Igor Redaelli. Web designer a 17 anni

Oggi, mio caro lettore, ti voglio presentare un giovanissimo web designer che ho scoperto recentemente navigando in Rete: Igor Redaelli.

Rimango sempre affascinato dai tanti giovani talenti del web che il nostro Paese, nonostante tutto, riesce a sfornare.

Una cantera come quella del Barcellona che, però, sforna talenti non nel calcio bensì in un settore cruciale per lo sviluppo di una nazione: Internet.

Caratteristica comune a tutti i ragazzi che ho intervistato fino ad ora è che si sono costruiti le loro competenze da autodidatti.

Questo la dice lunga sull’arretratezza di certi programmi scolastici.

Ovviamente, non bisogna fare di ogni erba un fascio in quanto ci sono diverse ottime scuole, in giro per l’Italia, con eccellenti insegnanti che sanno motivare i loro studenti.

A mio giudizio, per far emergere queste eccellenze dal mare magnum della mediocrità che le circonda bisognerebbe eliminare il valore legale dei titoli di studio e premiare, dando loro più soldi, quelle realtà che riescono a sfornare studenti capaci di inserirsi velocemente nel mondo del lavoro una volta finito il loro percorso di studi o di laurearsi bene e in tempi brevi se hanno scelto di frequentare l’università.

Buona lettura!

* * *

Quanti anni hai e dove abiti?

Ho 17 anni e vivo in provincia di Milano.

Quale percorso di studi stai seguendo?

Attualmente, frequento il quarto anno di un istituto professionale che ti diploma come tecnico elettrico.

Quali sono le tue aspirazioni future proiettate in un arco temporale di 5 anni?

Non ho ancora le idee ben chiare sul mio futuro. Sono in un momento cruciale della mia vita: davanti a me si sono aperte molte strade, ma non ho ancora deciso quale sia quella migliore da percorrere.

Sicuramente, dopo gli studi comincerò subito a lavorare come freelancer.

Come è nata la tua passione per la costruzione dei siti web?

La mia passione è nata all’età di 12 anni quando iniziai a realizzare e a gestire alcuni siti web di cui scrissi anche dei “frammenti” di codice HTML.

Quelli furono i miei primi siti web statici.

Fu amore a prima vista. Infatti, rimasi affascinato da questo mondo così bello e complesso.

Capii subito che il mondo del web design sarebbe stato il mio futuro.

Quali sono le competenze che hai sviluppato, nel tempo, in questo campo e i risultati che hai ottenuto?

Nel corso degli anni ho sviluppato molte competenze tra queste il linguaggio di mark-up: HTML, CSS e PHP.

Col tempo ne ho acquisite anche tante altre sviluppando siti web dinamici con il CMS WordPress.

Ho ottenuto sempre ottimi risultati, pur studiando da autodidatta, e le mie competenze crescono giorno dopo giorno.

Come hai monetizzato le tue competenze?

Monetizzo le mie competenze occupandomi della realizzazione e della gestione di siti web.

Come gestisci un cliente difficile?

Con molta pazienza. Cerco sempre di entrare in relazione con il cliente, di creare un legame emotivo con la persona che ho di fronte e, affinché si fidi di me, di apparire autorevole ai suoi occhi.

Cerco anche di espormi in maniera rispettosa nei suoi confronti ascoltandolo attentamente e facendolo sentire importante.

Come hai strutturato il tuo canale di acquisizione clienti?

Gli unici canali che utilizzo per la promozione della mia attività e per acquisire nuovi clienti sono i social media.

Ho promosso e promuovo ancora la mia attività sui vari Social Network.

In base ai dati che ho raccolto tramite Google Analytics è Twitter il social che porta più traffico in ingresso al mio sito, circa il 40% dei visitatori provengono da lì.

Perché, oggigiorno, un’attività deve avere un sito web?

Un sito web è la base di partenza di un’attività. Se è ben fatto comunica affidabilità e professionalità al cliente.

Inoltre, è il mezzo di comunicazione per eccellenza e permette la massima interazione con i propri clienti.

Chi è presente su Internet ha sicuramente più vantaggi di chi non c’è e non essere sul web significa far notare la propria assenza.

Un imprenditore o un libero professionista avendo un sito web ha la possibilità di essere sempre visibile a ogni ora del giorno e della notte, e di mostrare la propria “vetrina virtuale” ogni giorno della settimana, anche nei giorni di festa.

Con un sito web si ha anche la possibilità di aggiornare i propri clienti sulle ultime novità relative alla propria attività o di pubblicare contenuti con lo scopo di catturare l’attenzione di potenziali clienti, magari notificandoglieli con una newsletter.

Questi sono i primi vantaggi che mi vengono in mente.

Quali sono, da un punto di vista tecnico, i segreti di un sito web di successo?

I segreti di un sito web di successo sono diversi.

Ti elenco quelli che, dal mio punto di vista, sono i più importanti:

  • Ottimizzazione per i motori di ricerca: in questo entra in gioco la SEO (Search Engine Optimization, n.d.r).

  • Template con un design responsive: negli ultimi anni gli utenti che accedono ai siti da mobile sono aumentati a livello esponenziale. Inoltre, avere un sito web mobile friendly è un importante fattore di ranking sui motori di ricerca come Google.

  • Velocità di caricamento delle pagine web del sito: un altro fattore importante è la velocità di caricamento delle pagine. Anche questo è un fattore di cui Google tiene gran conto per il ranking. Il principale segreto per avere una pagina web dal caricamento veloce sta, innanzitutto, nel far risiedere il sito su un server di hosting professionale e non su quelli low cost o gratuiti. Come sempre: “Chi più spende, più guadagna”.

  • Utilizzare una CDN: riguarda sempre la velocità del caricamento di una pagina.

Il vantaggio di avere una CDN è quello di ridurre i tempi di latenza avvicinando i file dei nostri siti web agli utenti, in modo da diminuire il carico sui server e l’utilizzo della banda passante che li collega al web.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Annunci

Angelo Cerrone. Un anno dopo

Angelo Cerrone

Angelo Cerrone

Tempo fa, mio caro lettore, ho intervistato Angelo Cerrone, social media manager di grande talento, nato e cresciuto in Campania.

Oggi ho deciso di intervistarlo di nuovo vista la bella crescita che hanno avuto i suoi progetti e il suo blog per carpirne i trucchi del mestiere in modo da aiutarti a replicarli.

Buona lettura!

Dalla nostra prima intervista è passato poco più di un anno. Com’è cambiata la tua vita?

Prima di raccontarti della mia vita, volevo ringraziarti per questa seconda intervista che rappresenta un attestato di stima nei miei confronti.

Come avrai notato sui social la mia vita è stata stravolta sia sotto il profilo professionale che sotto il profilo privato.

Per quanto riguarda il lato lavorativo, ho abbandonato l’incarico da social media manager presso l’agenzia dove ho mosso i miei primi passi da professionista.

La decisione è stata abbastanza sofferta, ma i margini di crescita si erano ridotti notevolmente e, dunque, era giunto il momento di intraprendere nuove avventure.

Per alcuni mesi mi sono dedicato alla vita da libero professionista che continuo a svolgere tuttora e poi, dopo un lungo corteggiamento, ho accettato una collaborazione interna presso un’impresa privata.

