 giorni. In questo modo si avrà un tempo più che sufficiente per raccogliere un numero significativo di risposte, che deve essere almeno di 100 unità.

Per promuovere la tua intervista utilizza la tua mailing list, il tuo sito web o il tuo blog oppure i gruppi di Facebook dedicati allo specifico problema che vai a risolvere.

In ultima istanza puoi creare una Landing Page apposita sui cui dirotterai il traffico tramite Facebook Ads e dove avrai predisposto un Lead Magnet gratuito per invogliare l’utente che ci atterrà a partecipare al sondaggio.

In quest’ultimo caso la risorsa che dai in regalo agli intervistati potrebbe anche essere un’anticipazione del successivo prodotto in modo da alimentare il desiderio del prodotto finale.

CONCLUSIONE

Oggigiorno, costruire un’attività, un prodotto o un servizio senza sapere se c’è un mercato disponibile e facilmente conquistabile è uno spreco di tempo e denaro.

Questa strategia, la c.d. via classica, poteva andare bene 20 o 30 anni fa, non ora che a causa di Internet sei in competizione persino col piccolo commerciante che si trova a Nairobi per non parlare dei grandi store online tipo Amazon o eBay.

Per avere successo devi costruire la tua attività, il tuo prodotto o il tuo servizio partendo da un sondaggio tra i tuoi potenziali clienti.

Una volta che avrai una chiara fotografia della situazione potrai dedicarti a sviluppare una soluzione che risponda alle esigenze del tuo mercato.

Ecco, perché oggigiorno si parla di Prosumer (cioè del fatto che il consumatore si fa produttore attraverso l’esplicitazione dei suoi desideri, bisogni e problemi alle aziende).

Il processo di produzione si è invertito grazie ad Internet che permette di analizzare in profondità le esigenze delle persone, si è amplificato grazie ai social network e, per chiudere il cerchio, sono arrivati gli smartphone che, essendo presenti nelle tasche di tutti noi, hanno dato il colpo finale al vecchio mondo.

Il risultato di questa rivoluzione copernicana è che i “paleolitici”, ora, si dibattono come un pesce fuori dall’acqua attendendo l’inevitabile fine.

Mentre tanti altri, in Italia, come Giovanni hanno crescite a doppia cifra.

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito ad iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

P.S.: Presto ti svelerò il segreto di chi vende il prodotto o il servizio prima ancora di averlo creato. Quindi stay tuned!

Come Creare Un Opt-in Form Per La Tua Fanpage Di Facebook Con MailChimp

Oggi, mio caro lettore, ti spiegherò come creare un Opt-in form per la tua fanpage di Facebook con MailChimp.

Nell’ultimo post ti ho parlato degli strumenti che devi assolutamente utilizzare per attirare il tuo cliente ideale. Tra di essi ho indicato la mailing list e la newsletter.

Quest’ultimo strumento è molto importante poiché ti permette di creare un rapporto di fiducia con i tuoi follower, di posizionare nella loro mente l’idea che tu sei la soluzione al loro problema e, dulcis in fundo, di vendergli il tuo prodotto o servizio.

Dai primi di febbraio sono alle prese con la creazione della mia newsletter e quindi ti posso fornire qualche utile consiglio che ti semplificherà la vita, se anche tu vorrai seguire il mio esempio.

Buona lettura!

MAILCHIMP

Poiché questo blog è stato realizzato con WordPress.com giocoforza ho dovuto utilizzare come autoresponder MailChimp, giacché è l’unica soluzione possibile, se si adotta questo tipo di piattaforma.

Questo autorisponditore è semplice da utilizzare, è gratuito fino a quando non superi i 2.000 iscritti alla tua mailing list (per questo motivo ti consiglio di eliminare periodicamente gli iscritti inattivi da lungo tempo, n.d.r.) e ti permette di spedire gratis fino a 12.000 email ogni mese.

Tanta roba, vero?

Superati questi confini oppure se vuoi automatizzare la tua sequenza di email per il lancio di un tuo prodotto o servizio devi passare al servizio a pagamento.

L’OPT-IN FORM

Per la realizzazione dell’Opt-in form di un sito web o di un blog WordPress.com mette a disposizione il MailChimp Widget, che trovi nel pannello di controllo sotto la voce widget che ti appare quando clicchi su Personalizza.