Qui mi sto occupando della digitalizzazione della loro attività sia sui social network che sui più importanti motori di ricerca.

Inoltre, mi è stato affidato l’incarico di gestire anche la contabilità, un mio vecchio amore, monitorando in questo modo la crescita del loro business.

Quindi, attualmente, svolgo entrambe le mansioni e, nonostante, i tanti impegni le soddisfazioni non mancano.

Invece, per quanto riguarda la mia vita privata finalmente dopo un po’ di tempo ho trovato una ragazza fantastica con cui stiamo progettando qualcosa di importante e con cui condivido una passione nata da poco ovvero la fotografia.

Come si è evoluto il tuo blog in tutto questo tempo?

In quest’ultimo anno il blog ha raggiunto la sua maturità visto che la maggior parte delle visite deriva dalla ricerca organica e non più dalla condivisione dei post sui social network.

Inoltre, in questi ultimi mesi, il calendario editoriale è stato completamente stravolto. Ho ridotto la frequenza di pubblicazione in modo tale da migliorare la qualità dei contenuti e i risultati sembrano darmi ragione.

Ho registrato una crescita netta dei seguaci, una crescita delle condivisione dei post e, soprattutto, una maggiore visibilità sui social network.

Come si crea un blog di successo come il tuo?

Ci vogliono tre ingredienti: costanza, determinazione e originalità.

Per quanto riguarda la costanza mi riferisco a un aggiornamento periodico del proprio blog. Questo non significa che bisogna pubblicare uno o più articoli al giorno perché è impensabile lavorare a questi ritmi.

I più bravi ci riescono ma alle loro spalle c’è un team che li supporta.

I blogger meno “fortunati” devono realizzare in prima persona i loro articoli e questo determina uno stress non indifferente.

Per questo bisogna trovare una soluzione intermedia, un articolo ogni tot giorni, che consenta di scrivere contenuti utili e di qualità.

Il secondo ingrediente è la determinazione.

Se ci arrendessimo alle prime difficoltà la figura del blogger non esisterebbe in quanto ci vogliono almeno due anni per consolidare il proprio blog e per creare una community di buona qualità.

Il terzo e ultimo ingrediente per creare un blog di successo è l’originalità.

Per originalità non intendo solo la creazione di post innovativi ma anche di rivedere sotto un’ottica differente ciò che è già stato trattato da altri blogger.

Purtroppo, con la crescita del loro numero questo ingrediente è venuto meno ed è sufficiente una novità dell’ultima ora per generare cento articoli identici o molto simili.

Mi è capitato di leggere post che avevano lo stesso titolo e le stesse parole.

Com’è possibile tutto ciò?

Semplicemente, perché i blogger in questione avevano tradotto un articolo in lingua inglese.

Come scegli gli argomenti di cui trattare?

Gli argomenti li scelgo generalmente una settimana prima dell’elaborazione del post, salvo novità dell’ultima ora, in modo tale da effettuare ricerche più approfondite sul tema trattato.

La scelta spesso è determinata dalle mie esperienze personali con il mondo dei social network o in alternativa dalle richieste dei miei follower.

Le richieste possono essere esplicite (commento, messaggio, etc.) o tacite cioè tratte dai dati statistici del mio blog.

Alcuni articoli di successo sono nati proprio dalla lettura degli insight.

Come distribuisci i contenuti in modo da catturare l’attenzione degli utenti online e aumentare la tua audience?

Sulla distribuzione dei contenuti ho avuto una bellissima conversazione digitale con una mia cara amica blogger che evidenziava come tantissimi blogger postano i loro contenuti in tutti i gruppi in cui sono iscritti.

Io ho sottolineato come questa strategia sia orientata semplicemente a far gonfiare le visite del blog e a guadagnare qualche centesimo con AdSense.

Io, invece, ho optato per una condivisione real time sui social dove sono iscritto e una ricondivisione differita dopo qualche giorno o periodo ben stabilito.

Inoltre, mi sono concentrato molto sul lato SEO dei singoli post e questo mi ha consentito di raggiungere ottimi risultati.

Infatti, la vita media di un post sui social network è di pochi giorni, salvo alcuni post evergreen, mentre con la SEO, la vita media di un articolo è nettamente superiore.

Hai dei progetti per monetizzare il tuo blog visto il tuo vasto seguito?

Non mettermi in difficoltà con domande che potrebbero svelare i miei segreti.

A parte gli scherzi, ad agosto avevo annunciato delle novità interessanti e la prima è stata già lanciata.

Ho trovato uno spazio autonomo per il mio progetto Advertising Break, rubrica sulla pubblicità creativa, in modo tale da differenziare i contenuti pubblicitari da quelli più markettari.

Ora ho in mente altri due progetti.

Il primo è top secret e sarà svelato nel 2017, il secondo invece è sempre più vicino ma non posso sbilanciarmi troppo visto che è una sorpresa per i miei follower.

Però, visto lo splendido rapporto che c’è tra di noi, voglio dare un’esclusiva ai tuoi “seguaci”: il secondo progetto interesserà il mio blog.

Hai mai pensato di vivere solo attraverso il tuo blog o le tue passioni?

Sì, ci ho pensato più volte ma per raggiungere una certa autonomia economica è necessario lavorare sodo per più anni e concentrarsi anche sui guadagni indiretti.

Mi spiego meglio.

Un blog o qualsiasi progetto sui social genera due tipi di entrate: quelle dirette e quelle indirette.

Le prime non hanno bisogno di presentazioni visto che ci sono numerosi articoli che spiegano come guadagnare con un blog.

Invece, le seconde, spesso sottovalutate, sono fondamentali per consolidare la propria figura professionale.

In questi ultimi mesi ho ricevuto alcune offerte di collaborazione grazie al mio blog e ai miei progetti su Instagram, ma ho sempre rifiutato perchè non c’erano le condizioni per portare avanti la cosa.

Quindi in modo indiretto ho già guadagnato qualcosa, ora però spero di incrementare i guadagni diretti.

Come stanno andando gli altri tuoi progetti online?

In questi ultimi mesi mi sono concentrato principalmente su Instagram dove ho lanciato due progetti: #unangeloinviaggio e Italia in cartolina.

unangeloinviaggio

unangeloinviaggio

Entrambi i progetti hanno una tematica comune: la valorizzazione del territorio italiano mediante i social network.

Per quanto riguarda #unangeloinviaggio il progetto è gestito direttamente sul mio profilo personale dove pubblico quotidianamente le foto dei miei viaggi categorizzandole appunto con l’hashtag di cui sopra.

Invece, Italia in cartolina ha un profilo autonomo e sono i miei follower a indicarmi le località più belle del nostro Paese.

Anche qui ogni giorno vengono postate due foto in modo tale da stimolare la partecipazione di tutti gli iger d’Italia.

Per quanto riguarda invece i progetti storici Graffi Creativi e l’Advertising Break hanno, ormai, raggiunto la loro autonomia.

Come ho già anticipato prima la rubrica sulla pubblicità creativa ha trovato uno spazio tutto suo mentre su Graffi Creativi ho dato spazio definitivamente alle news e alle novità sul mondo dei social network.

Il nuovo format sembra piacere ai lettori e la crescita organica della pagina Facebook è più che raddoppiata.