Facile da utilizzare ha, però, un grosso limite: ti permette di creare un pop-up banner che viene visualizzato dal visitatore del tuo sito solo quando vi atterrà per la prima volta.

Se lo chiude per visitare con calma il tuo sito web, non lo rivedrà più.

Alla visita successiva, infatti, il banner non gli sarà più mostrato per via di un cookie tecnico (il mio consiglio è di ritardare di qualche secondo l’apparizione del pop-up in modo da aumentare le possibilità che il visitatore s’iscriva alla tua newsletter, n.d.r.).

Questo di per sé non sarebbe un problema, se si potesse posizionare un Opt-in form fisso anche, a destra, sulla barra laterale del blog.

Senonché tale soluzione su WordPress.com è impedita ed è logico, se ci pensi, che sia così poiché vi è già il modulo con cui chi è interessato ai tuoi contenuti può lasciare il suo indirizzo email per essere aggiornato ogni volta che pubblichi un nuovo post.

Attenzione, però, perché quest’ultimo widget ti permetterà di crearti il tuo pubblico, ma non il tuo mercato visto che i dati di contatto di chi s’iscrive non ti vengono comunicati, per cui non puoi crearti la tua mailing list.

Per superare questo ostacolo io ho creato una pagina dedicata denominata Newsletter dove invito, colui che è interessato agli argomenti di cui tratto nel blog e vuole ricevere, in via esclusiva, anche contenuti diversi (Report, eBook ecc.) dal semplice aggiornamento sull’ultimo post pubblicato, ad iscriversi alla mia mailing list attraverso la mia fanpage su Facebook.

A proposito, se quanto hai letto fin qui ti è piaciuto, perché non ripaghi il mio sforzo iscrivendoti alla mia newsletter!  🙂

COME CREARE UN OPT-IN FORM PER LA TUA FANPAGE DI FACEBOOK

Per prima cosa, dopo che ti sei iscritto, la procedura guidata di MailChimp ti fa creare la tua newsletter (denominazione, layout, ecc.).

Il passo successivo è quello di creare la propria lista di contatti. Per far ciò devi cliccare su Lists, se hai già creato la tua bozza di newsletter essa ti apparirà sulla tua sinistra mentre alla tua destra troverai il pulsante Stats.

Lists MailChimp

Clicca sul suddetto bottone e vedrai apparire un menu a tendina.

A questo punto, non devi far altro che cliccare su Signup forms ti si aprirà una pagina con diverse voci, identica a quella che vedi qui sotto.

Signup forms di MailChimp

La prima denominata General Forms è molto importante perché ti permette di modificare, a tuo piacimento, gli Opt-in form e le varie email automatiche che seguono al processo di iscrizione o di disiscrizione alla tua mailing list (utilissima la funzione per tradurre automaticamente in italiano i testi di default dei vari form, n.d.r.).

Ma torniamo al tema principale di questo articolo e cioè come creare un Opt-in form per la tua fanpage di Facebook.

Bene! Scorrendo dall’alto verso il basso la pagina di cui sopra, arriverai alla funzione che ti permetterà di creare il modulo d’iscrizione alla tua newsletter da mostrare sulla tua pagina fan.

MailChimp Facebook Form

Da qui in poi è una passeggiata, infatti, MailChimp ha reso la procedura molto semplice, quindi non mi dilungherò ancora in ulteriori spiegazioni.

Aggiungerò solo tre cose:

  • Se avrai seguito correttamente le istruzioni di MailChimp, apparirà sulla tua fanpage la busta che vedi nell’immagine qui sotto con l’invito ad iscriversi alla tua newsletter.

Facebook Form per l'iscrizione alla newsletter

  • Ricordati che hai la possibilità di mostrare a colui che si vuole iscrivere alla tua mailing list l’Opt-in form come appare sul tuo sito web o blog oppure puoi contestualizzare meglio il tutto dandogli un look alla Facebook come ho fatto io.

Facebook look Opt-in form MailChimp

  • Fai sempre un test di prova per vedere se tutto funziona correttamente.
CONCLUSIONE

Grazie a MailChimp, anche se sfrutti per il tuo sito web o blog la piattaforma WordPress.com, puoi crearti seguendo la procedura che ti ho appena descritto la tua mailing list, strumento che non può mancare in una moderna strategia di marketing.

Il punto è che per aumentare le possibilità che qualcuno s’iscriva alla tua newsletter dovrai giocare d’astuzia e sfruttare la tua fanpage su Facebook.

Questa soluzione, se a prima vista ti può sembrare un limite, in realtà è una grande opportunità per utilizzare, a tuo vantaggio, le enormi potenzialità di ingaggio della tua pagina fan.

Se sarai creativo ed accorto, raccoglierai attorno a te una community di fan che contribuirà col suo entusiasmo e supporto al tuo successo.

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

Infine, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Come Attirare Il Tuo Cliente Ideale

Dopo aver parlato di come posizionarsi nella mente del consumatore ed aver affermato che il blog è essenziale per avere successo in questa operazione, oggi ti spiegherò, mio caro lettore, come attirare il tuo cliente ideale.

Sicuramente, ti ricorderai che in un recente articolo ho analizzato il cambiamento avvenuto nel processo d’acquisto degli italiani nel 2015.

In quel post ho scritto che grazie all’avvento di Internet, dei Social Network, degli smartphone e dei Tablet il consumatore tende ad acquisire molte informazioni sul prodotto o servizio che vuole acquistare e pure sul venditore, prima di procedere all’acquisto.

Il processo decisionale del tuo cliente ideale, oggigiorno, si è allungato e solo nel momento in cui il suo problema o bisogno oppure desiderio si sarà fatto più urgente egli passerà all’azione e tu potrai vendergli il tuo prodotto o servizio.

Per questo motivo, ti dovrai attrezzare per conoscere i bisogni e i desideri del tuo cliente ideale, e per creare con lui un rapporto di fiducia che lo porti a posizionarti nella sua mente come LA SOLUZIONE al suo problema.

Per far ciò dovrai ricorrere alla Lead Generation, cioè un insieme di azioni di marketing volte all’acquisizione ed alla generazione di una lista di contatti. Clienti, realmente, interessati alle attività svolte da un’azienda.

Di questo potente strumento ti ha, già, parlato Gentian Hajdaraj, titolare di Web Marketing Aziendale nell’intervista che gli feci tempo fa (leggi qui, n.d.r.).

In pratica grazie alla Lead Generation si fa il c.d. Inbound Marketing.

Vi è, quindi, un’inversione dei ruoli: è il potenziale cliente che cerca te e non tu che cerchi lui.

In pratica il tuo compito sarà quello di accompagnare i contatti caldi (i lead, n.d.r), far evolvere il loro interesse nei tuoi confronti e creare tra di voi un rapporto di fiducia.

IL FUNNEL

Se di recente, mio caro lettore, ti sei messo a studiare un po’ la Lead Generation per capire se può essere la soluzione ideale per aumentare il tuo fatturato ti sarai imbattuto nel termine funnel ovvero imbuto.

Infatti, graficamente il processo di cui sopra viene rappresentato come un imbuto in cui entrano un gran numero di contatti, ma ne esce un numero minore di clienti reali (quanto minore sta nelle tue capacità di comunicatore, ma soprattutto di venditore, n.d.r.).

Come è ovvio d’altronde, poiché non esiste nessun metodo al mondo che ti può garantire che il 100% dei tuoi potenziali clienti si trasformi nel 100% dei tuoi clienti reali.

Altro termine che avrai sentito di recente, specie se sei un assiduo frequentatore di Facebook o di LinkedIn, visto che è sulla bocca di tutti, è: lista dei contatti, detta anche mailing list.

Questa è lo strumento principale di una campagna di Lead Generation perché ti permette di fare email marketing, di educare il tuo pubblico attraverso la tua newsletter, di fidelizzarlo e di convertirlo in clientela reale.

IL CLIENTE IDEALE

La prima cosa che devi fare se vorrai che questo potente strumento ti sia di qualche utilità è definire a chi il tuo prodotto o servizio è diretto.

Analizza bene te stesso, quello che vendi e la concorrenza. Crea un profilo virtuale di colui o colei che pensi possa essere il tuo cliente ideale.

Cerca di capire i luoghi virtuali che lui o lei frequenta e quale tipo di comunicazione attira la sua attenzione.

Questa fase di Business Intelligence avrà una triplice utilità:

  • Ti permetterà di conoscere te stesso.

  • Ti permetterà di conoscere la tua concorrenza.