Hai qualche novità su come si evolveranno il tuo blog e i tuoi progetti online che puoi darmi in anteprima per i miei lettori?

Dai, sul blog ti ho già detto troppo e non posso più sbilanciarmi altrimenti viene meno l’effetto sorpresa.

Invece, sui progetti posso darti qualche informazione dettagliata in esclusiva.

A dicembre i miei due progetti su Instagram saranno rinnovati parzialmente.

Per quanto riguarda Italia in cartolina ti anticipo che ci sarà il classico contest natalizio per valorizzare il territorio italiano anche durante le festività.

Invece, per quanto riguarda #unangeloinviaggio ho creato un contest che rappresenta una novità assoluta per chi gestisce un account privato su Instagram, ma anche in questo caso tutto è top secret.

Un altro progetto interessante è quello che sto elaborando per l’azienda con cui collaboro e coinvolgerà i negozianti e gli artigiani italiani.

Speriamo che questa idea venga apprezzata in quanto è sempre bello ricevere qualche complimento da chi ti segue con affetto.

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito ad iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Giorgio Valleris: Professione Media Manager

Giorgio Valleris, Media Manager

Giorgio Valleris

Oggi, mio caro lettore, ti presentarò attraverso la mia intervista Giorgio Valleris, professione: Media Manager.

Ci siamo conosciuti lavorando su un bel progetto imprenditoriale e fin da subito ho apprezzato la sua competenza nel campo del copywriting, settore che riveste un ruolo fondamentale per i business che vogliono crescere grazie a Internet.

Buona lettura!

* * *

Quanti anni hai e dove vivi?

Ho 38 anni e vivo in un piccolo paese in provincia di Monza. Mi sono trasferito qui da una decina d’anni. Prima vivevo alle porte di Milano, ma ho scelto di allontanarmi un po’ dal capoluogo, in perfetto stile “scappo dalla città”.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Un percorso tortuoso, così come alle volte lo è la vita.

Ho studiato ragioneria e, poi, ho scelto di iscrivermi a mediazione linguistica e culturale alla Statale di Milano.

Una volta laureato ho iniziato a fare il cronista per alcuni giornali locali e nei week end ho seguito un Master in Media Relations alla Business School de Il Sole 24 Ore.

Grazie al cielo ho scelto di non seguire la contabilità di nessuna azienda, appena diplomato. Altrimenti, sai che disastri avrei combinato tra spese, ricavi, bilanci e conti economici? No, me la cavo meglio con le parole che con i numeri.

Quali esperienze lavorative hanno preceduto quella attuale?

Come ti dicevo ho iniziato a fare il cronista per alcuni periodici locali appena laureato. Una bella esperienza.

Chi dice che fare il giornalista è meglio che lavorare avrà anche ragione, ma io ne ho passate di sere e week end tra consigli comunali, sedi di quartiere e interviste varie.

Poi ho lavorato per 8 anni nel Consiglio regionale della Lombardia come addetto stampa per un gruppo politico: all’inizio è stata davvero dura perché avevo responsabilità enormi e nessuna esperienza. Devi farti le ossa. E senza fartele rompere. Se ci riesci, dal punto di vista professionale compi un vero salto di qualità.

Nel 2013 ho iniziato la mia carriera come freelancer: tanto copywriting per i clienti più diversi, qualche ufficio stampa qua e là, collaborazioni giornalistiche con tv e testate.

Una svolta (termine abusatissimo da noi copy) a livello professionale e personale. Non tornerei mai indietro!

Qual è il cappello che indossi più spesso tra i tanti ruoli che rivesti?

Oggi, senz’altro quello di copy. Se mi guardo allo specchio è quello che mi sta meglio perché è il mio cappello preferito. Se è comodo non ti saprei dire, certi giorni quando non hai l’ispirazione ti sta stretto da farti venire mal di testa, ma quando s’accende quella classica lampadina, indossarlo è meraviglioso e me lo si legge in faccia.

Che cosa ti affascina di più dell’uso della parola?

Una sola virgola può stravolgere il senso di una frase, immagina cosa può fare una parola al posto giusto.

L’ho imparato studiando da copy ma anche intervistando i personaggi più diversi e lavorando nell’ambito della comunicazione politica.

In realtà non m’innamoro del claim o dello slogan fine a se stesso, ma delle sensazioni che provocano leggendoli. Quando capisci che quelle due o tre parole, messe insieme in quell’ordine e in quel contesto, hanno un potenziale enorme. È questo che m’affascina di più.

Come ha rivoluzionato la tua attività l’avvento della Rete?

La rivoluziona ogni giorno. Quando pensi di averci capito qualcosa ecco che arriva il nuovo algoritmo di Google, ecco che i guru del marketing cambiano le regole del gioco facendoti dubitare di quanto hai appreso fino a quel momento.

Però quant’è più facile lavorare con la Rete!

Come ti aggiorni?

Seguo seminari e conferenze appena posso.

In una professione non ancora “regolata” come quella del copywriter è fondamentale aggiornarsi continuamente, specie perché la continua evoluzione del linguaggio e delle regole del web ci obbliga a farlo, altrimenti meglio cambiare mestiere.

Leggo testi di altri copy e pubblicitari stranieri, da Claude Hopkins a Domenico Colella. E poi seguo i blog di alcuni SEO e butto anche un occhio alla concorrenza che non fa mai male…

Hai qualche consiglio da dare a coloro che vogliono seguire le tue orme?

Guarda, ti stupirò. Non parlerò né di perseveranza né di fiducia in se stessi.

Secondo me il consiglio migliore è sempre quello di far leggere il tuo claim, la tua headline o il tuo copy a tua moglie/marito, mamma/papà o a quello seduto di fianco a te al bar.

Insomma, a qualcuno che non si interessi minimamente di marketing e advertising.

Fagli leggere quello che hai scritto prima di inviarlo al cliente. Ho imparato negli anni che il suo giudizio è molto più importante di quanto si pensi e, talvolta, ti può perfino dare la dritta vincente…

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito ad iscriverti alla mia Newsletter o a richiedere una mia consulenza e, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, a condividere questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Luca Spinelli. Come crearsi un lavoro al tempo della crisi e vincere la propria scommessa

Oggi, mio caro lettore, ti porterò a conoscere Luca SpinelliSEO e webmaster freelance, che ha colpito la mia attenzione il giorno in cui mi sono imbattuto in un articolo sul suo blog in cui spiegava per filo e per segno la strategia da lui seguita per crearsi la sua opportunità lavorativa.

Questo ragazzo non si è perso d’animo a causa della “crisi”, delle mancate risposte ai CV inviati o alle offerte di lavoro poco serie che gli sono state fatte, ma ha aguzzato l’ingegno ed alla fine ha vinto la scommessa fatta su se stesso.

Buona lettura!

Quanti anni hai e dove abiti?

Ho 20 anni ed abito a Lissone.

Qual è stato il tuo percorso scolastico?

Ho studiato presso l’ITCG Europa Unita, della città in cui abito, ragioneria e dopo cinque anni d’intenso studio (spero che non ci creda nessuno) mi sono diplomato come Ragioniere e Perito Commerciale.