  • Ti permetterà di capire come meglio posizionarti nella mente del tuo target.

IL SITO WEB

Conclusa la fase di analisi del tuo pubblico ideale dovrai stabilire il tipo di comunicazione che utilizzerai per raggiungerlo.

Tre sono i tipi di comunicazione da prendere in considerazione:

  • Testuale

  • Visiva (Immagini, infografiche e video)

  • Sonora (Podcast)

Puoi usarne uno solo, due o tutti e tre. Questa decisione spetta solo a te, ma la devi prendere prima di partire con la costruzione del tuo sito web e del tuo blog, perché è attorno al tuo modo di comunicare che essi dovranno essere costruiti.

Ovviamente, come avrai già capito il blog dovrà essere inglobato all’interno del tuo sito web poiché ciò è essenziale per il tuo successo imprenditoriale o professionale.

Infatti, ti servirà per far crescere la tua autorevolezza e la tua credibilità di esperto.

Devi diventare la figura di riferimento dei tuoi utenti.

COME ATTIRARE IL TUO CLIENTE IDEALE

Una volta costruito il tuo sito web e il tuo blog devi farci arrivare il traffico dei visitatori che, poi, educherai attraverso l’email marketing e la newsletter.

Per generare le visite alla tua “vetrina virtuale” potrai usare i Social Network, partecipare alle discussioni sui vari forum tematici presenti in Rete o usare la pubblicità online: Google Adwords, Facebook Ads, LinkedIn Ads e Twitter Ads.

Stai attento, però, a non farti prendere dalle mode del momento.

In questo periodo, Facebook Ads è lo strumento che va per la maggiore per generare traffico qualificato verso il proprio sito web o blog.

Lo strumento è ottimo e poco costoso, se paragonato agli altri che ho citato, ma i suoi costi di conversione sono in salita poiché il numero dei suoi utilizzatori è in costante ascesa.

Per questo motivo chi vuole aumentare il suo fatturato facendo ricorso a Facebook Ads deve avere un’attività commerciale che vende prodotti o servizi di valore medio-alto.

Se, invece, vendi infoprodotti, allora ti conviene usare questo strumento solo se il tuo prodotto ha un prezzo uguale o superiore a € 100,00.

Infine, se vorrai generare traffico gratuito verso il tuo sito web dovrai giocoforza ricorrere al tuo ingegno ed alla tua creatività.

I miei suggerimenti sono:

  1. Scrivi dei guest post di valore per i blogger del tuo settore. I blogger sono sempre felici di ospitare post di qualità sui loro blog. All’interno di questi guest post inserisci un link che indirizza al tuo sito web così attirerai le visite di coloro a cui il tuo articolo è particolarmente piaciuto.

  2. Commenta in modo approfondito i post di blogger e influencer che sono considerati autorevoli nel tuo settore.

  3. Contribuisci con contenuti di valore alle discussioni presenti nei forum tematici o nei gruppi sui vari Social Network relative ai beni o servizi che vendi. Di tanto in tanto, nel rispetto delle regole imposte dagli amministratori degli spazi che ospitano i tuoi interventi, pubblica un commento con un link che porta direttamente alla tua “vetrina virtuale”.

  4. Intervista blogger famosi e influencer del tuo settore.

Questi sono tutti modi a “costo zero” che ti aiutano a generare traffico verso il tuo sito web.

EMAIL MARKETING

Dopo aver generato il traffico verso la tua piattaforma online dovrai prendere alcuni dati essenziali dei visitatori del tuo sito web.

Per fa ciò devi ricorrere alla c.d. Squeeze Page, cioè una pagina dotata di un form in cui l’utente lascerà il suo indirizzo email, il suo nome e tutti gli altri dati che riterrai opportuno chiedere (non esagerare però, poiché rischi che il visitatore abbandoni il tuo sito, n.d.r.).

Per invogliare le persone a lasciare i propri dati puoi dare in cambio un ebook gratuito, un codice sconto, un report, dei gadget in omaggio o altre risorse gratuite.

In questo modo la tua lista, cioè il tuo mercato, crescerà costantemente nel corso del tempo.

Ma, ora, viene il bello!

Una volta che hai creato la tua lista dovrai nutrirla dandogli contenuti di valore (Lead Nurturing, n.d.r.) in modo da posizionarti nella mente dei tuoi contatti, educare il tuo potenziale cliente e creare tra di voi un legame di fiducia.

È qui che entra in gioco la newsletter. Essa è lo strumento che devi utilizzare per fare Lead Nurturing.

Per crearne una e distribuirla hai a disposizione diverse applicazioni: MailChimp, GetResponse, AWeber, ConvertKit e altre ancora.

Ricordati che è solo alla fine di questo lungo percorso che, finalmente, potrai proporgli l’acquisto del tuo prodotto o servizio attraverso una sequenza di email di vendita (sales letter, n.d.r.).

CONCLUSIONE

Il processo per attirare il tuo cliente ideale, come hai visto, è composto da più fasi, ognuna propedeutica alla successiva, che raggiungono il loro apice con la Lead Generation, che è lo strumento principe per attirare i clienti.

Solo dopo che avrai catturato la loro attenzione e creato un rapporto di fiducia dovranno entrare in gioco le tue doti di venditore, non prima, se vorrai concludere la tua vendita.

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti dandoti appuntamento al prossimo post.

Ma ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Il blog è essenziale per…

In un contesto di mercato in cui la competizione sul prezzo è all’ultimo sangue il blog è essenziale per comunicare ai tuoi potenziali clienti e a quelli attuali l’elemento che ti differenzia dai tuoi competitor.

Nello scorso articolo ti ho indicato, mio caro lettore, questo mezzo di comunicazione come uno degli strumenti che non possono mancare in una moderna strategia di marketing per posizionarsi nella mente del consumatore.

Si tratta di una questione di vita o di morte.

Sì, hai capito benissimo! Sto parlando della vita o della morte della tua attività. Quella da cui dipende la tua indipendenza economica.

Pensi che stia esagerando?

Beh, sei in buona compagnia. Infatti, ci sono tanti imprenditori e professionisti che all’alba del 2016 non si sono resi conto che il blog è essenziale per convincere gli individui a contribuire ai loro fatturati attraverso l’acquisto dei prodotti o servizi che vendono.

Non obiettarmi che il tuo business è differente!

Questa è semplicemente una patetica scusa.

Ammetti, invece, che sei pigro ed hai paura di uscire dalla tua comfort zone per imparare qualcosa di nuovo.

Anche se in questo momento i tuoi affari stanno andando bene, il fatto che tu, mio caro lettore, non ti dia da fare per mutare il modo con cui stai comunicando al mondo che sei sul mercato col tuo prodotto o servizio è indice di una mancanza di lungimiranza.

Infatti, se vuoi rimanere a lungo in affari devi ragionare come un giocatore di scacchi che pensa in anticipo le sue mosse prevedendo anche quelle dell’avversario.

Se ti muoverai all’ultimo costretto dalla forza degli eventi, sarà troppo tardi poiché i tuoi concorrenti più avveduti avranno acquisito su di te un vantaggio incolmabile.

E non dirmi che tu hai, già, il sito web. Questo strumento non basta da solo per creare un rapporto di fiducia coi tuoi potenziali clienti, pur essendo molto importante poiché ti garantisce un minimo di visibilità.

Averne uno è senz’altro un bel passo in avanti che hai fatto nella direzione giusta, ma affinché esso si trasformi in una macchina per far soldi devi portarci traffico qualificato e per far ciò il blog è essenziale.

Solo attraverso di esso puoi mostrare le tue competenze, la conoscenza del prodotto o servizio che vendi e la tua autorevolezza.

Per costruire un blog ci sono diverse soluzioni: WordPress, Drupal, Joomla, Squarespace, Rainmaker e altre ancora.

In questo post mi limiterò ad accennare, solamente, a due di esse e cioè alla piattaforma più diffusa tra i blogger, WordPress, e a quella che di recente ha colpito la mia attenzione, Squarespace.

WORDPRESS VS. SQUARESPACE

Attualmente, WordPress è la piattaforma di blogging più usata al mondo poiché è gratuita, facile da installare, ha tanti plug-in che la rendono così flessibile da adattarsi perfettamente ad ogni esigenza e vi è una grande community di programmatori che si occupa del suo sviluppo.

Di contro, l’estrema libertà di customizzazione di cui gode WordPress lo rende uno strumento complesso da utilizzare per chi non ha dimestichezza col mondo di Internet e del computer.