Il mio percorso scolastico è poi proseguito presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca dove mi sono iscritto a Sociologia, facoltà che però, dopo due anni, ho abbandonato per dedicarmi alla libera professione.

Hai avuto qualche esperienza lavorativa durante gli anni dei tuoi studi?

Se uno stage scolastico in 4° superiore presso il Comune della mia città e qualche lavoretto sul web come freelancer valgono, allora sì; altrimenti: no, non ho mai avuto esperienze lavorative.

Ora, che lavoro fai?

Oggi sono un libero professionista e più nel dettaglio un SEO e un webmaster.

Per i non “addetti ai lavori” mi occupo di posizionamento sui motori di ricerca e di creare, gestire ed ottimizzare siti web per PMI o privati.

Dal momento che inviando il tuo CV non riuscivi a trovare uno stage serio o un lavoro, quale strategia hai adottato per risolvere la situazione e volgerla a tua favore?

Dopo decine di CV inviati ho fatto due cose:

  1. Ho scritto un articolo sul mio blog in cui informavo i miei lettori d’essermi messo alla ricerca di un lavoro in ambito SEO.

  1. Poi mi sono mosso per aprire la P.IVA. Dato che nessuno poteva o voleva offrirmi un lavoro, me lo sono creato da solo.

Quali risultati hai ottenuto?

Ho trovato i miei primi clienti prima ancora che il commercialista mi consegnasse la P.IVA e dopo neanche quattro mesi dalla sua apertura sono più che soddisfatto dei risultati che ho ottenuto.

Di fatto ho uno “stipendio” migliore di molti coetanei che conosco. E vengo pagato per fare qualcosa che amo profondamente.

Quando hai aperto la Partita Iva che regime hai adottato?

Ho adottato il regime dei minimi. Un regime che consiglio a chiunque.

Pagare le tasse solo in base alla differenza fra ricavi e costi è qualcosa di eccezionale (in alcuni paesi è la normalità) che dovrebbero poter fare tutti e non sono le persone che possono accedere, finché possono usufruirne, al regime dei minimi.

Quale strategia di marketing utilizzi per trovare nuovi clienti?

Attualmente, nessuna. Ci credi?

Il mio blog l’ho archiviato ed il mio sito web è in (ri)costruzione.

Quindi non uso più neanche lo strumento che mi ha lanciato in questo mondo.

In futuro, però, (Gennaio 2016 data in cui verrà pubblicata la nuova e definitiva versione del mio blog) utilizzerò Facebook Ads, Google AdWords ed altri canali pubblicitari minori come gli annunci sponsorizzati di subito.it, vivastreet.it, ecc. .

Quale ruolo hanno il blogging ed i social network all’interno di questa strategia?

Come detto poco sopra, attualmente non sto sfruttando nessuna strategia, ma nel 2016 il blog sarà decisivo e verrà affiancato da diverse landing page con cui ho intenzione di convertire il traffico dei miei articoli.

Ai social network, invece, riserverò un ruolo marginale, fatta eccezione per Facebook per via di Facebook Ads, e di mero “customer care” se così si può definire.

Quali progetti hai per il futuro?

I progetti sono semplici, ma molto difficili da realizzare.

Sembra un ossimoro, ma non lo è (semplice non significa facile).

Quelli lavorativi?

Abbandonare la dipendenza dai clienti per concentrarmi e vivere, esclusivamente, dei miei business online. Ho molte idee che vorrei testare e rendere realtà.

Quelli personali?

Devo trasferirmi in un paese come il Canada, l’Islanda, la Norvegia o la Svizzera (al fresco, insomma), sposarmi, fare 1 o 2 pargoli e, forse, comprare una cosa come 5 cani.

Qual è il futuro della SEO, a tuo giudizio?

Un futuro incerto come ogni futuro. Credo che gli sviluppi tecnologici nel campo dell’IA (intelligenza artificiale, n.d.r.) saranno determinanti e che la SEO come la conosciamo oggi diventerà tutt’altra cosa.

Come si fa a riconoscere se si ha di fronte un webmaster o un SEO affidabile e non il solito personaggio improvvisato?

Bisogna fare una cosa molto semplice.

Nel caso del webmaster bisogna chiedergli di mostrarci 2-3 lavori che ha realizzato, magari tutti dello stesso tipo di quello che vogliamo che realizzi per noi.

Se ti serve un e-Commerce ed i tre siti che ti fa vedere sono, praticamente, tutti uguali c’è già qualcosa che non va (non so a quanti piaccia avere un negozio graficamente identico, magari, a quello di un concorrente).

Nel caso del SEO vedere qualche risultato di posizionamento non è una brutta idea, ma ti direi anche di fargli una domanda specifica: “Che posizione mi garantisci ed entro quanto?”. Se ti risponde la 1° entro una data precisa allora storci il naso.

Nessun SEO può garantire niente entro una data X o per lo meno se lo fa assicurati che nel contratto ci sia una clausola che preveda il rimborso (parziale o totale) nel caso in cui il risultato non venga raggiunto entro la data indicata.

Ed ora che siamo giunti al termine di questa bella ed illuminante intervista, mio caro lettore, non mi resta che salutarti dandoti appuntamento al prossimo post e ricorda:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico

Riccardo Russo. Web Marketer & Blogger a 16 anni

Oggi, mio caro lettore, faremo un salto in Sicilia per conoscere attraverso questa mia intervista un giovanissimo talento del web Riccardo Russo, fondatore dell’omonimo blog e web marketer.

Buona lettura!

Quanti anni hai e dove vivi?

Ho 16 anni e vivo a Messina.

Che tipo di scuola stai frequentando?

Frequenterò da settembre il quarto liceo scientifico.

Come nasce la tua passione per il web?

È nata per puro caso gestendo delle pagine Facebook all’età di 12 anni.

Proporzionalmente al grado di successo ottenuto arrivarono le prime proposte di lavoro da persone che erano intente ad acquistare pubblicità.

Ho notato che le cose giravano per il verso giusto, scoprendo che intorno a ciò vi era un vero e proprio business.

Decisi, allora, di dedicare del tempo per studiare approfonditamente le varie materie digitali.

Quanto tempo dedichi a formarti per migliorare le tue conoscenze?

Dedico mediamente due ore al giorno per migliorare le mie conoscenze e per aggiornarmi su tutti i cambiamenti che avvengono nel mondo digital.

Quali blog segui per questo scopo?

I blog che leggo, che postano contenuti ed offrono un reale valore in questo ambito sono molteplici.

Alcuni esempi possono essere quelli di Davide Pozzi e Dario Vignali, MySocialWeb di Riccardo Esposito, SocialMediaCoso di Francesco Ambrosino o skande di Riccardo Scandellari.

Leggi libri a tema e/o partecipi a dei corsi?

Sì, leggo molti libri a tema, inerenti principalmente alla SEO, ai Social Media, al blogging ed all’Inbound Marketing.

Qual è stato il tuo primo lavoro da freelancer?

Il mio primo lavoro da freelancer è stato come Social Media Manager.

Come promuovi la tua attività?

Tutto ciò che riguarda la promozione della mia attività lo devo al mio blog.

Attualmente, non porto avanti alcun tipo di campagna di advertising, ma cerco soltanto di farmi trovare al momento giusto sui social network e sui motori di ricerca.

Come gestisci un cliente difficile?

Mi mostro empatico nei suoi confronti e gestisco la situazione con molta pazienza.

Nella tua regione gli imprenditori capiscono l’importanza di essere presenti su Internet e, di conseguenza, quanto sia prezioso il tuo lavoro?

Purtroppo no o, comunque, non appieno. La digitalizzazione in Sicilia è piuttosto arretrata.

Di conseguenza gli imprenditori non riescono a capire quanto possa essere prezioso possedere un sito web o attuare delle strategie online.

Bisogna prendere atto del fatto che il mondo è cambiato e sta continuando a cambiare.

Le nuove tecnologie hanno rivoluzionato il nostro modo di vivere e noi non possiamo opporci a questo straordinario cambiamento. Dobbiamo adeguarci e cavalcare l’onda del web.

Che ruolo assume il tuo blog nella tua strategia di personal branding?

Il blog è di fondamentale importanza nella mia strategia di personal branding.

Tramite esso riesco a far “sentire” la mia voce e riesco a creare relazioni durature con i lettori e con altri blogger.

Quali social network utilizzi nella tua strategia di comunicazione?

Utilizzo principalmente Twitter, LinkedIn e Google+. Per adesso non sto prendendo molto in considerazione Facebook, nonostante sappia il potenziale enorme che c’è dietro.

Qual è il tuo tool preferito?

Trovo davvero utili una decina di tool, soprattutto quelli messi a disposizione da Google. Ma il mio preferito resta SocialBro.

Dopo la maturità come vedi il futuro? Pensi di andare all’università, di metterti subito a lavorare oppure di andare all’estero?

Bella domanda. La risposta non sarà semplice o definitiva perché non riesco a prevedere il mio futuro. Sono certo del fatto che se dovessi perseguire una carriera universitaria, dovrò riuscire a far coesistere gli studi con la mia attività online.

D’altra parte mi piacerebbe mettermi a lavorare da subito, magari come freelancer, in altre città o all’estero. Mi stuzzica, infine, l’idea di fare il nomade digitale: colui che viaggia in giro per il mondo e lavora, semplicemente, tramite un laptop ed una connessione ad internet.

Adesso mi rivolgo a te che stai leggendo questa intervista:

Sappi che oggi devi essere pronto a cambiare. Devi provare a cambiare vita. Devi distaccarti dagli stupidi modelli imposti dalla società.

Il consiglio che do ai miei coetanei è quello di sognare. Sognate il più possibile. Fate la vita che realmente volete fare. Ponetevi un obiettivo e perseguitelo con tutte le vostre forze. Salite sul carro del web ed unitevi al cambiamento!

Francesco Panìco: BlogFacile.net

Oggi, mio caro lettore, attraverso la mia intervista ti presenterò Francesco Panìco, fondatore di BlogFacile.net e Copy Editor professionista con una grande passione per l’informatica ed il web.

Buona lettura!

Quanti anni hai e dove vivi?

Compirò 33 anni a settembre e, attualmente, vivo nella fiabesca Versailles.

Come mai ti sei trasferito in Francia? La motivazione è ancora valida?

È stato quasi un caso. Dopo diversi anni di lavoro in Italia, avevo voglia di confrontarmi con nuove realtà, di immergermi in una nuova cultura ma purtroppo la mia conoscenza superficiale delle lingue straniere e il mio impiego da dipendente sono stati sempre un freno.

Ma il destino ha voluto che conoscessi una ragazza francese. Così insieme all’amore è arrivata l’opportunità di trasferirmi all’estero.

Adesso, vivo qui insieme alla mia compagna. Ammetto che è lei la motivazione principale del mio trasferimento.

Cambiando nazione ho ritrovato stimoli assopiti da diversi anni di lavoro da dipendente. Ho deciso di darmi da fare per farmi conoscere sul web (era da sempre un sogno nel cassetto) e di rimettermi a studiare le lingue straniere anche se sono un vero testone quando si tratta di apprendere una nuova lingua.

Ora, dopo quasi un anno, parlo un discreto francese.

Qual è stato il tuo percorso di studi?

Mi sono diplomato, nel 2001, in un istituto tecnico di Foggia, la mia città di origine, specializzandomi negli studi d’informatica.

Ho sempre avuto il pallino dei computer. Mi è stato trasmesso senz’altro da mio padre, che ha iniziato a parlarmi di PC e schede madri, già, da quando avevo meno di 12 anni.

Due mesi dopo aver preso il diploma ero, già, nel mondo del lavoro e solo qualche anno dopo, nel 2004, decisi di iscrivermi alla facoltà di informatica dell’Università di Bari.

Tuttavia non mi è mai riuscito di far bene due cose contemporaneamente. Tanta stima per chi riesce a studiare e lavorare allo stesso tempo, ma non fa per me. Così rinunciai alla mia avventura universitaria dopo appena un anno.

E a dirla tutta, ho avuto l’impressione che l’istruzione universitaria fosse troppo lontana da quello che serviva nel mondo del lavoro. Così ripresi a dedicarmi a tempo pieno al mio impiego principale.

Quali sono state le tue esperienze lavorative prima dell’attuale e in che cosa ti hanno arricchito professionalmente?

Nel 2001 ho cominciato a lavorare per una piccola casa editrice della mia città.

Era un’attività legata soprattutto a stampe di tipo religioso, ma il suo cavallo di battaglia era il calendario da muro che ogni anno i fedeli di San Pio da Pietrelcina attendevano con ansia. Si preparava e stampava in decine di migliaia di copie, e andava a ruba.

Veniva spedito in tutto il mondo, oltre che in Italia.

Eravamo quattro dipendenti e io mi occupavo un po’ di tutto: dalla redazione di testi alla correzione delle bozze, dalla gestione del database degli abbonati all’organizzazione del processo di spedizione.

È stato, soprattutto, in quegli anni che ho iniziato ad acquisire diverse delle mie conoscenze. Ho imparato tanto sul campo dell’editoria e del copywriting.

Inoltre, mi sono specializzato nell’uso di programmi come FileMaker e InDesign.

Oltre a comporre il calendario annuale di Padre Pio, mi occupavo della revisione e dell’impaginazione di diversi altri testi (religiosi e non), e di gestire il sito web che promuoveva la casa editrice.

Già intorno al 2006 avevo a che fare con Google Analytcs, Mailing list e Newsletter.

Dal 2011 ho iniziato a collaborare con un’altra casa editrice, molto più grande e consolidata. Anche questa operava nel campo delle stampe religiose, pubblicando riviste mensili e annuali.

Dopo qualche anno, però, non ero più felice. Non avevo più stimoli, non crescevo più a livello personale e professionale, e molti degli incarichi che ricevevo mi sembravano noiosi. Così il mio rapporto di lavoro, a metà del 2014, s’interruppe.

Di che cosa ti occupi attualmente?

Attualmente, mi occupo a tempo pieno di BlogFacile.net. Ho diversi progetti in cantiere da sviluppare. Il mio obiettivo e di farlo crescere fino a farlo diventare la mia fonte di reddito principale.

Quali vantaggi e quali svantaggi ha la tua attività da freelancer?

Non mi sono ancora dedicato ad una vera e propria attività da freelancer. Negli anni ho capito cosa mi piace fare e cosa, invece, detesto.

Non ho la pazienza di portare avanti i rapporti con i clienti.

Certi clienti possono essere, davvero, un incubo.

Troppe volte ho visto clienti perennemente indecisi e insoddisfatti, troppo volte ho visto fatture non saldate e lavori di ore ed ore pagati una miseria.

Quindi non ho mai pensato di lavorare come freelancer.

A volte, faccio piccole consulenze e do qualche consiglio a chi mi chiede aiuto ma finora ho rifiutato relazioni di lavoro più “stabili”.

Torneresti a fare il dipendente?

Il mio obiettivo è quello di guadagnare con il mio blog, attraverso gli infoprodotti, ma potrei anche prendere in considerazione delle collaborazioni con altri progetti online.

Nel frattempo, non ho paura di mettermi a fare qualsiasi lavoro da dipendente per arrotondare.

Come gestisci un cliente difficile?

Ormai ti sarà chiaro: li evito 🙂

Come stabilisci il prezzo delle tue prestazioni professionali?

Nonostante non abbia mai prestato le mie capacità professionali per lavori occasionali, penso che bisogna imporre un prezzo adeguato alle ore che un lavoro prende, senza stare lì a tirarla troppo per le lunghe.

Un giorno potrei accettare una collaborazione di lavoro, ma solo ad un prezzo “giusto”, che paghi non solo le ore del mio tempo ma anche le mie competenze.

Se devo lavorare per 10 euro all’ora, preferisco fare il cameriere in qualche ristorante di Parigi. Paga meglio e dà meno problemi 🙂

Come nasce il tuo blog?

Nasce come una sfida personale, un modo per mettere alla prova le mie capacità. Ma anche dalla voglia che avevo di condividere le mie conoscenze per aiutare chi ha voglia di avvicinarsi al mondo del web.

Ho notato che in Italia c’è ancora un certo analfabetismo informatico che impedisce a molte persone di usare la Rete per promuoversi.

Per questo ho creato BlogFacile.net. Per dare a chiunque la possibilità di imparare ad usare il web come mezzo di comunicazione e di promozione.

A chi si rivolge e a quali problemi dà soluzione?

Oggi qualunque professionista e qualunque attività ha bisogno di farsi conoscere e di rendersi visibile. E per far questo Internet è un mezzo indispensabile.

Il mercato del lavoro si sta evolvendo in questo senso e molti, da questo punto di vista, sono ancora indietro.

BlogFacile vuole essere una risorsa valida per tutti i professionisti e i piccoli imprenditori che hanno bisogno di crearsi visibilità e vogliono imparare a farlo.

Quale strategia di comunicazione hai utilizzato per lanciarlo?

Sono partito da zero, senza usare liste di contatti già esistenti.

Partire così è il modo più difficile. Per avere subito traffico e visibilità ho usato Facebook ADS e ho interagito con altri blogger, scrivendo guest post o facendo loro interviste.

Ma penso che scrivere guest post per i blogger più conosciuti della propria nicchia sia il modo migliore per farsi conoscere subito.

Gli sforzi fatti in ottica SEO pagano solo dopo diverso tempo.

Come ti rapporti coi social network?

Sono social dipendente. In pratica sono su tutti i social. Cerco però di usare il mio tempo su queste piattaforme in maniera utile. Li uso per seguire i gruppi e le persone di mio interesse e per capire cosa la gente ama e quali sono gli argomenti di discussione più caldi. Quindi provo a trarne spunti interessanti per scrivere nuovi articoli. O forse è tutta una scusa per giustificare la mia dipendenza… 🙂

Qual è il tuo social network preferito?

Sarò banale ma dico Facebook. Credo che sia il social maggiormente innovativo e con le maggiori ambizioni di sviluppo.

Inoltre, offre numerosi strumenti utili a noi blogger.

Ha tool di statistica e di promozione davvero unici.

Quali tool utilizzi per facilitare il tuo lavoro?

Feedly per seguire i blogger più interessanti. Pocket per conservare i contenuti davvero utili.

Ma lo strumento davvero indispensabile, per me, è OneNote: l’ho installato su tutti i miei dispositivi. Grazie a OneNote posso annotare in qualunque momento idee e appunti e avere sempre a portata di mano le mie numerose liste.

Lo ammetto, sono un fan delle liste e ne ho una per ogni cosa: per le cose da fare, per gli articoli da scrivere, per le idee da sviluppare, per i libri da leggere, per le nuove parole in francese che imparo…

Come ti vedi tra dieci anni?

Mi facevo questa domanda quando avevo il mio vecchio lavoro da dipendente. E mi rispondevo che mi vedevo con un buon posto di lavoro, con una situazione economica stabile, ma schiavo di una monotonia logorante. E mentre mi facevo quella domanda, guardavo dalla finestra del mio ufficio e mi sentivo come un uccello in gabbia.

Adesso, ho smesso di farmi questa domanda perché penso che il momento più importante da vivere, per ogni persona, sia il presente.

È nel presente che dobbiamo lavorare per i nostri progetti.

È oggi che abbiamo la possibilità di realizzare i nostri sogni.

Ruben Vezzoli. Un talento italiano

Caro lettore, oggi ti voglio presentare Ruben Vezzoli, il più giovane tra i professionisti del web che hanno colpito la mia attenzione.

Ruben ha in comune con tutte le altre persone che ho intervistato fino ad ora la determinazione con cui s’impegna nella realizzazione delle proprie aspirazioni lavorative.

Magari, mio caro lettore, la vita ti costringerà a fare un doppio lavoro per poter inseguire i tuoi sogni o le tue passioni.

Però, non farlo in un periodo storico dove il mito del posto fisso è finito, sarebbe un vero delitto.

La mia speranza è che questa serie d’interviste ti sproni a realizzarti.

Non tenere chiusa la canzone che è in te per paura di ciò che ti aspetta o per compiacere chi ti sta vicino.

La vita è un viaggio meraviglioso che dura un battito di ciglio.

Non arrivare al suo termine pieno di rimpianti per non essere riuscito ad esprimere te stesso, il tuo vero Io.

Buona lettura!

Quanti anni hai e dove vivi?

Ho 19 anni e vivo a Piario, un piccolo paesello della provincia di Bergamo.

Che indirizzo hai scelto alle superiori?

Mi sono appena diplomato come ragioniere all’IISS “Andrea Fantoni” di Clusone.

Come nasce la tua passione per la SEO, il Web Marketing e il Web Design?

Durante il primo anno di scuola superiore il mio istituto organizzò un corso su come creare siti web attraverso il CMS Joomla e da lì è nato tutto.

Il tuo è un talento naturale oppure di famiglia?

No, no del tutto naturale 🙂 .

Hai appena finito le superiori. Pensi di frequentare l’Università o di metterti, subito, a lavorare?

Ho, momentaneamente, accantonato l’idea di frequentare l’università perché ad agosto mi trasferirò a Berlino per 6 mesi per fare uno stage presso una start-up che lavora nel settore dell’e-commerce.

Come vedi il tuo futuro lavorativo: freelancer o dipendente?

Difficile prevedere il futuro. A me piace molto l’idea di diventare freelancer.

Pensi di rimanere in Italia o di emigrare all’estero?

Per 6 mesi emigrerò a Berlino. Poi si vedrà.

So che mentre eri libero da impegni scolastici hai avuto delle esperienze lavorative. Come hai trovato il tuo primo cliente?

Il mio primo cliente mi ha contattato dopo aver visto il mio blog.

Ti è mai capitato un cliente difficile? Come lo hai gestito?

Sì ed, oltretutto, era una persona che conoscevo piuttosto bene; ma con pazienza sono riuscito ad accontentarlo.

Ipotizziamo che tu decida di fare il freelancer. Quale strategia adotteresti per trovare nuovi clienti?

Il passaparola è fondamentale.

Però anche il mio sito è un “luogo” dove ho il primo approccio con i miei clienti.

Com’è una tua giornata lavorativa tipo?

La mia passione è iniziata durante gli anni scolastici, quindi diciamo che non era un vero e proprio lavoro a tempo pieno.

Solitamente, accendevo il computer verso le 17.00 e lavoravo ai miei progetti fino alle 23.00. E dopo fino a quando non mi addormentavo dedicavo quel momento alla lettura di blog e libri tematici.

Quali sono i tuoi tool preferiti?

Non ne ho di preferiti anche perché ogni giorno ne scopro di nuovi.

Penso che i tool che fornisce Google siano, davvero, molto utili e ben fatti.

Qual è il tuo social network preferito?

Penso Facebook.

Anche se può sembrare una scelta ovvia, in realtà ritengo che sia uno dei social media più difficili da utilizzare per fare promozione.

Consideri il blog uno strumento ancora utile?

Sì, molto utile.

Che ruolo assume il tuo blog nella tua strategia di comunicazione?

Il mio blog è un elemento centrale della mia strategia di comunicazione.

Mi permette di rapportarmi con i clienti e confrontarmi con altri professionisti più esperti di me.

Massimo Ponzano: Empower Network

Oggi, mio caro lettore, ti propongo l’intervista che ho fatto a Massimo Ponzano, un amico di vecchia data, che attualmente è impegnato in Empower Network, un’attività che proviene dagli Stati Uniti e che offre la possibilità, a chi vi partecipa e s’impegna nello studio delle tecniche di web marketing che vengono fornite, di realizzare importanti guadagni sfruttando le proprie capacità di blogger e il supporto dato dalla potenza della loro piattaforma informatica e dei loro servizi.

Buona lettura!

* * *

Qual è stato il tuo percorso scolastico e quale quello lavorativo?

Innanzitutto permettimi di ringraziarti per questa opportunità che mi auguro possa offrire qualche spunto di riflessione ai tuoi lettori e possa invogliarli ad approfondire quello di cui parleremo.

Dopo il liceo scientifico, mi sono laureato in ingegneria chimica, ma non ho mai svolto tale professione. Sono subito partito per Londra, dove ho vissuto per qualche mese. Una volta tornato in Italia ho fatto di nuovo le valigie e da Genova, città in cui allora risiedevo, mi sono spostato a Torino, dove ho vissuto due anni. Dopodiché mi sono trasferito a Roma per tre anni ed, infine, sono tornato a Genova, dove mi sono sposato e tuttora vivo.

In tutto questo tempo ho lavorato per una multinazionale operante nell’industri petrolifera, ma da ormai dodici anni lavoro nel settore dell’ICT, in un’azienda il cui core business è rappresentato da sistemi di Call e Contact Center e da applicazioni di CRM.

Premetto che fino a qualche mese fa  sapevo poco di web marketing e network marketing ma, poi, ho letto un’intervista di Bill Gates nella quale lo stesso dichiarava: “Le persone che non hanno un business online e che non sono sui social network nel prossimo futuro rimarranno fuori da qualunque attività commerciale”.

Alcune persone, a me vicine, hanno sorriso a questa affermazione. Io, invece, proprio da quel momento, mi sono messo a studiare come poter sfruttare il web in maniera professionale, cercando di capire se e come fosse possibile trasformare una passione in un lavoro. Non ci vuole, infatti, molto per capire che Internet è oggi uno dei pochi settori che continua a creare posti di lavoro. Il suo attuale valore è stato calcolato in 1 trilione di dollari. 

Forse non tutti sanno che le attività online sono in crescita continua e costante da parecchi anni. Dati alla mano, negli Stati Uniti, ogni 10 secondi nasce un nuovo business basato sul lavoro da casa.

Giacché a me piace, sempre, parlare di cose concrete vi porto ad esempio quello che sta succedendo nel mercato della pubblicità online. Lo voglio fare brevemente invitandovi a leggere il rapporto annuale AdEx Benchmark, realizzato da IAB Europe, punto di riferimento sullo stato del mercato europeo dell’advertising online.

Sappiamo tutti che il 2012 è stato un anno di crisi durissima per l’Europa, ma nonostante questo, il settore della pubblicità online ha registrato un’aumento dell’11,5%, pari a un valore di 24,3 miliardi di euro. Incredibile, vero?

Video e mobile sono gli ambiti che hanno registrato i maggiori tassi di crescita: il primo ha fatto registrare un +50,6% (circa 661,9 milioni di euro), il secondo ha registrato un exploit del 78,3% (circa 392 milioni di euro). Questo credo che confermi l’importanza del settore.

Se volete acquisire ulteriori informazioni a riguardo andate a leggere l’articolo, pubblicato il 31 maggio 2013, sul sito de Il Sole 24 Ore nella sezione Nova24Tech/Business.

Un altro mercato incredibile è quello delle App. Pochi sanno che Facebook ha oltre 1,01 miliardi di utenti che hanno caricato 219 miliardi di foto (dato aggiornato al 10 settembre del 2012, n.d.r.) e che Twitter ha oltre 500 milioni di utenti che ogni giorno si scambiano migliaia di tweet.

Per me sono numeri straordinari che denotano la salute di questo settore. Ed allora mi ci sono buttato. Non essendo né un inventore né un programmatore ho iniziato da ciò che è alla portata di tutti: bloggare.

Che cos’è Empower Network e come sei venuto a conoscenza di questa realtà?

Un giorno dello scorso novembre, la mia curiosità, e quella di un gruppo ristretto di amici fidati, mi ha portato ad assistere, comodamente seduto nel salotto di casa mia, ad un webinar online che si svolgeva dall’altra parte dell’oceano. Tutti noi siamo rimasti affascinati dalla personalità di colui che teneva il seminario. Tutto è successo perché avevamo capito che quell’uomo aveva reso semplice ed alla portata di tutti una cosa straordinaria di cui si sente sempre più parlare, ma che in pochi sanno fare davvero e, soprattutto, ne comprendono le potenzialità: bloggare. 

Un blog, così come è descritto su Wikipedia, è un particolare tipo di sito web in cui i contenuti vengono visualizzati in forma cronologica. Esso è gestito da uno o più blogger che pubblicano contenuti multimediali, in forma testuale o in forma di post, concetto assimilabile o avvicinabile ad un articolo di giornale.

Ma cosa ci può essere di straordinario in un blog?

Semplice: la sua capacità di attirare “traffico”, cioè visitatori. E’ come avere un negozio, senza dover investire le cifre necessarie per aprire un punto fisico. Se poi il nostro “negozio” è bello e confortevole, saremo in grado di vendere i nostri prodotti (o info-prodotti).

Ma avere un bel blog, funzionale e, soprattutto, con tante visite, non è così semplice. E soprattutto non è da tutti avere dei prodotti da vendere attraverso di esso. Con Empower Network i miei amici ed io abbiamo subito capito che potevamo cogliere i famosi “due piccioni con una fava”. Così il 2 dicembre 2012 siamo partiti con il progetto Team Market Badass.

Cosa ti ha convinto ad investire tempo e denaro in questa attività?

Di certo la mia voglia di imparare cose nuove è stata una grande ed importantissima leva, ma, da buon genovese, ti posso anche dire che l’investimento iniziale di soli $ 25 è stato altrettanto convincente. Con quella cifra, infatti, avevamo a disposizione un blog già pronto all’uso, altamente indicizzato da Google, ed un corso online per imparare ad ottimizzare il SEO score, usare i TAG e capire al meglio tutte le tecniche di info-marketing più avanzate. L’unico problema era legato al fatto che tutto il materiale di supporto era in inglese ed, allora, ci siamo messi di buzzo buono e lo abbiamo tradotto per dare a tutti i nostri amici l’opportunità di studiarlo. Ed i risultati non hanno tardato ad arrivare.

Ti promuovi attraverso i social network? Come avviene tale promozione?

Ho imparato (e sto ancora imparando) ad usare in maniera diversa da quella più comune: Facebook, Twitter, Linkedin, YouTube, Google+ ed altri social network meno famosi in Italia, ma molto conosciuti nel resto del mondo. Ogni giorno scrivo un post sul mio blog e poi lo condivido, aspettando che il mio blog faccia il resto. Ci sono molte tecniche di promozione, ma non è semplice spiegare tutto in poche parole: bisogna studiare.

 Empower Network ti ha portato dei guadagni?

Sarei bugiardo se ti dicessi che ho intrapreso questa attività solo per il gusto di imparare una cosa nuova. A distanza di poco meno di tre mesi, infatti, il lavoro fatto con il mio blog ha iniziato a dare buoni frutti. Nulla accade per caso ed Internet non è la “gallina dalle uova d’oro”, nel senso che se non fai nulla non guadagni nulla, ma come mi piace spesso ripetere: “Se vuoi avere cose che non hai mai avuto, devi iniziare a fare cose che non hai mai fatto”.

Nel nostro team ci sono ragazzi che si sono dedicati anima e corpo a questo progetto e per loro Empower Network è diventato da tempo un vero e proprio lavoro, con la differenza che lo possono fare da casa o da dove vogliono (basta avere una connessione ad internet ed un tablet). E ti posso assicurare che le loro entrate sono decisamente interessanti.

Vero è che ognuno di noi ha i suoi parametri. Ma credo di poter dire, senza paura di essere smentito che Empower Network dà loro un vero stipendio.

Oltre a questo lavoro ne fai anche altri?

E come potrei non fare altre cose? In questo momento sto partecipando al lancio di un nuovo social network di cui, presto, tutti sentirete parlare perché cambierà il nostro modo di fare acquisti online. Questo è un progetto assolutamente innovativo, ideato e progettato, tra gli altri, da Adam D’Angelo. Per chi non lo conoscesse suggerisco di andare a cercare il suo nome su Google per capire chi è questo ragazzo e perché questo progetto sarà un successo. Partecipare al network è assolutamente gratuito fino al momento in cui non si capisce quanto sia importante abbandonare la figura di semplice fan e diventare un vero e proprio player. I risultati che sto ottenendo sono strabilianti ma di questo potremmo parlarne un’altra volta.

In Internet si trovano, oltre a diverse persone entusiaste di Empower Network, di solito questi ultimi sono degli affiliati, anche molti detrattori che lo paragonano ad un moderno Schema Ponzi (per intenderci: il sistema utilizzato dal finanziere americano Bernard Madoff per truffare i suoi clienti, n.d.r.). Alla luce di questa critica, tu in coscienza, ti sentiresti di consigliarlo ad un disoccupato?

Internet è uno strumento straordinario, ma bisogna imparare ad usarlo. Solitamente chi “parla male” di un business online lo fa dalle pagine del suo sito che, così facendo, attira visite e guadagna dalla pubblicità. Lo Schema Ponzi è un sistema truffaldino e invito tutti a girare alla larga da chi promette grandi e facili guadagni. Come ho detto in precedenza Internet non è la gallina dalle uova d’oro, bensì una grande opportunità per crearsi un lavoro ed un reddito lavorando da casa.

Empower Network è stato fondato il 31 ottobre 2011 da David Wood e David Sharpe e da allora ha coinvolto oltre 72.000 persone, di cui il 95% negli States, pagando oltre $ 20 milioni di commissioni (dati aggiornati al dicembre 2012, n.d.r.).

Empower Network e noi del team italiano non garantiamo guadagni facili, ma assicuriamo il massimo supporto a tutti coloro che vogliono imparare un mestiere nuovo come quello che si può fare con Empower Network.

Abbiamo realizzato un sito di supporto in italiano totalmente gratuito a cui tutti gli affiliati di Empower Network possono accedere. Abbiamo alcuni gruppi Facebook privati in cui ci scambiamo informazioni ed offriamo gratuitamente materiale utile per aumentare le visite ai blog degli iscritti. Spieghiamo cosa sono e come si costruiscono le squeeze pages ed i funnel, cosa sono e come si usano gli autorisponditori e molte altre cose ancora.

Io sono uno dei fondatori del Team Market Badass e posso garantire che Empower Network funziona. Ci sono alcune regole da seguire (noi la chiamiamo Core Checklist) e sono certo che un impegno serio e costante possa permettere a chiunque di avere degli ottimi risultati.

Empower Network è un sistema di blogging virale che si vende da sé, essendo già altamente indicizzato da Google, ma sta a noi ed al nostro impegno rendere affascinante il nostro blog che ci viene fornito pronto all’uso e con tutte le istruzioni per portarlo ai primi posti di Google a portata di mano.

A noi spetta il compito di creare contenuti interessanti, parlando delle nostre passioni, di sport, di cucina, di viaggi, di teatro, di cultura, di politica o di qualunque cosa ci piace e serva a “vendere” la nostra immagine e la nostra professionalità.

A questo punto, non posso che ringraziare tutti coloro che sono arrivati a leggere fino in fondo questa lunga intervista, sperando di non aver annoiato nessuno, ma, al contrario, di avervi incuriosito almeno un po’. Un grazie particolare a te, Federico, per avermi offerto questa opportunità.

A presto,

Max

* * *

A questo punto, mio caro lettore, non mi resta che salutarti e darti appuntamento al prossimo post.

Ma prima di lasciarti ti invito a iscriverti alla mia Newsletter, “Fai Decollare Il Tuo Business!“, in cui pubblico consigli utili per coloro che vogliono aprire una nuova attività che sia solida e sostenibile nel tempo oppure per chi ce l’ha già e, semplicemente, vuole rilanciarla o vuol far crescere il suo fatturato.

E, se ti è piaciuto e lo hai trovato utile, condividi questo articolo coi tuoi amici. Grazie!

E ricordati:

Sii indipendente, reinventati e fai la differenza!

Federico