Per tua fortuna, in Rete, ci sono un sacco di tutorial e di blog che spiegano come sfruttare al meglio questo CMS (content management system, n.d.r.).

Se vuoi imparare qualche trucco che ti faciliterà la vita con WordPress ti consiglio di leggerti i post di Andrea Toxiri, alias Mr Tozzo, il quale sul suo blog ha una rubrica dal titolo, alquanto, esplicativo: Help WordPress.

Se, invece, tanta libertà di customizzazione ti spaventa, Squarespace è la soluzione ideale per te.

Questa piattaforma ti mette a disposizione una ventina di template dal bel design, totalmente responsive, cioè che si adattano perfettamente alla visione da tablet e smartphone, tutti facilmente personalizzabili anche senza essere un web designer e ha un’ottima assistenza (solo in lingua inglese, n.d.r.).

Qui, però, si paga un canone annuale (accetta solo carte di credito per il pagamento, n.d.r).

Per chi si vuole creare da solo il proprio sito web o il blog vi sono due pacchetti, il più economico dei quali ha un costo di $ 96,00 l’anno, che ti permetteranno di sceglierti il template che più ti piace. In ogni pacchetto è compreso anche il servizio di hosting.

In più, prima dell’acquisto del servizio ti viene data l’opportunità di provare gratis la piattaforma per 14 giorni in questo modo potrai capire se sei in grado di fare tutto da solo o se ti conviene affidarti ad un professionista per la realizzazione del tuo sito web o blog.

Infine, hai anche la possibilità di acquistare il dominio da questa società. Io, però, sconsiglio questa soluzione in quanto ti vincolerebbe troppo a Squarespace, mentre se acquisterai il dominio da un altro fornitore qualora volessi migrare il tuo blog o sito web su un altro servizio hosting perché, ad esempio, vuoi passare a WordPress non avrai nessun problema nel farlo.

QUESTIONE DI BLOGGING

Ora, che hai preso coscienza del fatto che il blog è essenziale per fare business ed hai scoperto alcune delle piattaforme che potresti usare per crearne uno, non ti resta che capire come bloggare in modo efficace.

Fare del buon blogging non è per niente facile, ma neanche una cosa impossibile.

Una risorsa che ti può essere utile è il blog di Francesco Panìco: Blog Facile.

Però, prima di dedicarti alla sua lettura devi stabilire l’argomento attorno a cui costruire tutto il tuo piano editoriale.

Ricordati di non dedicare tutti gli articoli che andrai a scrivere alla promozione del tuo prodotto o servizio e di dare sempre contenuti di valore in pasto a chi ti legge.

È buona norma pubblicare un articolo promozionale ogni dieci in questo modo non stancherai il tuo pubblico, mentre gli altri contenuti che scriverai devono avere per oggetto una soluzione al problema che fa perdere il sonno il tuo lettore.

Se, sei un mio fedele, lettore avrai notato come mi muovo.

Io, da più di due anni a questa parte, mi sono focalizzato su un problema che assilla diverse migliaia di italiani: quello dell’indipendenza economica.

Ho intervistato persone che, nonostante la situazione odierna o proprio grazie ad essa, hanno deciso che era il momento giusto per realizzare i propri sogni. Oltre a ciò pubblico articoli su idee o strumenti che possono aiutare le persone a creare o a far crescere il proprio business.

Difficilmente, troverai articoli su questo blog in cui promuovo direttamente la mia attività, ma questo non vuol dire che non stia utilizzando questo spazio come vetrina promozionale per posizionarmi nella mente del mio cliente ideale.

Lo sto facendo. Ma in modo molto sottile.

CONCLUSIONE

Come avrai, ormai, capito dopo questa breve lettura il blog è essenziale:

  • Per comunicare ai tuoi potenziali clienti in cosa sei differente dai tuoi concorrenti e, quindi, perché è meglio acquistare il prodotto o il servizio da te.

  • Per creare un rapporto di fiducia tra te e il tuo mercato.

  • Per portare al tuo sito web contatti caldi interessati alla soluzione che proponi al loro problema.

A questo punto, mio caro lettore, dopo averti parlato di come il blog è essenziale per posizionarsi nella mente del consumatore non mi resta che salutarti dandoti appuntamento al prossimo post dove approfondirò alcuni discorsi che ho iniziato in questo articolo.

Ma ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico